Skip to content

Nursing al trattamento delle lesioni traumatiche dell'aorta

Incidenza dei traumi vascolari nelle differenti regioni corporee

TRAUMI VASCOLARI NEL COLLO: l'incidenza di traumi vascolari maggiori a seguito di lesioni penetranti del collo è del 20%, mentre quella delle lesioni arteriose del collo derivanti da trauma contusivo è estremamente bassa, benché negli anni recenti vi sia stato un incremento di lesioni contusive carotidee dovute allo screening aggressivo. In una serie di recenti pubblicazioni, sono state segnalate 85 lesioni contusive carotidee in 67 pazienti, in un periodo di 11 anni. Il meccanismo più frequentemente in causa era l'incidente automobilistico (82%), seguito da incidente motociclistico (7%) ed aggressioni (6%). Il tasso di mortalità del trauma contusivo carotideo varia dal 20 al 40% e danni neurologici permanenti si verificano nel 25-80% dei sopravvissuti; gli esiti dipendono da numerosi fattori, tuttavia sono fattori chiave la dimensione e la posizione della lesione arteriosa. Negli ultimi anni l'identificazione di lesioni dell'arteria vertebrale è aumentata, probabilmente in riferimento all'uso liberale dei test di screening (angio-tc o angiografia del collo) a seguito di trauma sia penetrante che contusivo. L'incidenza di lesioni dell'arteria vertebrale dovute a meccanismo penetrante varia dal 1 al 7,5%; tale variazione è legata alle indicazioni per angiografia ed alcune di queste lesioni potrebbero non necessitare di intervento chirurgico. L'incidenza delle lesioni contusive dell'arteria vertebrale è bassa e tali lesioni sono comunemente associate con fratture vertebrali cervicali.

LESIONI DELL'AORTA TORACICA: una lesione contusiva dell'aorta toracica si verifica in seguito a brusca decelerazione, che produce forze di taglio nei punti di fissaggio dell'aorta e porta a lesioni transmurali. La maggior parte delle lesioni si colloca distalmente all'origine dell'arteria succlavia sinistra (65%), quantunque altri segmenti dell'aorta toracica, ad esempio l'arco (10%), l'aorta discendente (12%) o più siti (13%) possono essere lesionati. Gli incidenti automobilistici frontali così come gli impatti laterali costituiscono il meccanismo più frequente del trauma. Lesioni penetranti dell'aorta ascendente sono più comunemente prodotte da coltellate, mentre i colpi di pistola sono di solito il meccanismo di lesione della porzione discendente dell'aorta toracica.

LESIONI DELL'ARTERIA SUCCLAVIA ED ASCELLARE: la maggior parte delle lesioni delle arterie succlavia ed ascellare si verifica in seguito ad un trauma penetrante; l'incidenza varia dallo 0,9 al 3% dipendentemente dal meccanismo di lesione (coltellata od arma da fuoco), mentre è raro il trauma contusivo. Queste lesioni si verificano in seguito ad impatti frontali automobilistici ad alta velocità con rallentamento brusco e fratture alla clavicola od alla prima e seconda costa. Il tasso di mortalità è elevato e il più dei pazienti non raggiunge l'ospedale vivo.

LESIONI VASCOLARI ADDOMINALI: contrariamente ai dati riguardanti lo scenario militare, le lesioni vascolari addominali maggiori sono comuni nell'ambito civile, rappresentando circa il 30% di tutte le lesioni vascolari; per lo più (90-95%) sono dovute a meccanismo penetrante. Circa il 10% dei pazienti è sottoposto ad esplorazione chirurgica in seguito a ferita da taglio dell'addome ed il 20-30% di quelli sottoposti ad esplorazione chirurgica in seguito a lesione dell'addome da arma da fuoco soffre una delle principali lesioni vascolari. Il tasso di mortalità in ospedale varia dal 30 al 80% per le lesioni aortiche addominali e dal 30 al 65% per le lesioni della vena cava inferiore. Un elevato numero di pazienti non raggiunge vivo l'ospedale, morendo sulla scena o durante il trasporto. La morte è di solito dovuta a dissanguamento, malgrado le manovre aggressive di rianimazione e di primo intervento. A determinare la sopravvivenza, inoltre, è la posizione della lesione vascolare addominale: la facilità dell'accesso chirurgico è direttamente correlata con una maggiore possibilità di sopravvivenza.

TRAUMA VASCOLARE DEGLI ARTI: l'incidenza complessiva di lesioni arteriose in seguito a traumi penetranti degli arti (superiori od inferiori) è approssimativamente del 10%, in contrasto con l'1% in seguito a trauma contusivo. Le arterie brachiale, femorale e poplitea sono i vasi più frequentemente coinvolti; la maggior parte delle lesioni dell'arteria femorale è il risultato di un meccanismo penetrante, particolarmente da arma da fuoco. Di converso, un meccanismo contusivo è implicato nel 20-75% delle lesioni dell'arteria poplitea, malgrado in alcuni casi il meccanismo penetrante sia ancora predominante. Queste lesioni rappresentano il 19% di tutte le lesioni arteriose degli arti. Secondo una recente pubblicazione il tasso di amputazione si è notevolmente ridotto, il che riflette un sostanziale miglioramento nella gestione di queste gravi lesioni. L'incidenza delle lesioni vascolari inferiormente alla fossa poplitea è difficile da determinare in quanto la maggior parte di queste lesioni, quando isolate, non causano compromissione vascolare.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Nursing al trattamento delle lesioni traumatiche dell'aorta

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Noemi Patacchiola
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Infermieristica
  Relatore: Paolo  Sapienza
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 56

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

trauma
shock emorragico
atls
chirurgia vascolare
traumi arteriosi
trauma aorta addominale
injury
aorta addominale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi