Skip to content

La lezione di Adriano Olivetti: il welfare aziendale e la partecipazione nelle imprese Workers' Buy Out

L’Olivetti e i suoi stakeholders

Binomio indissolubile quando si parla della Olivetti del dopoguerra è quello fabbrica-Comunità, tant’è che la prima arrivò ad assumere la caratteristica di ‘comunitaria’. L’azienda dopo il 1946 divenne il centro gravitazionale del Canavese, territorio che si estende ai piedi della Valle d’Aosta, tra corsi d’acqua, prati e montagne. Prima di quell’anno infatti erano nate forme di assistenza per i lavoratori, e si era dunque percepita la necessità di garantire agli stessi un maggior equilibrio tra vita lavorativa e non, ma ancora non era stata presa in considerazione le rilevanza dell’ambiente esterno, non era ancora stato adottato un approccio evolutivo nella relazione tra strategia e gestione delle risorse umane.

In seguito la fabbrica prese coscienza del fatto che la sua vera famiglia era il territorio limitrofo. A quel punto essa decise di assumere un ruolo primario in un contesto che necessitava di una forma di sostegno per il profondo mutamento sociale che si trovava a vivere. Nel 1946 la fabbrica iniziò così massicciamente ad assumere, in breve tempo vi entrarono mille persone e “per la prima volta la fabbrica aveva accettato la comunità e aveva cementato in un sacrificio economico la sua essenza di unità e di solidarietà umana” (Olivetti, 2014, p. 64).

Non era solo la Comunità ad entrare dentro la fabbrica, ma quest’ultima ad uscirne e divenire il punto di riferimento per iniziative culturali dando vita a Centri Comunitari che si occupavano di diffondere il verbo olivettiano in ogni angolo del Canavese. Quella che venne intrapresa fu un’opera di elevazione culturale, gli addetti di questi Centri parlavano di democrazia, solidarietà, verità, giustizia a qualsiasi cittadino, dal più istruito fino al contadino che non aveva lasciato la sua terra per recarsi in città. Anzi gli ‘educatori’ cercavano di mantenere più vivo possibile questo legame con le origini, con le radici dell’uomo. Un uomo che nei decenni precedenti aveva subito un profondo cambiamento: dedicatosi per secoli quasi esclusivamente all’agricoltura, ora si doveva confrontare con un lavoro ripetitivo, alienante, che lo metteva continuamente in relazione con le macchine.

Bisognava dunque rivitalizzare quel territorio di campagna che ancora faceva sentire l’uomo legato alla sua vera natura e forte fu l’impegno di Olivetti nell’affermazione dell’urbanistica, offrendo il contributo della fabbrica alla stesura di un Piano Regolatore che sapesse conciliare campagna e città, coinvolgendo i massimi esperti di questa disciplina. “Essi operano attraverso la tecnica e l’esperienza più moderna affinché il piano nasca dalle condizioni e dai bisogni della Comunità e finalmente non sia fatto contro l’uomo, ma posto al servizio dell’uomo” (Olivetti, 2014, p.69). Ed infatti gli urbanisti iniziarono il loro lavoro con un’indagine che coinvolse gli abitanti di quei territori, intervistandoli e cercando di ottenere informazioni sulla struttura e sul funzionamento della famiglia, su come i residenti in città vedevano il mondo fuori dalla stessa, sull’uso del tempo libero e sul loro adattamento alle condizioni di lavoro (Olivetti, 2014).

Allo stesso tempo si favorì la nascita di cooperative agricole e di piccole aziende in luoghi decentrati affinché la città e la campagna potessero avere lo stesso sviluppo economico e sociale. Inoltre l’azienda di Ivrea plasmò le proprie politiche di assunzione nel rispetto della Comunità: per evitare stravolgimenti in termini di immigrazione, che avrebbero portato l’esigenza di nuove costruzioni e diversi sistemi di trasporti, si privilegiò la manodopera proveniente dai comuni del Canavese, limitando a questo territorio il bacino di reclutamento.

La fabbrica insomma spinse il territorio ad elevarsi, ad emanciparsi, ad autogovernarsi, ci camminò di pari passo e ne perseguì gli stessi fini. Il fine di migliorare la condizione di una società che, se non fossero bastati gli stravolgimenti del ventennio precedente, si ritrovava negli anni cinquanta teatro di una fortissima contrapposizione, quella tra capitale e lavoro, tra socialismo e capitalismo. L’intento di Adriano Olivetti era quello di unire e dunque di attenuare qualsiasi contrapposizione, qualsiasi divisione, perché solo agendo congiuntamente si sarebbero potuti realizzare quei valori di solidarietà umana, giustizia sociale, verità che tanto andava perseguendo.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La lezione di Adriano Olivetti: il welfare aziendale e la partecipazione nelle imprese Workers' Buy Out

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Anita Cezza
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze dell'economia e della gestione aziendale
  Relatore: Martina Gianecchini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 52

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

risorse umane
organizzazione aziendale
olivetti
ivrea
adriano olivetti
welfare aziendale
workers buy out
welfare luxottica
welfare cucinelli
brunello cucinelli

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi