Skip to content

L’empatia nella relazione terapeutica. Un progetto di ricerca: l'empatia nella relazione terapeutica, la sua funzione nella previsione e risoluzione delle rotture e nel favorire il miglioramento degli outcome

Empatia e riconoscimento facciale delle emozioni

In psicoterapia, l’empatia inizia con l’ascolto del paziente che richiede, oltre alla ricezione e alla comprensione di un messaggio verbale, anche la focalizzazione sugli aspetti non verbali. Il terapeuta, infatti, deve recepire contenuti ma anche cogliere gesti, movimenti e soprattutto espressioni facciali (Vyskocilova et al., 2011). Il legame fra riconoscimento delle espressioni facciali ed empatia sembra essere dimostrato da diversi filoni di ricerca.

Studi che si sono serviti dell’elettromiografia facciale hanno mostrato che la mimica è un elemento che contribuisce all’empatia: infatti, quando un soggetto percepisce l’espressione facciale dell’interlocutore, tende a corrispondere all’espressione riconosciuta. Rogenbogen et al. (2012) hanno riscontrato che il riconoscimento delle emozioni altrui è un importante pre-requisito per l'empatia mentre Mayer et al. (1990) hanno registrato che l'abilità nell'estrarre l'informazione emotiva dai volti è legata all'empatia.

Altri studi hanno dimostrato che la mimica facciale facilita la comprensione delle emozioni dell’altro e i soggetti più empatici sono anche più espressivi in risposta all’espressione facciale dell’altro (Sonnby & Borgstrom, 2002). Anche studi condotti su bambini e adolescenti (James et al., 2000; Blair et al., 2001) hanno accertato che la difficoltà nel riconoscere alcune espressioni emotive facciali è legata a problemi comportamentali e alla psicopatia e, di conseguenza, a carenze nell'empatia.

Per quanto riguarda l’ambito psicoterapeutico, le ricerche hanno tentato di verificare se i terapeuti presentano abilità maggiori di riconoscimento: in contrasto con le aspettative, Hassenstab et al. (2007) hanno rilevato che gli psicologi non presentano valori più elevati per quanto riguarda la capacità di riconoscere espressioni facciali: gli psicologi non differiscono dal controllo quando l’empatia è basata su indizi non verbali.

Al contrario, Machado et al. (1999) hanno osservato che i terapeuti sono molto più accurati del gruppo di controllo nell'identificazione delle emozioni ma non nella valutazione dell'intensità dell'emozione stessa. Degni di nota in questo contesto sono gli studi condotti da Ekman sull’espressione facciale delle emozioni “base” (ne individua 6: Rabbia, Disgusto, Tristezza, Gioia, Paura, Sorpresa), che scoprì essere universali nel 1972, comparando le espressioni dei volti di individui statunitensi con quelli degli abitanti della Papua Nuova Guinea, che vivono in tribù isolate dal resto del mondo.

Le sue ricerche partono dal lavoro dello psicologo Silvan Tomkins, suo maestro e sostenitore dell’idea che l’espressività facciale delle emozioni base sia insito nel patrimonio biologico dei primati, e non determinate dalla cultura, come invece sostenuto dalle teorie antropologiche precedenti.

Ekman ha condotto e pubblicato ricerche su una vasta gamma di argomenti nell’ambito generale del comportamento non verbale, di cui ricordiamo un lavoro sulla menzogna; tra gli strumenti impiegati per le sue ricerche consideriamo il Facial Action Coding System (FACS), uno strumento da lui sviluppato per classificare le espressioni del volto umano, che utilizzeremo per la presente ricerca; la potenzialità di questo strumento risiede nel fatto che le forme espressive del volto vengono considerate come strettamente connesse alle emozioni che le hanno generate, che sono decifrabili da chi le osserva e perciò condivisibili (il materiale è reperibile sul sito http://studiotrevisani.wordpress.com/2013/07/22/paul-ekman-emozioni-identificate/).

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Batacchioli
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in Psicoterapia Cognitiva
Anno: 2014
Docente/Relatore: Gragnani Andrea
Istituito da: Scuola di Psicoterapia Cognitiva (SPC) Grosseto
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 75

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

empatia
psicoterapia cognitiva
relazione terapeutica
risoluzione delle rotture
empatia di stato e tratto
ekman facs
progetto ricerca

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi