Skip to content

Il sistema aziendale e il processo di Enterprise Risk Management: aspetti teorici e pratici

Sistema controllo interno: Mappatura dei rischi e Attività di controllo

Diventa tassativo da parte del management, tentare di qualificare gli eventi aleatori e classificarli in appositi gruppi. Il primo passo dell’ERM è l’identificazione dei rischi (Risk Identification and Assessment), che ha come obiettivo, mediante analisi causa-effetto e analisi probabilità -impatto, di classificare tutti ciò che minacciosamente grava su una determinata azienda, progetto o attività.

Alcuni punti di rottura emergono nel riconoscimento dei rischi puri, per i quali si richiede una specifica conoscenza dei processi che caratterizzano l’azienda. Una modalità conveniente per inquadrarli sarà la mappatura completa del rischio, cioè un processo di segmentazione dell’impresa o un’attività-progetto in unità elementari, al fine di elencare tutti i possibili eventi avversi, che impattano negativamente sul loro funzionamento.

Questa fase, per essere vantaggiosa, deve essere fiancheggiata dal processo di identificazione, che si sostanzia nell’iscrizione dei rischi individuati in un registro (risk register), e nella redazione di una scheda descrittiva per ognuno di essi (risk description). Il compito del management è quello di analizzare la frequenza di manifestazione degli eventi attraverso il calcolo della probabilità associata al rischio, e valutare la gravità della perdita. L’attività di rilevazione, induce ad una valutazione sia quantitativa, definendo la probabilità e l’impatto, che qualitativa, descrivendo il rischio e capire quali effetti possa avere. Il compito del dirigenti in queste fasi è quello di determinare o meno la strategia di gestione del rischio.

Amministrare l’evento sfavorevole, significa tuttavia, definire qual è la propensione al rischio (Risk Appetite) dell’impresa, ossia il livello massimo di aleatorietà che sarà disposta ad accettare. Non esiste una regola prestabilita per quantificare la propensione al rischio, ma occorre solamente definire il corretto assetto organizzativo tra organi (Consiglio di Amministrazione, Comitato Rischi), funzioni aziendali (Chief Risk Manager), sistema di ruoli e di deleghe (accountability) destinati al governo dei rischi. Ultimo principio previsto dalla Treadway Commission è l’attività di monitoraggio e di controllo (Risk Monitoring). L’attività di Risk Monitoring consiste nell’osservare le variazioni dell’eco-sistema in cui un’impresa opera ed esaminare come le stesse incidano sul profilo di rischio.

A tal proposito si può parlare di:
(I) Monitoraggio ex ante: orientato allo studio dei fattori che influenzeranno il contesto aziendale, e anticipare il loro impatto sulle performance e sul grado di rischio dell’organizzazione.
(II) Monitoraggio ex post: finalizzato ad osservare, rilevare e comunicare tempestivamente il manifestarsi dei rischi aziendali.

La fase di monitoraggio risulta particolarmente efficiente, laddove coinvolga le diverse linee difensive organizzative, come i risk owner, tipicamente identificati nelle funzioni di linea (primo livello di difesa); gli standard setter individuati nella stessa funzione di risk management (secondo livello di difesa) e l’internal audit (terzo livello di difesa) che svolge il monitoraggio e controllo dei rischi. Il processo di ERM deve poi assicurare un adeguato flusso di rilevazioni periodiche sui rischi a tutti i soggetti coinvolti nelle tre linee difensive (Attività di Risk Reporting). Da ultimo, occorre adottare un sistema di controllo integrato, che non compete solamente al CRO ma a tutta la struttura aziendale, perché finalizzato ad individuare eventuali modifiche nelle strategie in fase di implementazione.

Le tipologie di controllo adottate possono essere di carattere:
(I) Preventivo: svolte in sede decisionale e possono impedire la realizzazione di alcune attività ritenute rischiose.
(II) Successivo: si realizzano in fase di implementazione della strategia o al termine del processo, per identificare errori o modifiche necessarie al perseguimento degli obiettivi. Si realizza mediante analisi degli scostamenti, cioè il confronto tra l’obiettivo e il risultato. Se la differenza, eventualmente presente tra i due, è legata a errori o a modifiche attuate in corso d’opera, si dovrà comprendere a chi attribuirne la responsabilità.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il sistema aziendale e il processo di Enterprise Risk Management: aspetti teorici e pratici

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Manuel Crisante
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi dell'Aquila
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Fabrizio Berti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 68

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi