Skip to content

Il Palazzo Vicariale di Certaldo: evoluzione di un edificio pubblico attraverso modifiche, trasformazioni e restauri

Trasformazioni urbane e restauri post ottocenteschi

Dopo qualche decennio di trascuratezza e d’abbandono in seguito alla citata soppressione del Vicariato, Certaldo Alto ha iniziato, verso la metà del 1800, a suscitare l’interesse dei restauratori, fautori delle teorie professate da Viollet-Le-Duc e restauro in stile, che iniziarono ad intervenire sulle maggiori emergenze architettoniche Certaldesi in modo massiccio e spesso arbitrario. Molti edifici infatti erano pressoché in rovina ed altri avevano addosso stratificazioni post-medievali che, secondo le teorie summenzionate, “non si addicevano”.

Si cita ad esempio emblematico il caso del Palazzo Pretorio (che verrà trattato poi a parte nel secondo capitolo) che, venduto a privati dopo la soppressione del vicariato, venne riscattato dal Comune per restituirlo alla Comunità. Il restauro in stile che seguì trasformò moltissimo la struttura del Palazzo che fu più o meno ricondotta alla distribuzione originale grazie alla presenza di un antico inventario, ma la facciata fu molto arbitrariamente ridisegnata secondo la regola del restauro in stile. Successivamente anche altri palazzi storici di Certaldo Alto furono pesantemente ritoccati, ed ecco che nel Palazzo Stiozzi-Ridolfi e nel Palazzo di Scoto Della Rena vengono realizzate le merlature a coronamento della facciata, si inventano porte dai profili gotici ed eleganti bifore archiacute con tanto di colonnette in marmo e, come se non bastasse, vengono aggiunti anche eleganti ferri battuti reggitorcia a forma di drago. Si realizzano un po’ ovunque «pittoresche reinvenzioni mimetiche» e anche nell’Osteria del Vicario, ex canonica di Santi Tommaso e Prospero la facciata viene completamente ridisegnata.

A causa però delle penose condizioni economiche del Comune ed anche di una assente considerazione del problema unitario del “centro storico”, vennero restaurati solo edifici isolati che rimasero immersi in un triste contesto che non aveva più nessun significato. Ulteriori conferme di questa linea di pensiero ci vengono fornite negli anni susseguenti alla Seconda Guerra Mondiale: il 15 gennaio 1944 Certaldo Alto fu raggiunto da un bombardamento86 che distrusse la casa di Giovanni Boccaccio ed alcune abitazioni prospicienti: la casa fu ricostruita integralmente e fedelmente, mentre al posto delle povere abitazioni di privati di fronte ad essa rimane ancora oggi un “vuoto”. La smania di restaurare i monumenti disponibili proseguì fino agli anni ’60 del Novecento.

Uno degli interventi più massicci fu quello del 1963 sulla chiesa dei Santi Jacopo e Filippo, in cui venne tolta la soprelevazione barocca del campanile e l’interno fu completamente stonacato, eliminando in modo approssimativo e totalmente arbitrario ogni traccia di sedimentazione post-romanica. A ciò si aggiunse anche la privatizzazione di alcuni tratti stradali come una parte di via Valdracca, inglobata dal Palazzo Giannozzi e poi lasciata all’abbandono, ed il tratto del camminamento lungo le mura nord che fu annesso al Palazzo Stiozzi-Ridolfi, in cambio dell’apertura dell’arco di accesso a via delle Mura.

Il centro storico di Certaldo quindi negli anni ’70 si presentava con situazioni gravi e diverse da considerare, riassumibili in tre gruppi: in primis i monumenti, il cui aspetto manomesso dai restauri e dalle ricostruzioni sia parziali che totali in epoca post ottocentesca, doveva essere attentamente valutato. In secondo luogo il tessuto edilizio minore, quello del popolo, che logicamente ha sempre ricevuto minori attenzioni e risultava essere il più disastrato. Infine la rete infrastrutturale che, fra privatizzazioni più o meno lecite, abbandoni e i restauri che avevano portato a privilegiare soprattutto l’asse scenografico di via Boccaccio, non riusciva più ad avere una sua identità, snaturando il senso e la continuità dell’intero abitato.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il Palazzo Vicariale di Certaldo: evoluzione di un edificio pubblico attraverso modifiche, trasformazioni e restauri

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Filippo Gianchecchi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Architettura
  Corso: Architettura
  Relatore: Daniela Lamberini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 184

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

restauro
civico
restauro conservativo
stemmi
palazzo
piano particolareggiato
certaldo
vicari
pretorio
dezzi bardeschi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi