Skip to content

Le armi di distruzione di massa in Iraq. Gli accordi, i conflitti e le strategie di potere

L'invasione anglo-americana

Intanto, il 20 gennaio 2001, George W. Bush vinse le elezioni presidenziali, diventando il quarantatreesimo Presidente degli Stati Uniti d'America. Egli, dopo un primo periodo di presidenza in cui sembrava avere prospettive isolazioniste in politica estera per gli USA, mutò profondamente la propria visione dopo gli attentati terroristici dell'11 settembre 2001. Fu allora che l'influenza della fazione cosiddetta neoconservatrice crebbe enormemente all'interno dell'Amministrazione Bush. I neocons erano guidati in primis dal vicepresidente Dick Cheney, dal segretario di Stato Condoleezza Rice e dal segretario della Difesa, Donald Rumsfeld e nella loro ottica gli USA avevano l'obbligo di esportare la democrazia all'estero, se necessario anche con la forza. Si sviluppava allora la "Dottrina Bush" che includeva il concetto secondo cui le nazioni che ospitano terroristi vanno considerate nemiche degli Stati Uniti. L'azione militare preventiva era quindi ampiamente giustificata per proteggere gli Stati Uniti dalla minaccia di attacchi terroristici. Bush utilizzò spesso termini generici come "Asse del male", "Esportazione di democrazia" e "guerra contro il terrore", evidenziando soprattutto il dualismo bene-male in modo da convincere il mondo che ogni azione degli Stati Uniti sarebbe stata giusta. Dunque uno degli obiettivi statunitensi diventava l'Iraq.
A questo punto gli Stati Uniti, visti i risultati delle ispezioni dell'ONU, dovevano trovare un pretesto per poter attaccare il regime di Hussein che, dopo anni di alleanza con la Casa Bianca, era ormai diventato un personaggio troppo scomodo e, nella logica americana, era giusto metterlo fuori dai giochi. Paul Wolfowitz, vicesegretario della difesa del governo Bush, in un'intervista, affermò che il problema delle armi di distruzione di massa era senz'altro il motivo per il quale tutta l'amministrazione Bush era d'accordo per far cadere il regime di Saddam. Il secondo era il supporto al terrorismo ed i presunti legami con Al-Qaeda e il terzo l'atteggiamento criminale nei confronti del popolo iracheno. Per quanto riguarda i primi due motivi non vi era alcuna prova certa contro l'Iraq. Le ispezioni dell'UNSCOM prima e dell'UNMOVIC dopo avevano di fatto dato esiti negativi riguardo la presenza di arsenali nucleari. Per quanto riguarda il legame con Al-Qaeda non erano mai stati trovati indizi a supporto di questa tesi. La non compatibilità tra il regime baathista e il gruppo terroristico stava soprattutto nell'ideologia: laico il primo, fondamentalista islamico il secondo.
L'amministrazione Bush inoltre fu fortemente criticata per aver utilizzato a proprio favore la testimonianza di un presunto ex-scienziato nucleare iracheno, Khidir Hamza. Egli, presentatosi come il bombmaker di Saddam, fornì informazioni alla CIA, sostenendo che i programmi di armi nucleari iracheni erano ancora in corso e soprattutto attivi. Dalle indagini dell'UNSCOM era emerso invece che Hamza era espatriato negli Stati Uniti nel 1994 e non lavorava più per il programma governativo iracheno di armi nucleari già dal 1990. Scott Ritter si scagliò contro il governo americano e contro i media americani per aver creduto alle parole di una persona su cui l'UNSCOM aveva già indagato e che non aveva più niente a che fare con il governo iracheno ormai da molti anni e inoltre di averlo utilizzato come un pretesto per poter attaccare l'Iraq.
Ma il programma propagandistico americano era appena iniziato. Durante il 2003 il New York Times pubblicò molte storie che ebbero senz'altro l'effetto di persuadere il popolo americano che attaccare l'Iraq fosse la cosa giusta da fare. Una storia in particolare, scritta da Judith Miller, aiutò a raggiungere questo obiettivo. Nel settembre 2002 scrisse a proposito di una spedizione intercettata di tubi in alluminio che il NYT sostenne fossero destinati allo sviluppo di un programma nucleare. Inoltre nell'articolo la Miller sosteneva che l'Iraq aveva intensificato la sua ricerca di materiali nucleari per riuscire a costruire una bomba atomica. Questa storia fu più volte citata in apparizioni televisive dai principali membri dell'amministrazione Bush, tra cui Donald Rumsfeld, Colin Powell e Condoleezza Rice, che utilizzarono questo articolo come cavallo di battaglia per giustificare l'eventuale invasione. Il problema fu però che in seguito emerse che tutte le informazioni di cui la Miller era entrata in possesso erano state manipolate e in seguito trascritte in un articolo nella maniera più conveniente. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Le armi di distruzione di massa in Iraq. Gli accordi, i conflitti e le strategie di potere

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alberto Cicora
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni Internazionali
  Relatore: Maurizio Vernassa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 39

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi