Skip to content

Impresa agricola e rapporti per l’inclusione socio-lavorativa

L’imprenditore agricolo professionale

Altra importante figura del diritto italiano, di origine comunitaria, è quella di imprenditore agricolo professionale. La primitiva figura di riferimento del diritto comunitario e destinataria delle rispettive sovvenzioni ê stata quella dell’imprenditore agricolo a titolo principale, introdotta dalla direttiva 159 del 1972, ed oggi sparita, ma che ha lasciato un importante lascito nell’impostazione comunitaria successiva cioê il requisito della professionalità che il soggetto imprenditore deve ancora possedere (sia grazie ad un titolo di studio che mediante l’esperienza acquisita).

Quando si parla di imprenditore agricolo professionale (o Iap) si parla, dunque, di un soggetto in possesso di conoscenze e competenze professionali specifiche richieste dal diritto comunitario. Con il d.lgs. n. 99 del 2004, si è introdotta anche nel nostro ordinamento tale figura che ha sostituito, tanto per le persone fisiche quanto per quelle giuridiche, quella di imprenditore agricolo a titolo principale.

L’imprenditore agricolo professionale rimane legato anch’esso al requisito comunitario della professionalità ma fa riferimento agli ulteriori parametri del lavoro e del reddito cui, in ambito comunitario, faceva riferimento la scomparsa figura dell’imprenditore agricolo a titolo principale. Tale disposizione ha stabilito una sostanziale equiparazione dell’imprenditore agricolo professionale a quella di coltivatore diretto nella fruizione dei benefici tributari e creditizi già riconosciuti a quest’ultimo.

La figura dell’imprenditore agricolo professionale ha richiesto da subito alcuni aggiustamenti con il d.lgs. n. 101 del 2005, che ne ha esteso ulteriormente l’ambito di applicazione. I benefici tributari e creditizi del coltivatore diretto sono oggi riconosciuti agli imprenditori agricoli individuali, ai soci di società agricole di persone, ai soci di cooperative agricole e agli amministratori di società agricole di capitali (ed in tali ultimi tre casi, la qualifica si può estendere anche alla società) quando si assommino alla capacità professionale gli ulteriori requisiti del tempo-lavoro agricolo (almeno il 50% del rispettivo tempo di lavoro complessivo) e del reddito agricolo (almeno il 50% del rispettivo reddito globale da lavoro).

La qualifica (nazionale) di imprenditore agricolo professionale, che compete ai soggetti ora indicati e che a questi estende i benefici del coltivatore diretto, si riferisce alla prevalenza del lavoro agricolo svolto rispetto ad altri lavori non agricoli, senza nessun collegamento riguardo alle effettive necessità lavorative del fondo agricolo, mentre il lavoro familiare deve coprire almeno un terzo di tale fabbisogno nel caso del coltivatore diretto. Tale riferimento consente di individuare una netta distinzione tra il coltivatore diretto e l’imprenditore agricolo professionale nonostante la loro sostanziale assimilazione da parte dell’ordinamento in aderenza all’orientamento comunitario che possiede, quest’ultimo, una sola figura destinataria di sovvenzione e vantaggi.

Il requisito lavorativo della prevalenza del lavoro agricolo rispetto ai lavori non agricoli dell’imprenditore agricolo professionale si può configurare come mantenuto anche quando tale lavoro non soddisfi quello di almeno un terzo di quello totale utilizzato per il fondo, persino nell’ipotesi in cui si consideri l’ulteriore lavoro dei familiari. In funzione di una rilevante dimensione dell’impresa, infatti, il lavoro prestato dall’imprenditore agricolo professionale, quantunque rappresentante la maggiore parte della propria attività lavorativa, può costituire, al tempo stesso, una parte solo marginale di quello occorrente alla coltivazione del fondo.

A differenza dell’imprenditore agricolo professionale, quindi, il coltivatore diretto è sempre un piccolo imprenditore per il nostro ordinamento, ancorché siano rimaste davvero poche le disposizioni di favore riconosciutegli in via esclusiva.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Impresa agricola e rapporti per l’inclusione socio-lavorativa

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Armando Di Giambattista
  Tipo: Tesi di Master
Master in Manager delle imprese agro-sociali e delle reti territoriali
Anno: 2016
Docente/Relatore: Gaetano Natullo
Istituito da: Università degli Studi del Sannio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 52

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

diritto del lavoro
economia civile
inclusione sociale
agricoltura sociale
lavoro agricolo
categorie protette
inclusione lavorativa
imprese agro sociali

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi