Skip to content

Profili cognitivi e psicopatia in un gruppo di abusatori sessuali di minori: un'indagine empirica

La psicoterapia con i child molesters

La psicoterapia è un importante aspetto del trattamento sebbene esista un dibattito in merito alla sua efficacia globale per la prevenzione a lungo termine di nuovi reati. Di solito, l’attenzione nel trattamento pedofilico si rivolge a fermare altri abusi contro bambini piuttosto che alterare l’orientamento sessuale pedofilico verso i bambini. Essa può essere individuale, di gruppo o, più comunemente, una combinazione delle due. L’approccio usato è quello cognitivo-comportamentale, per cui ci si dedica alle distorsioni e al diniego e solitamente si attuano training di empatia e di controllo dell’impulso sessuale e prevenzione della ricaduta. Molti studi hanno dimostrato che i migliori risultati nella prevenzione dell’abuso recidivo contro i bambini ci sono quando gli agenti farmacologici e la psicoterapia sono usati insieme (Marshall, 2003).

È importante che il terapeuta cerchi di creare un’atmosfera di collaborazione in cui il paziente è incoraggiato ad assumersi le proprie responsabilità, agendo come co-terapeuta. Tale atteggiamento di non condanna, facilita l’abusatore a discutere i suoi sentimenti e i suoi comportamenti pericolosi, valutandoli contemporaneamente con maggiore oggettività. Si tratta di uno stile terapeutico definito “responsabilizzazione compassionevole”: si ritiene il paziente responsabile dei comportamenti di abuso, ma si riconoscono nel contempo in modo comprensivo le esperienze di vita del paziente. La responsabilizzazione compassionevole non permette al paziente di giustificare e scusare il proprio comportamento di abuso, ma non legittima neppure l’abuso del reo col pretesto di sottoporlo a terapia (Marshall, 2003).

A tal proposito sono di seguito elencati utili norme e punti di riferimento, gli Standards of Care (Coleman e coll., 2000) che un professionista deve seguire per la presa in carico ed il trattamento di un sexual offender.

1. E’ empiricamente dimostrato che alcune tipologie di trattamento sono efficaci nella gestione e nella riduzione dei tassi di recidiva dei reati sessuali.

2. Il trattamento è considerato dai sexual offenders un processo elettivo, scelto in prima persona da loro, solo se non considerano il loro comportamento abusivo come patologico dal punto di vista psicologico o medico.

3. La valutazione del trattamento dei sexual offenders richiede specifiche competenze che vanno al di là della formazione tradizionale in Psicologia Clinica o in professioni di tipo medico.

4. Il trattamento dei sexual offenders è promosso con lo scopo di migliorare la loro qualità di vita ed è considerato un diritto sia loro sia per la comunità in quanto mira a prevenire eventuali future vittimizzazioni.

5. Un paziente con un’alterazione biomedica documentata è, prima di tutto, curato con procedure comunemente accettate per tale specifica condizione, e solo in seguito può iniziare il trattamento vero e proprio.

6. Un paziente con diagnosi psichiatrica è, prima di tutto, curato con procedure comunemente accettate per tale specifica condizione e solo in seguito può iniziare il trattamento vero e proprio.

7. Il trattamento dei sexual offenders può includere vari approcci terapeutici. È importante che i professionisti siano sempre aggiornati sulle ricerche e sugli studi compiuti in questo campo e sostengano le strategie terapeutiche dimostrate efficaci.

8. Un programma trattamentale può includere l’uso di farmaci che riducono l’arousal e le fantasie sessuali, in modo che il paziente sia meno guidato dall’impulso nei suoi comportamenti.

9. I professionisti che lavorano con i sexual offenders dovrebbero essere preparati a collaborare con le figure che operano all’interno del sistema giudiziario e penitenziario in modo aperto e cooperativo.

10. I sexual offenders spesso hanno bisogno di trattamento o visite di follow-up; questo processo dovrebbe essere incoraggiato o possibilmente reso obbligatorio.

11. Non è etico sottoporre i pazienti a terapie con scopi legati essenzialmente alla ricerca o che non apportano loro alcun beneficio diretto.

12. Al fine di persuadere i professionisti del campo legale, così come la società intera, sull’efficacia del trattamento dei sexual offenders, occorre collaborare e promuovere nuove ricerche che rafforzino le basi scientifiche di tale procedura.

13. I sexual offenders devono spesso affrontare procedimenti legali e i professionisti che si occupano del loro trattamento devono essere preparati a partecipare al processo, se necessario.

14. I sexual offenders possiedono gli stessi diritti alla privacy, per quanto riguarda contenuti medici o psicologici, delle altre tipologie di pazienti; le uniche eccezioni a tale principio occorrono su precisa richiesta degli organi giudiziari.

15. I sexual offenders non dovrebbero essere discriminati per questioni d’età, genere, razza, etnia, credenze religiose, status socioeconomico, disabilità fisiche o mentali.

16. I professionisti che si occupano dei sexual offenders devono considerare questi individui con dignità e rispetto; se falliscono in tale compito l’efficacia del trattamento ne risulta compromesso.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Profili cognitivi e psicopatia in un gruppo di abusatori sessuali di minori: un'indagine empirica

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Lorena Pizzoleo
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Davide Dettore
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 147

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

psicopatia
pedofili
ricerca empirica
abuse
distorsioni cognitive
child molesters
in.tra.for.wolf
abusatori

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi