Skip to content

Giochiamo con il mago: studio per la validazione di uno strumento per valutare il gioco simbolico in età evolutiva

Il gioco nei disturbi di sviluppo

Tradizionalmente il gioco è stato studiato per lo più in riferimento al bambino a sviluppo tipico, tralasciando di indagare il gioco nei bambini con disabilità (Kohl e Beckman, 1994), nonostante la sua indiscussa importante rilevanza nella promozione dello sviluppo infantile.
Solo una letteratura più recente si è focalizzata sulla descrizione delle caratteristiche e dell’evoluzione della condotta ludica nei soggetti con disordini del neurosviluppo; in questo capitolo sono riassunti alcuni studi in tal senso, in particolare riferiti a soggetti con disturbi dello spettro autistico, sindrome di Down o disordini visivi.

Il gioco simbolico nei bambini con disturbi dello spettro autistico (ASD)
Il disturbo dello spettro autistico (ASD) indica secondo il DSM-5 un deficit persistente della comunicazione e dell’interazione sociale in molteplici contesti e che si manifesta con un pattern di comportamenti, interessi e attività ristretti e ripetitivi.
Lo sviluppo spontaneo del gioco simbolico nei bambini con ASD evolve in maniera atipica e ciò si verifica anche in quei bambini definiti ad “alto funzionamento” e con abilità verbali intatte (Jarrold, 2003).
Nello specifico del gioco simbolico, Libby et al. (1998) hanno dimostrato che i bambini con ASD mettono in atto un gioco di sostituzione simile a quello dei bambini a sviluppo tipico, ma mostrano difficoltà nei giochi di attribuzione di proprietà e di utilizzo di oggetti immaginari.

Taylor e Carlson (1997) sostengono che le abilità di gioco simbolico siano dipendenti dalle abilità derivanti dalla teoria della mente (ToM), ovvero le capacità di capire gli stati mentali degli altri e come gli altri possono percepire il mondo (Leslie, 1987; Baron-Cohen, 1995; Wellman, 2014), dimostrando come i bambini a sviluppo tipico, con ottime abilità ToM, siano capaci di produrre un gioco simbolico più elaborato e completo, gioco che risulta invece compromesso nei bambini con ASD che sviluppano in modo anomalo le abilità di ToM.
Kang, Klein, Lillard e Lerner hanno fornito un importante contributo recentissimo (2016) sulla tipologia di gioco nei bambini affetti da autismo ed in particolare hanno descritto alcuni fattori predittivi dell’evoluzione del gioco simbolico, che aiutano a spiegare le differenze fra bambini ASD e bambini a sviluppo tipico:
* Interesse per i giochi quale motivazione al gioco spontaneo.
* Sperimentazione / familiarità con i giochi, poiché più sperimento un oggetto e più trovo significati simbolici attribuibili.

Gli autori hanno dimostrato una relazione positiva dei predittori “interesse” e “familiarità”, con le abilità di gioco simbolico nei bambini con ASD, evidenziando che chi ha più sintomi ASD intraprende anche un gioco simbolico spontaneo più povero.
Tali indicatori predittivi si vanno ad aggiungere agli studi di Lewis et al. (2000) che attraverso una prova sperimentale (Test of Pretend Play – ToPP, 1997) avevano già sottolineato un forte legame fra le abilità di gioco simbolico e le abilità verbali, che nei bambini con ASD costituiscono un indicatore negativo e senza significato, rispetto alle abilità di gioco simbolico.

Il gioco simbolico nei bambini con Sindrome di Down (DS)
La sindrome di Down (DS) viene presa a titolo esemplificativo come la principale causa genetica di tutte le disabilità intellettive (Venuti, Falco, Esposito, Bornstein, 2009). La disabilità intellettiva, secondo il DSM-5, è un deficit delle funzioni intellettive e del funzionamento adattivo, che limitano il funzionamento in una o più attività della vita quotidiana.
Lo sviluppo cognitivo del gioco segue una progressione universale, com’è ampiamente documentato dalla letteratura, sia per i bambini a sviluppo nella norma, sia per i bambini con DS (Beeghly &Cicchetti, 1987; Belsky & Most, 1981; Cunningham, Glenn, Wilkinson, & Sloper, 1985;Hill & McCune-Nicolich, 1981; McCune-Nicolich, 1981; Mundy, Sigman, Ungerer, & Sherman, 1987; Sigman & Ruskin, 1999; Tamis-LeMonda & Bornstein, 1996).

In letteratura i confronti empirici hanno evidenziato che sia il decorso, che il contenuto del gioco simbolico, sembrano essere simili in bambini con DS e bambini nella norma, che si trovano allo stesso livello cognitivo (Beeghly et al., 1989; Cielinski et al., 1995; Cunningham et al., 1985), anche se il bambino con DS tende a ripetere uno stesso schema di gioco (Sigman & Sena, 1993; Weiss, Beeghly, & Cicchetti, 1985).
Anche studi più recenti (Venutia, Falcoa, Espositoa, e Bornsteinb; 2009) che hanno confrontato il gioco dei bambini con DS con quello dei bambini a sviluppo tipico, hanno confermato che i bambini con DS mostrano la stessa quantità di gioco simbolico, rispetto ai bambini a sviluppo tipico, della stessa età mentale.

A differenza dei bambini a sviluppo tipico però, nei soggetti Down non si ritrovano effetti positivi significativi quando la madre è presente nel gioco con il bambino, il gioco simbolico rimane allo stesso livello in quanto l’attività simbolica è principalmente legata al livello di sviluppo del bambino (Beeghly & Cicchetti, 1987; Cunningham, Glenn, Wilkinson, & Sloper, 1985; Hill & McCune-Nicolich,1981), piuttosto che agli elementi del contesto.

Anche Toole e Chiat (2006), che hanno sottoposto i bambini con DS al Test of Pretend Play di Lewis e Boucher (1997) hanno confermato che lo sviluppo del gioco procede secondo la traiettoria universale, con un ritmo più lento, per ogni sua fase.
Anche questi autori sottolineano l’importante correlazione fra lo sviluppo del gioco e lo sviluppo delle abilità cognitive verbali, escludendo invece quello delle abilità cognitive non verbali, che nei bambini down non risultano correlate con le azioni simboliche, a differenza delle ricerche di Lewis et al. che avevano invece descritto tale correlazione nei bambini a sviluppo nella norma.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Giochiamo con il mago: studio per la validazione di uno strumento per valutare il gioco simbolico in età evolutiva

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Lara Birolini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Terapista della Neuro e Psicomotricità dell'Età Evolutiva
  Relatore: Valeria Flori
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 141

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi