Skip to content

Il novizio: tra ricerca di competenza e formazione e il ruolo del coordinatore

E.C.M. (Educazione Continua in Medicina)

Anche il professionista ha continuamente bisogno di tenersi aggiornato sulle nuove teorie e sulle nuove tecnologie: qualora mancasse l’aggiornamento nella propria attività egli rischierebbe di diventare incompetente nel suo stesso campo.Il professionista ha bisogno di mantenere un legame con il mondo culturale che lo ha formato, per continuare a crescere ed a fornire prestazioni di maggiore qualità.

Per realizzare questi obiettivi sono nati i programmi di "Educazione Continua in Medicina" (E.C.M.) è stata istruita con i provvedimenti legislativi (D.L. del 30/12/1992 integrato dal D.L. n. 229 del 19/6/1999 e D.M. del 5/7/2000) e imponi a tutti gli operatori del settore sanitario, un aggiornamento costante per garantire prestazioni adeguate per tutti i cittadini.

L'ECM è un sistema di aggiornamento grazie al quale il professionista sanitario si aggiorna per rispondere ai bisogni dei pazienti, alle esigenze organizzative e operative del Servizio sanitario e del proprio sviluppo professionale. La formazione continua in medicina comprende l’acquisizione di nuove conoscenze, abilità e attitudini utili a una pratica competente ed esperta. Per poter acquisire queste conoscenze è necessario l'aggiornamento continuo.

L’obiettivo è quello di realizzare un sistema in grado di verificare e di promuovere su scala nazionale la qualità della formazione continua, anche attraverso l’opera di osservatori indipendenti e con criteri e modalità condivisi. Gli operatori della salute hanno l'obbligo deontologico di mettere in pratica le nuove conoscenze e competenze per offrire una assistenza qualitativamente utile.

Prendersi, quindi, cura dei propri pazienti con competenze aggiornate, senza conflitti di interesse, in modo da poter essere un buon professionista della sanità.
Partecipare ai programmi d’ECM è un dovere degli operatori ed un diritto dei cittadini, che richiedono prestazioni adeguate e di qualità. […]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il novizio: tra ricerca di competenza e formazione e il ruolo del coordinatore

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Elvana Fortuzi
  Tipo: Tesi di Master
Master in Managment per le Funzioni di Coordinamento nell'area delle Professioni Sanitarie
Anno: 2012
Docente/Relatore: Bruno Pozone
Istituito da: Università Telematica Pegaso
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 46

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi