Skip to content

Carmen secondo Roland Petit: dal racconto alla danza

Carmen di Bizet

La pubblicazione di Carmen non portò molto successo a Mérimée, restando quasi nell'ombra.
Questa novella ha iniziato a vivere ed essere conosciuta in ogni parte del mondo grazie all'omonima opera lirica composta da George Bizet (1838- 1875) su libretto di Henry Meilhac e Ludovic Halévy, rappresentata per la prima volta il 3 marzo 1875 all' Opéra-Comique di Parigi.
Obiettivo del compositore era quello di rinnovare l'Opéra-Comique e dovette battersi affinché i suoi collaboratori mantenessero integro il soggetto. Nonostante ciò, lo scandalo che suscitò in molti francesi è simbolo del raggiungimento del suo scopo.
Carmen creò scalpore proprio per il personaggio portato in scena (una gitana e prostituta), lontano dall'esperienza borghese che dominava a qual tempo. Altro motivo di turbamento fu vedere una morte in scena, fuori dalle convenzioni teatrali che rimandava alla struttura della tragedia classica.
Bizet si rifà a musiche popolari spagnole, in particolare ad una canzone di Yradier per l'Habanera del primo atto, per mantenersi in linea con il luogo della vicenda che emerge in ogni punto dell'opera. Egli modificò molta della partitura durante le prove dato che talvolta risultava difficile agli interpreti cantare ciò che aveva scritto: si concentrò dunque nella creazione un dramma che colpisse lo spettatore in ogni scena con un climax crescente che avrebbe raggiunto l'apice nella scena finale.
Per quanto Bizet avesse concentrato le sue energie per rivoluzionare un sistema, la prima dell'opera non ebbe successo e il pubblico ne uscì scosso e sconvolto per la musica e la trama sconvolgente.
Per ironia della sorte Bizet muore qualche mese dopo la prima della sua creazione, durante una prima serie di rappresentazione che contò quarantacinque repliche. In seguito non fu più ripresa sino al 1883 quando l'Opéra-Comique rimise in scena il dramma: da quel momento cominciò a riscuotere un successo planetario che si è protratto per decenni e continua ancora oggi, andando ad influenzare tutti i campi artistici.
Ripartita in quattro atti, forse rifacendosi alla suddivisione della novella in quattro capitoli, i librettisti rendono abbastanza fede al racconto originale anche se vi aggiungono particolari rilevanti non presenti nella novella di Mérimée.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Carmen secondo Roland Petit: dal racconto alla danza

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Grazia Lobascio
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Maria Grazia Porcelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 122

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

arte
spettacolo
danza
storia della danza
carmen
bizet
mérimée
roland petit

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi