Skip to content

L'educatore e l'agricoltura sociale. Pratiche, relazioni e prospettive

L’educatore in agricoltura sociale

“In un mondo globalizzato, l’opera educativa consiste nella capacità di guardare l’orizzonte globale mantenendo saldi i legami con la propria terra” [Alfonso Pascale]. L’educatore si affaccia all’A.S. consapevole di questo, ma con una curiosità tipica di un esploratore, di chi vuole scoprire un nuovo mondo per immergersi col proprio quotidiano. Spinto dalla passione per la terra e da “l’esperienza concreta che egli fa nel rendersi conto di persona che l’agricoltura non è un mero settore produttivo come gli altri, bensì un ambito di vita dove gli individui sperimentano la sua funzione primordiale: quella di generare beni relazionali e comunitari” [Alfonso Pascale], chi si avvicina a tale pratica è colui che sente la difficoltà dell’operare una professionalità talvolta codificata, che rimane ingabbiata dentro un mansionario, mentre sente il desiderio di spingersi oltre, di mettersi in gioco.

Trova nell’agricoltura un ambito vivo, ricco, dove il rapporto con la natura comporta il rispetto per essa, ma anche una fonte di dinamicità nel fare e nell’essere: la natura ti permette di progettare, ma lascia sempre le porte aperte all’imprevedibile. Ecco perché un educatore in tale contesto si sente attivo, complice dello spirito vitale che dona la terra, “non è solo un lavoro di trasformazione comunemente classificabile “dalla teoria alla pratica”, è una filosofia di vita che va appresa, vissuta, acquisita come una missione”. [Sergio Berlato]

Non è certamente un ambiente per tutti, l’educatore deve, prima che fare, essere una persona aperta, deve amare e “sentire” la terra, solo così può capire il vero potere sociale ed inclusivo che essa porta in sé. L’agricoltura è comunitaria, crea per natura legami ed è ciò che l’educatore per prima cosa dovrà far suo.
Nella letteratura esistente sul tema difficilmente si trova il termine educatore in queste forme, si parla più genericamente di operatori sociali. Vi sono elenchi di figure professionali che devono far parte di un’equipe, ma mai nello specifico lo si nomina, tranne qualora le fattorie sociali siano destinatarie di sovvenzioni o accreditamenti presso enti pubblici.

Definire vuol dire uscire dall’indeterminatezza, tracciare dei confini, in questo caso chiarire chi si è, quali ruoli, rapporti e relazioni sono in atto. I primi problemi si vedono già nella terminologia data nella maggior parte delle esperienze esistenti: l’educatore è definito operatore, questo perché sembra essere un termine più attivo e meno asimmetrico nel ruolo, ma comporta anche il rischio di genericità e di scarsa specificità. Si pone l’accento sulla formazione di questa figura e sulle pratiche, sullo stile educativo e di vita nella sua essenza. Qui sorge la domanda di confine: l’educatore in A.S. deve operare solamente sul campo, in relazione al soggetto che ha in carico, o anche agire in un’ottica di approccio di comunità?

Si apre così una doppia prospettiva e questo, riprendendo le parole di Pascale, accade perché in
agricoltura sociale non esiste una ricetta. Ci sono degli ingredienti da utilizzare, ma non è disponibile un ricettario da consultare per farsi venire un’idea. Sono talmente tante le variabili e le possibilità, che è difficile fare un inventario completo. Il motivo della difficoltà sta nel fatto che nell’agricoltura sociale si progettano relazioni e interazioni tra persone, tra aziende, tra istituzioni, tra soggetti diversi di un territorio. Si può proporre un metodo, questo sì, facendo tesoro delle esperienze. [Alfonso Pascale]

Una pratica apre a più vie, tante quante sono le visioni del futuro che le vogliamo dare. Così l’educatore dovrebbe far sempre affidamento ad una sua personale e vasta “cassetta degli attrezzi”, grazie alla quale può dar un proprio contributo adattandosi alla realtà in cui opera, o forse meglio dire, può dar il proprio contributo responsabile, secondo lo stile di vita che vuole incarnare, a partire dalla sua visione di mondo possibile.

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'educatore e l'agricoltura sociale. Pratiche, relazioni e prospettive

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Elisa Nardin
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Iusve- Istituto Universitario Salesiano- Mestre Venezia
  Facoltà: Scienze dell'Educazione
  Corso: Scienze dell'educazione e della formazione
  Relatore: Giulio Antonini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 55

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

operatore sociale
educatore
impresa sociale
economia solidale
agricoltura multifunzionale
agricoltura sociale
welfare generativo
fattorie sociali
distretto rurale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi