Skip to content

Bullismo e Cyberbullismo: una lettura criminologica

Il profilo del bullo e il profilo della vittima

Anche il bullo ha un profilo di personalità che mette in luce aspetti caratteristici dei suoi comportamenti. La necessità di un bullo di avere spettatori intorno mentre agisce è la testimonianza di una fragilità che si sente costretto a nascondere e a proiettare su compagni più deboli.

L’atto di bullismo per lui rappresenta una conferma dell’immagine forte e sicura di se a cui lui per primo non crede.

Il ruolo degli spettatori serve a questo, a ribadire un sentimento di sicurezza che altrimenti non reggerebbe e il sorridere o mostrarsi indifferente sono comportamenti che provano per il bullo la prova del successo. Il bullo, allora, ha delle precise caratteristiche nel modo di stare al mondo e nella relazione con gli altri (Tonioni, 2014):

- Aggressività: quasi una scelta obbligata, rappresenta l’unico modo di mettersi in relazione con gli altri, si tratta di un istinto alla prevaricazione dello spazio vitale altrui.

- Impulsività: agisce evitando la riflessione e la consapevolezza delle conseguenze alla sua azione.

- Scarsa tolleranza: alle frustrazioni in particolare, alle regole e alle contrarietà, soprattutto non riesce a entrare in rapporto con figure autoritarie o ad avere dei punti di riferimento costruttivi.

- Grande considerazione di se stessi: tale da non rendere possibile al bullo di mettersi in discussione. In genere il bullo gode anche di grande popolarità, cosa che rafforza i suoi comportamenti negativi. In realtà non possiede grandi qualità ma così facendo riesce a nascondere i propri difetti.

- Mancanza di empatia: la mancanza di capacità di immaginare i sentimenti e le emozioni di chi subisce i suoi comportamenti fa sì che vengano percepiti come oggetti e non come esseri umani.

- Mancanza di sensi di colpa: unito all’incapacità di assumersi le proprie responsabilità, troviamo al posto dei sensi colpa, la consapevolezza dei vantaggi personali che derivano dalla prevaricazione sulle vittime.

- Ostilità: scuola, insegnanti, famiglia, diventano anch’essi oggetto di aggressività, insulti e derisione.

- Abilità nelle attività sportive: al contrario delle vittime, i bulli cercano il confronto e la competizione.

- Uso di sostanze e problemi legali: una naturale conseguenza dell’inclinazione a trasgredire e a essere antisociali.

Diversi autori hanno indagato alcune caratteristiche peculiari del bullo (Olweus, 1993, Menesini 2000; Iannaccone 2007; Tsitsika 2014 et al.), concludendo a delle categorie:

1. Il bullo dominante
√ Generalmente maschio
√ Fisicamente e psicologicamente più forte della vittima
√ Scarsa empatia
√ Nessun senso di colpa e quindi nessuna comprensione della sofferenza che le sue azioni comportano.
√ Assenza di comportamenti pro sociali
√ Scarsa tolleranza alla frustrazione
√ Atteggiamento positivo nei confronti dell’aggressività e della violenza
√ Non è ansioso o insicuro
√ Elevata autostima
√ Il rendimento scolastico è variabile con la tendenza a peggiorare fino all’abbandono scolastico.
√ Abile nelle attività sportive con componenti aggressive e nelle lotte
√ Gode di popolarità

Il bullo dominante è la figura più difficile da recuperare proprio perle sue caratteristiche, nello specifico per la mancanza di empatia per le sue vittime e la percezione della non conseguenza alle sue azioni e infine perilfatto che pensiche la vittima si meriti il trattamento che gli riserva. In genere sono sicuridisé, con elevate abilità sociali e capaci di istigare gli altri. Sono dotati di buone doti psicologiche che utilizzano per manipolare delle situazioni a proprio vantaggio. Le conseguenze a lungo termine diquesto tipo dicomportamento può essere l’abbandono scolastico in seguito alle ripetute bocciature e la difficoltà ad inserirsi nel mondo lavorativo, proprio per l’incapacità a sottostare a regole e a porsi dei limiti, conseguenti sono anche i crimini, i furti, gli atti di vandalismo e la violenza in famiglia.

2. Il bullo ansioso
È frequentemente sia bullo che vittima, mentre mette in atto i comportamenti vessatori prova rimorso e sensi di colpa per le sue azioni. Può essere ansioso, avere una bassa autostima e presentare un’instabilità emotiva. Secondo Marini e Mameli (1999), a questa categoria appartengono il 20% circa dei bulli.
[…]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Bullismo e Cyberbullismo: una lettura criminologica

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Paola Biffi
  Tipo: Tesi di Master
Master in Criminologia
Anno: 2015
Docente/Relatore: Leggiero Antonio
Istituito da: CENAF - Centro Nazionale Alta Formazione
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 61

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

adolescenza
criminologia
bullismo
comportamenti aggressivi
depressione
suicidio
social media
cyberbullismo
legislazione bullismo
tipi di bullismo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi