Skip to content

Piccole e medie imprese italiane: caratteristiche ed opportunità di sviluppo

Fattori di successo nelle piccole e medie imprese

“La piccola dimensione delle imprese italiane è spesso percepita come un fattore di debolezza, una delle cause principali della limitata crescita del Paese e della insoddisfacente dinamica della produttività. D'altro canto molti commentatori sottolineano come la vivacità del nostro sistema produttivo, dove la grande maggioranza delle imprese ha meno di 20 addetti, sia invece proprio riconducibile alla straordinaria dinamicità e adattabilità delle piccole imprese.” (Navaretti, Castellani e Pieri, 2011) o ancora “La piccola impresa è veloce, flessibile, adattiva ma non per questo è sinonimo di caos organizzativo. Sempre più infatti l'equazione "Piccolo è bello ma anche disorganizzato" sta diventando "Piccolo è armonico", dove, con strumenti di gestione aziendale ad hoc [...], si sta formalizzando un modello organizzativo tipico delle PMI” (Azzariti, 2002).

Sono molti gli autori che elogiano le piccole imprese; questo è perché realmente varie teorie, analisi e approfondimenti in materia, hanno sottolineato l'incredibile resistenza, o per meglio dire, resilienza che contraddistingue il mondo delle piccole imprese. Esse vengono influenzate decisamente dal contesto in cui operano e con la realtà con la quale s'interfacciano, perché il rapporto che le lega al loro territorio d'appartenenza è molto forte.

Nonostante il mercato delle PMI propone loro un impervio sentiero, affinché possano raggiungere soddisfacenti livelli di competitività, le piccole e medie imprese hanno sviluppato una serie di strategie che permette loro di guadagnare dei vantaggi competitivi duraturi. Le PMI hanno la chiave per essere flessibili e adattabili e questo gli permette di sopravvivere, e anzi, crescere e svilupparsi in quest'attuale mercato competitivo.

Negli ultimi dieci anni oltre la metà delle imprese dichiara di aver aumentato le risorse destinate alla ricerca e allo sviluppo, di aver innovato i processi interni e di aver posto in essere comportamenti tesi a perseguire le opportunità imprenditoriali che il mercato offre. Le PMI di maggior successo sono quelle che attuano un comportamento manageriale strategico volto al rinnovamento dei business già esistenti o alla creazione di nuovi business, adattandoli costantemente ai cambiamenti del mercato.

Il ruolo dell'imprenditore-leader è un ruolo chiave perché attorno a lui ruotano le importanti decisioni che l'azienda può e deve prendere, in quanto ne va della sua sopravvivenza e della sua dimensione. E in tempi di crisi finanziaria e politica, ancor di più egli diviene l’autore di una risposta alla crisi in chiave di crescita, innovazione e sviluppo. Il suo ruolo è riconosciuto anche in Italia ed è cresciuto il suo prestigio sociale poiché, per vocazione, si preferisce lodare ed attribuire merito a chi sul campo lo dimostra. Ma non è semplice e non basta.

C’è bisogno di una cultura che superi l’individualismo del singolo imprenditore e metta in rete le imprese, si rendono necessarie misure per lo sviluppo e la crescita. Come sosteneva Karl Popper “bisognerebbe essere alla base imprenditori e collettivisti ai vertici”.
Un sistema come quello italiano caratterizzato dalla prevalenza di piccole e medie imprese è necessariamente composto da fitte relazioni e collaborazioni fra le stesse.
[…]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Piccole e medie imprese italiane: caratteristiche ed opportunità di sviluppo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marta Panunzi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze Aziendali
  Relatore: Giuseppe Sancetta
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 50

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi