Skip to content

La traviata: ''Un sogeto dell'epoca''. Quattro regie recenti de La traviata di Giuseppe Verdi

Esempi di regie critiche de La traviata

È interessante notare come la complessa trafila che dovette affrontare Verdi per l’accettazione da parte del pubblico della sua opera sia piuttosto simile a quella che hanno dovuto e devono ancora affrontare i registi nell’avvicinarsi a Traviata oggi. Compilare uno storico degli allestimenti di quest’opera è pressoché impossibile, perciò le regie che mi accingo a riportare sono frutto di due operazioni di scrematura: la prima che esclude gli spettacoli cosiddetti “tradizionali” e considera solo quelli con regie critiche o decostruttive e la seconda, in conseguenza della prima, che ne estrapola i più conosciuti e famosi.

La storia degli allestimenti critici della Traviata ha inizio, almeno in Italia, con due spettacoli andati in scena alla Scala di Milano nel 1947 e 1955: il primo di Giorgio Strehler (con la direzione di Tullio Serafin e Margherita Carosio nel ruolo di Violetta) e il secondo di Luchino Visconti (con la direzione di Carlo Maria Giulini e Maria Callas nel ruolo di Violetta). Strehler porta in scena una Traviata priva di fronzoli, epurata dagli elementi tradizionali, come scrisse a proposito su “L’Unità” Rubens Tedeschi […]

Vediamo allora le due scene di festa assumere un carattere piuttosto kitsch, con scene dimesse e non già d’epoca, e cantanti recitare in modo naturalistico, con pochi gesti enfatici e tramite l’ausilio di oggetti comuni, come il sigaro di Germont del secondo atto. [Elvio Giudici]
[…]

La Traviata realizzata da Visconti è però quella che segna il turning point del modo di intendere Traviata, nonché la regia d’opera stessa. Questa fa parte di un ciclo di tre spettacoli realizzati dal regista per la Scala con il soprano Maria Callas, La Vestale di Spontini nel 1954 e La sonnambula e La traviata di Bellini e Verdi l’anno successivo, tutti e tre allestimenti rimasti nella storia per il livello di novità registiche. Come prima cosa Visconti traspone l’opera alla fine dell’800, eliminando cosu i tradizionali abiti in crinolina che, a causa della rigidità della stoffa, non permettevano quasi per nulla i movimenti dei cantanti, e sostituendovi gli elegantissimi costumi di Lila de Nobili. La scenografia, al contrario di quanto visto con Strehler, diviene ricchissima di particolari, che inquadrano la vicenda in uno sfarzoso decadentismo d’epoca dannunziana.

La più grande novità però è il modo di recitare dei cantanti, così simile a quello del teatro di prosa, ma soprattutto al cinema, tanto da scandalizzare il pubblico; Violetta che lancia in aria le scarpe durante l’aria, che punta il dito in platea mentre canta “l’uomo implacabile per lei sarà”, che muore con il cappello in testa, pronta ad uscire ma frenata dalla malattia, sono solo alcune, le più emblematiche, tra le innovative scelte registiche.

Per quanto riguarda i registi esteri, di grandissima rilevanza è l’allestimento del regista Henning Brockhaus e dello scenografo Josef Svoboda, andato in scena per la prima volta allo sferisterio di Macerata nel 1992 e divenuto celebre come “La traviata degli specchi”. La vicenda è ambientata nella Parigi tra la fine dell’‘800 e i primi anni del ‘900, in un contesto decisamente meno altolocato di quello dell’opera originale. Il riferimento del regista, più che essere l’opera verdiana è, come dice lui stesso, La Dame aux camélias di Dumas; lo si vede nella figura di Violetta, un’esperta prostituta che, come molte altre, popola una casa d’appuntamenti che conquisterà un Alfredo giovane e alle prime armi, timido e impacciato. I temi della sensualità e del decadimento dei costumi morali dell’epoca che si ritrovano nel primo atto, con il dichiarato riferimento al pittore Giovanni Boldini, vengono amplificati dalla particolare struttura della scenografia. Questa si compone di una parete di specchi concava, che riflette ciò che avviene sul palco, generando un suggestivo effetto di rimandi nel quale i pavimenti diventano soffitti e viceversa, decostruendo e ricostruendo continuamente lo spazio.

Un’altra importante regia è quella di Ruth Berghaus del 1993, riproposta fino al 2014 alla Staatsoper di Stoccarda. L’azione è spostata negli anni ’30 del ‘900 e in scena non vediamo l’alta borghesia parigina, ma piuttosto la classe medio-bassa. Le scenografie non identificano un luogo reale e contribuiscono a infondere cupezza a tutto l’allestimento. Violetta viene identificata come una donna, per quei tempi, emancipata, che indossa un tailleur bianco e, per la prima volta, si osserva un Alfredo succube della protagonista. La freddezza e lo squallore sono gli elementi cardine di questa regia, dove tutti i personaggi sono mossi solo da interesse e ogni cosa ha letteralmente un prezzo attaccato su di essa, come si vede nel secondo atto, ambientato in una specie di magazzino abbandonato, nel quale nevica.

Un ultimo esempio che riporto è quello della Traviata realizzata da Graham Vick, in scena per la prima volta all’Arena di Verona nel 2004. Il regista trasporta l’azione nella modernità, tra gli anni ’60 e ’90 del ‘900, e in un luogo non realistico, costituito da oggetti puramente simbolici. Il primo atto si svolge su un declivio interamente ricoperto di mazzi di fiori, sopra i quali passeggiano cantanti e comparse. Tale declivio si aprirà poi durante il duettino Violetta-Alfredo mostrando la figura di un cuore; sulla destra si vede una gigantesca bambola bionda, nuda, attorno alla quale gira una scala a chiocciola. Se i fiori sono allusivi della morte di Violetta e la bambola della passività del personaggio, usata e abusata dagli uomini, i paparazzi onnipresenti e il denaro stampato a caratteri cubitali sul pavimento scenico del secondo atto fanno invece riferimento ai disvalori dilaganti nella moderna società, dove “sappiamo il prezzo di tutto e il valore di niente”, come dice lo stesso regista. Le tematiche verdiane vengono colte e ampliate in un contesto decisamente lontano da quello dell’opera originaria.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La traviata: ''Un sogeto dell'epoca''. Quattro regie recenti de La traviata di Giuseppe Verdi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Flavia Forestieri
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Spettacolo, Moda e Arti digitali
  Relatore: Emanuele Senici
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 261

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

teatro
opera
regia
traviata
regia contemporanea
decker
konwitschny
regietheater
tcherniakov
carsen

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi