Skip to content

Bristol Abolitionist Poetry: Hannah More and Ann Yearsley

The rise of the Abolitionist Movement in England

A kneeling and shackled man, his face looking at someone who stays in a higher perspective, his hands together as if he is praying and beseeching compassion and on his feet the resigned question: "Am I not a man and a brother?".

This is the image which would become the symbol of the abolitionist movement, paving the way to great years of changing, struggle and transformation. It was designed by Josiah Wedgwood in 1787, who was one of the earliest supporters of the abolitionist cause. The creation of an image which had the aim to move the sensibility of as many British people as possible, placed in a period when visual culture was emerging within a society in evolution. This is what J. R. Oldfield asserts

Wedgwood’s aim was to make abolition fashionable at a period when social emulation already had a powerful hold over the lives of many middle-classes men and women. The whole concept was brilliantly conceived, drawing on existing images of kneeling black figures as well as religious and secular belief in the equality of mankind.

During this period, slavery and the slave trade were intimately bound up with British culture and society at every level. The slave trade was a profitable enterprise and in consequence it contributed to the creation of new industries and new attitudes. Historians may still disagree as to why, how and precisely when these changes began, but the signs of progress and improvement are obvious enough; one important indicator is popular growth. The fact that Britain perfected the Atlantic slave trade during the eighteenth century ( Britain and France reaching their apex in slaves traffic in the 1780’s) carrying more slaves than other nations demonstrates how was transforming into a major mercantile and military power. As a chain, more people required more goods and so the introduction and the importation of new tropical products such as tobacco, cotton, rum, rice, sugar, which arrived from the Americas and so from the labor of the colonies, produced an insatiable demand for them. To quote Oldfield again:

there is no doubting the growing range of goods available to eighteenth century consumers or the fact that more social groups were in a position to purchase and enjoy them. The key to this bustling consumer society was fashion. New marketing devices, especially fashion magazines, stimulated the public’s thirst for the latest styles and colours began increasingly to mould their tastes and preferences.

Not surprisingly Wedgwood took advantages of marketing in order to sensitize people now representing a new social class which organized committees, subscribe funds, signed petition and distributed books and pamphlets. Several critical voices began to question the morality and legality of the slave trade, reflecting and commenting on its effects, its costs in terms of human beings exploited and deprived of their right to life and liberty.

Some scholars uphold the theory that Britain and Americas had no intention to abolish slavery because it was strictly connected to a mere economic necessity. One of them is the historian Rv. Dr. Robinson who in his European Christianity and the Atlantic Slave Trade: a Black Hermeneutical Study argues that: "it was the slaves through their consciousness and relationship with the cosmic God expressed by their revolutions in Haiti and insurrections elsewhere against France, Spain and Britain that brought about the abolition of slavery". Even the historian Eric Williams considers the economic interest as the only reason for the rise of abolition. According to him, by the late eighteenth century the British sugar colonies had become hopelessly uncompetitive, largely as a result of soil exhaustion, overproduction, debt and absenteeism. In theory, abolition of slave trade was decided by English government in 1807 because it was not longer profitable and useful in financing the Industrial Revolution. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Bristol Abolitionist Poetry: Hannah More and Ann Yearsley

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Michela Piccolomini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Lingue e letterature straniere
  Relatore: Franca Dellarosa
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 70

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi