Skip to content

I meccanismi di diversion: comparazione giuridica ed esperienza pratica

Cenni sulla responsabilità del minore nel diritto ebraico

Quanto al tema particolare e delicato della responsabilità penale del minorenne, in perenne bilico fra esigenze di giustizia e istanze di clemenza”, secondo Rabello nel diritto biblico affiora, pur se quasi in nuce, un modello autonomo di responsabilità del minore. Mentre per la sua più compiuta definizione, occorre guardare ad altre fonti, come la Mishnà e il Talmud.

In generale l’Halachà, nella disciplina delle singole fattispecie – e la capacità di porle in essere – comprende diverse fasce d’età. Quanto all’argomento qui affrontato, in particolare, due sono quelle individuabili. Il primo periodo, che va da zero a dodici anni per le femmine e tredici anni per i maschi, è caratterizzato dalla non imputabilità. Con il manifestarsi dei segni della pubertà inizia l’età adulta, e si diventa imputabili. Il ragazzo diventa ish, e bar mizvot (cioê figlio del precetto) e perciò “passibile di pena per tutti i precetti stabiliti nella Torà”.

Il percorso interpretativo, volto a determinare la posizione del minore rispetto al reato, è stato lungo e graduale. Inizialmente la Mishnà equiparava il minore al sordomuto e al malato di mente, dettando un regime di assoluta non
imputabilità, sia civile che penale. Nel Talmud e nel Midrash, nell’evidenziarsi il nesso tra una inadeguata educazione paterna e la condotta criminosa del minore, s’inizia a delineare l’eventualità per cui le autorità
pubbliche possano giungere a processare minori, e ed applicare – se del caso – determinate pene previste nella Torà.

Nel periodo post biblico, poi, ulteriori elementi contribuiscono a delineare l’impianto della responsabilità penale dei minorenni, come ad es. l’importanza del dato della conoscenza e comprensione di ciò che si fa e del dato volontaristico. Dunque, da un lato viene confermata la teoria della irresponsabilità per i minorenni: d’altra parte, l’orientamento originario si evolve, tenendo in considerazione la peculiare condizione dei minorenni, i.e. il fatto che si tratti di soggetti fortemente suggestionabili, con una personalità ancora in formazione.

Un contributo in tal senso è stato apportato dall’istituto dell’hatraà (avvertimento) che serviva dapprima a distinguere tra un delinquente minore ed uno adulto. E così, in base alle risposte date a tale avvertimento, sarebbe comunque emersa la sua capacità di distinguere tra vietato ed illecito: anche il soggetto minorenne sarebbe stato cosu “considerato adulto e ritenuto passibile di pena.”

Questo brano è tratto dalla tesi:

I meccanismi di diversion: comparazione giuridica ed esperienza pratica

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Mihaela Martorana
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Giuseppe Di Chiara
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 159

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

minori
adolescenza
devianza
tribunale per i minorenni
diversion
diritto minorile
processo penale minorile
diritto processuale penale
diritto ebraico
mishpat, rib

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi