Skip to content

Le fattispecie di apologia e istigazione alla luce del principio di offensività

Offensività e giurisprudenza costituzionale

Il principio di offensività nella giurisprudenza della Corte costituzionale può dirsi che viva una condizione alquanto ambigua e per certi versi contraddittoria: a fronte infatti di enunciazioni che lo vogliono accolto tra i parametri di rango costituzionale, pressoché mai gli è stata riconosciuta un'operatività in chiave dimostrativa, vale a dire una capacità di supportare una declaratoria di illegittimità costituzionale avente ad oggetto una disposizione con esso contrastante.
Lo strumento più frequentemente impiegato è stato quello delle sentenze interpretative di rigetto, in un quadro che ha visto una continua oscillazione tra sostanziale accettazione dei contenuti offensivi della fattispecie e, nel caso in cui fosse individuato uno scarto tra offesa e struttura, l'affidamento del rimedio all'opera interpretativa del giudice.
Le pronunce di questo tenore sono numerosissime e ciò che si tenterà di fare ora è offrire una scansione cronologica di quelle che paiono essere le tappe più significative del processo di cui si sono appena segnalati i caratteri fondamentali, cercando di isolare i profili evolutivi che hanno maggiormente contrassegnato la materia. Il discorso può prendere le mosse dalla sentenza n. 62 del 1986 in materia di detenzione illegale di esplosivi. Nel caso in questione i giudici sono chiamati ad esprimersi su profili di presunta illegittimità rilevati dal giudice a q u o e consistenti nell'assenza dell'indicazione nella legge di quantitativi minimi da considerare rilevanti ai fini della sicurezza pubblica. La posizione della Corte è paradigmatica dell'orientamento sopra sintetizzato e, pur dichiarando espressamente di non potersi pronunciare sul significato del reato impossibile in chiave di adesione o meno alla teoria realistica, afferma che l'art. 49 co.2 cp non può non giovare all'interprete al fine di determinare in concreto la soglia del penalmente rilevante e che è dunque compito del giudice (e non del legislatore) stabilire se una certa quantità di esplosivo sia inidonea ad offendere i beni tutelati dalle normative in discussione.
Nella stessa direzione si muovono altre pronunce concernenti ambiti diversi, ma contraddistinti anch'essi dal problema di una soglia quantitativa minima alla quale ricollegare l'idea di offesa.
Procedendo in ordine cronologico, l'ordinanza n. 437 del 1989 in materia di mancata conservazione di scritture contabili, richiama esplicitamente la sentenza 62/86 e dichiara che la formulazione della norma in questione nel giudizio non esclude interpretazioni tali da lasciare al giudice di merito un margine nel limitarne l'applicazione alle sole fattispecie omissive che, per entità, siano effettivamente in grado di ledere la funzione stessa della scrittura, preordinata alla ricostruzione della situazione patrimoniale.
Segue la medesima impostazione la sentenza n. 333 del 1991 relativa alla disciplina degli stupefacenti e delle sostanze psicotrope ai sensi della legge 685 del 1975. Qui si rinviene inoltre un motivo che sarà analizzato più approfonditamente a fine paragrafo, ossia il trasmodare del criterio di offensività verso la ragionevolezza, visto che l'eventuale violazione dell'art. 25 Cost. è esaminata in stretta dipendenza dall'eventuale violazione dell'art. 3 Cost., in riferimento ad una diversa ipotesi punita egualmente (nel caso di specie si contestava l'assoggettamento alla stessa sanzione sia del soggetto che cede la droga sia di quello che la consuma, quando la quantità di sostanza detenuta sia appena superiore alla dose media giornaliera, in forza di una implicita presunzione assoluta di spaccio). [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Le fattispecie di apologia e istigazione alla luce del principio di offensività

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Carlo Gatti
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Antonio Fiorella
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 233

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ordine pubblico
istigazione
offensività
apologia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi