Skip to content

Luciano Bianciardi e gli anni '60: immagini del boom negli scritti narrativi e giornalistici

La grande trasformazione: il boom economico nell’opera di Bianciardi

All’alba degli anni sessanta, dunque, il paese sta cambiando: l’Italia industriale prende il sopravvento su quella contadina e i consumi crescono. Il lato economico della grande trasformazione, però, non è soltanto l’unico: dopo l’esplosione del boom anche la forma mentis degli italiani cambia. Al grande entusiasmo, tuttavia, si contrappone un sentimento montante di disincanto dettato della cultura dei consumi, che trova nell’opera di parte degli intellettuali la sua diffusione: è manifesta l’amarezza per la perdita di spiritualità e la crescente omologazione della società italiana.

Proprio per tale ragione in questo capitolo si è scelto di effettuare una selezione di alcuni tra gli aspetti “di costume” del boom citati dalla storiografia ufficiale (descritti e passati in rassegna), provando ad affiancarvi i contributi critici che emergono dal confronto con la prospettiva dello scrittore toscano Luciano Bianciardi (di cui spesso e volentieri si cita la bibliografia primaria), e con la sua personale critica al “miracolo”. Ciò è stato possibile anche utilizzando come linea guida della narrazione il “racconto” tematico del boom economico realizzato da Patrizia Gabrielli e la sua vasta raccolta di memorie diaristiche. È quindi 1960 l’anno che nell’immaginario collettivo segna il passaggio, la grande trasformazione verso la modernità. Ma come si è giunti a questo cambiamento?

Arredamento e Interni
Negli anni cinquanta nelle campagne le abitazioni sono misere, i servizi igienici un lusso, li sostituiscono le stalle, l’acqua si va a prendere alla fonte. È così in varie zone della provincia Italiana dal Sud al Nord. Così in Sicilia: “Quasi nessuno in casa aveva il bagno; per i propri bisogni si andava nella stalla insieme ai muli […]. Generalmente tutti avevano una stalla [...] pochissimi avevano l’acqua in casa. Alle cannelle pubbliche la erogavano per qualche ora al giorno e non tutti i giorni […]”. La sete aumenta e non ci sono i frigoriferi; si cucina in spazi anneriti dal fumo e chi possiede già una cucina economica è molto avvantaggiato.

Candele e lumi a petrolio illuminano le lunghe sere d’inverno nelle aree sprovviste di energia elettrica. Anche nella Maremma di Bianciardi, la regione “dei boscaioli, dei butteri e dei minatori” non è inusuale trovare chi è costretto ad arrangiarsi…
[…]

I servizi igienici sono carenti in molte regioni: in città il bucato si fa nei lavatoi spesso collocati sulle terrazze, come sapone si utilizza la lisciva, si stira con ferro e carbone. Tutto questo mentre nelle campagne e nelle province i vestiti si lavano sovente al fiume o lungo i corsi d’acqua. Ne I minatori della Maremma Bianciardi e Cassola descrivono a quattro mani il paesaggio dei centri abitati della regione. Non essendoci ancora l’acqua corrente la fonte è insieme alla chiesa e alla piazza l’elemento “sociale” che distingue il paese dal villaggio
minerario di più recente costruzione: [
…]

Persino il ragazzo della via Gluck, il personaggio della canzone autobiografica di Adriano Celentano presentata al Festival di Sanremo del 1966, nonché popolarissimo simbolo musicale della società italiana di quegli anni, deve scendere in cortile per lavarsi. Il vasto successo del personaggio Celentano negli anni è a dir poco profetizzato da Bianciardi già in un articolo del 1962. Dopo il successo al Cantagiro del “Molleggiato” infatti, egli intuisce la valenza ideologica del “sorriso celentanoide” come una delle espressioni emblematiche del “neoqualunquismo” neocapitalista: il giovane Celentano era “saldo e avveduto” e avrebbe un giorno lanciato una “filosofia totale intervenendo nei dibattiti come un intellettuale accreditato”.

Molto presto però tutto cambia: cucine di legno bianche, avorio, verde acqua composte da tavolo, poche sedie di paglia, una credenza presto divengono inadeguate ai nuovi standard di vita: il laminato plastico o formica prende piede al posto del legno. Spadroneggiano le cucine componibili “all’americana”, il pezzo d’arredamento che le italiane sognano ammirando copertine di riviste femminili e le immagini di film americani che da molti anni mostrano ordinati e spaziosi ambienti dotati di frigoriferi, ampi scaffali, tavoli lucenti tra i quali si aggirano disinvolte e felici le casalinghe sempre ben curate, pettinate, con unghie rigorosamente laccate e che indossano ampi grembiuli fiorati ornati da volant. Di quelle regine della casa l’insoddisfazione sarà messa a nudo nel 1963 da Betty Friedan con il suo The Feminine Mystic, pubblicato in Italia solo sette anni dopo, in piena esplosione del movimento femminista. La Bianciardiana “febris emitoria”, il morbo del consumo compulsivo, ha dunque iniziato a travolgere anche il tranquillo e rassicurante nido domestico, e in particolare la donna…
[…]

Se dal 1955 la cucina componibile è lanciata dalla Breda, presto si prepara ad invadere il mercato anche la Berloni, la ditta Marchigiana, tra le più importanti in Italia. Bisogna sgomberare tutto quanto è ormai superato: i vecchi corredi ricamati e le tovaglie della nonna giacciono dimenticate, sostituite da grandi forme geometriche dai colori vari. Strofinacci copri abiti asciugamani nuovi e colorati si possono trovare alle fiere del banco che Upim e Standa allestiscono con la promessa di un “lusso a buon mercato”, e una distribuzione sempre più impersonale; come si evince dall’esperienza diretta del Bianciardi de La vita agra. Nel romanzo, infatti, tramite l’osservazione degli spazi urbani descritti come una possibile chiave di lettura degli stati d’animo del protagonista, il diverso grado di alienazione, cresce nel passaggio dalla frequentazione dei quartieri del centro storico, che pullula di piccole botteghe, di latterie, fino allo sprofondare nel vuoto di una periferia sterile e fredda.
[…]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Luciano Bianciardi e gli anni '60: immagini del boom negli scritti narrativi e giornalistici

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Paolo Antonio Pagano
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze dello Spettacolo e Comunicazione Multimediale
  Relatore: Salvatore Adorno
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 200

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi