Skip to content

L'auto ibrida sfida i tradizionali modelli di business. Il caso HysolarKit

Diversi tipi di ibrido

Gli stadi intermedi che portano dal veicolo alimentato unicamente dal motore a combustione interna (ICE: Internal Combustion Engine) al veicolo elettrico (BEV: Battery Electric Vehicle) sono quattro: Micro HEV, Mild HEV, Full HEV, 4. PHEV (Plug-in Hybrid Electric Vehicle).

Questi veicoli ibridi sono dotati di due o più sorgenti di potenza distinte (Fricke, 2007):
* la sorgente principale è il motore a combustione interna (ICE);
* la sorgente secondaria è il motore elettrico.

L’uso di due differenti tipologie di propulsione permette di beneficiare dei vantaggi e compensare i difetti di ciascuno di essi: il risultato è un veicolo con efficienza superiore a quella della soluzione tradizionale.
Inoltre, sebbene i veicoli ibridi utilizzino un motore elettrico, non richiedono necessariamente di ricaricare le batterie di bordo, come occorre invece fare per i veicoli elettrici, questo grazie a meccanismi di gestione dell’energia di bordo che altrimenti andrebbe dispersa.

Micro HEV: le auto che appartengono a questa categoria si avvalgono di due tecnologie:
• lo Start&Stop: spegne il motore quando la macchina arresta la propria marcia e lo rimette in moto nel momento in cui il guidatore preme il pedale della frizione. Quando il veicolo è fermo tutti i dispositivi elettrici sono alimentati dalla batteria come il servofreno, servosterzo, autoradio, alzacristalli e aria condizionata. Questi dispositivi richiedono l’utilizzo di una batteria che resiste ai continui e numerosi avviamenti. Per questo è stato necessario potenziare alcune parti meccaniche e riprogettare il motorino di avviamento per renderlo più robusto alle frequenti sollecitazioni.
• la frenata rigenerativa (BER: Brake Anargy Regeneration): il motore elettrico funge da generatore e permette di recuperare l’energia cinetica rilasciata dal veicolo in fase di decelerazione e arresto, ricaricando le batterie. La frenatura rigenerativa permette di incrementare l’efficienza del veicolo del 10-15 % (Fush, 2009), tale tecnologia non è utilizzabile singolarmente ma deve essere integrato da un sistema di frenatura meccanica.

Mild HEV: questi veicoli sono equipaggiati con un motore a combustione interna unito ad un piccolo motore elettrico. Questo piccolo motore può:
* supportare il motore tradizionale nelle fasi di avviamento, accelerazione e ripartenza andando a sostituire il tradizionale motorino d'avviamento;
* funzionare da generatore in sostituzione del classico generatore già presente nei veicoli tradizionali;
* recuperare energia in frenata (BER).

In questa tipologia di ibride il motore elettrico è posizionato nella scatola del cambio oppure ê collegato all’asse posteriore.
Full HEV: sono le auto ibrido-elettriche e utilizzano due diversi tipi di motori per muovere un veicolo:
* un motore a combustione interna collegato ad un generatore elettrico;
* un motore elettrico di trazione.

Quando l'auto viaggia a basse velocità oppure è ferma a un semaforo, usa il motore elettrico, mentre quando occorre una potenza maggiore o finisce l'autonomia dell'accumulatore, viaggia sfruttando la sinergia tra motore tradizionale e motore elettrico.
Come nelle auto mild-hybrid, anche in queste full-hybrid la carica elettrica delle batterie si ottiene trasformando in elettricità l'energia cinetica del veicolo durante la sua fase di frenata. Questi veicoli hanno un'autonomia ben superiore rispetto ai veicoli tradizionali, in quanto riescono a utilizzare il carburante in maniera più efficiente.

PHEV: il sistema di propulsione è composto da un motore a combustione interna (ICE) ed un motore elettrico con accumulatori a batteria, ricaricabili collegandoli alla rete elettrica domestica o presso apposite colonnine di ricarica. Infatti, i tragitti percorribili dalle auto full-hybrid con la sola trazione elettrica sono soltanto di pochi chilometri, a causa della limitata carica. Le auto ibride plug-in, che sono dotate di batterie più potenti rispetto a quelle usate sulle auto full-hybrid normali consentendo una maggiore autonomia.

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'auto ibrida sfida i tradizionali modelli di business. Il caso HysolarKit

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Martina Egidio
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2016-17
  Università: Università deglio studi di Salerno
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Management dell'Innovazione
  Relatore: Roberto Parente
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 69

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

innovazione
auto
ibrida
hysolarkit

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi