Skip to content

L’evoluzione della professione sanitario/infermieristica con particolare attenzione alla colpa d'equipe

La responsabilità penale

In ordine alla responsabilità penale già si è avuto modo di anticipare nel paragrafo precedente alcune caratteristiche, ma tale forma di responsabilità merita una più approfondita analisi.
Come già anticipato in materia penale è vietata la responsabilità per il fatto di un altro, ognuno risponde pertanto solo per il fatto proprio. Questo è un principio peculiare e tipico della responsabilità penale, diversamente da quanto accade nell’ambito della responsabilità di natura civilistica, dove si può rispondere anche per fatti commessi da altri.
Discende inoltre da questa connotazione che un soggetto potrà essere chiamato a rispondere delle violazioni da lui unicamente commesse solo quando la violazione sia prevista specificatamente come tale dall’ordinamento.

Il carattere distintivo di tale tipo di responsabilità consiste nel fatto che essa è prevista dalle norme penali, cioè da quelle regole di comportamento vertenti su diritti di massima importanza per la collettività, che sono principalmente riportate nel codice penale ma che trovano albergo anche in moltissime norme di natura speciale (cd. leggi speciali) . Si osserva, a proposito della responsabilità di cui trattasi, che la relativa sanzione non soddisfa direttamente la vittima del danno (parte offesa), in quanto sia la eventuale carcerazione del responsabile che la multa pagata allo Stato nulla conferiscono di concreto al soggetto leso. Infatti, se il danneggiato ritiene di aver diritto al risarcimento dei danni subiti patrimoniali e non, può esercitare tale richiesta diventando parte effettiva all’interno del processo penale (la cd. costituzione di parte civile) oppure potrà scegliere di far valere i propri diritti unicamente in ambito civile, disinteressandosi quindi dell’aspetto penalistico.

La violazione delle regole penali costituisce dunque reato, ma perché vi sia reato e attribuzione di responsabilità penale, occorre la compresenza di elementi sia di natura oggettiva che di natura soggettiva.
Quanto ai primi (oggettivi) quanto si sostanziano :
1. nella condotta, cioè nel comportamento attivo od omissivo;
2. nell’evento, cioè nel fatto lesivo;
3. nel nesso casuale, cioè nel rapporto di causa ed effetto tra condotta ed evento.

Il nesso causale rappresenta, tra i tre elementi oggettivi, forse l’aspetto più problematico e sul quale nel corso degli anni più volte - soprattutto in ambito sanitario - si è assistito a difformità di vedute.
Questi diversi orientamenti hanno infine portato a un intervento chiarificatore delle Sezioni Unite della suprema Corte di Cassazione. Con la sentenza Cass. n. 30328 del 10 luglio 2002 detta anche sentenza "Franzese" costituisce, com’è noto, un punto d’arrivo ineludibile per la soluzione dell’annoso problema della causalità giuridica ovvero più propriamente del nesso di causalità, problema che ha lungamente impegnato tanto la dottrina quanto la giurisprudenza. La pronunzia delle S.U. in questione, pur resa in un giudizio penale, ha influenzato anche il settore civile, involgendo problematiche in gran parte comuni e comunque di più ampio e generale interesse. Si è detto, infatti, che l’accertamento della causalità degli eventi costituisca – ed anzi è sempre stata – una delle problematiche più complesse e stimolanti della stessa conoscenza umana. In altre parole, i principi della “Franzese” sono diventati un riferimento importante ed insostituibile per la dottrina come per la giurisprudenza successiva. […]

La Cassazione ha precisato che il nesso di causalità può ritenersi accertato quando "si possa affermare in termini di certezza processuale, ossia in termini di elevata credibilità razionale o elevata probabilità logica, che l'azione doverosa omessa dal medico avrebbe impedito il pregiudizio subito dal paziente".

Quanto al secondo (aspetto soggettivo) nel:
1) dolo;
2) colpa;
3) preterintenzione.

L’aspetto soggettivo assume un ruolo estremamente significativo. Infatti per compiere un reato non è sufficiente che il soggetto commetta un fatto materiale, ma occorre che questo fatto "gli appartenga psicologicamente. Questo è l’elemento che permette di scongiurare qualsiasi forma di natura oggettiva all’interno del nostro penalistico, forme che invece esistono in ambito civilistico.

II dolo si caratterizza per la volontarietà della condotta offensiva e per la previsione di un evento dannoso in conseguenza di quella condotta. Si ritiene che quando la decisione di commettere un fatto-reato viene presa a brevissima distanza dalla sua concreta attuazione esprima una minore intensità criminosa: si parla in questo caso di dolo d'impeto. Se, al contrario, intercorre un certo lasso di tempo tra il momento della decisione e quello dell'esecuzione si realizza il cosiddetto dolo di proposito, che si sostanzia nella premeditazione.

La colpa si caratterizza invece, a differenza del dolo, per la non volontà di compiere un determinato fatto-reato, che si verifica ugualmente a causa di negligenza o imprudenza o imperizia (colpa generica), ovvero per inosservanza di
leggi, regolamenti, ordini o discipline (colpa specifica).

Per negligenza si intende un atteggiamento di trascuratezza, di mancanza di attenzione e di accortezze, una mancanza di diligenza, un'omissione volontaria di determinate precauzioni che il soggetto che compie il fatto conosce e volontariamente non adotta. Nella professione infermieristica un esempio può essere dato da un infermiere che esegue un'iniezione intramuscolare senza prima procedere alla disinfezione della cute e che causa, con il suo comportamento, un ascesso al paziente.

L’imperizia è invece caratterizzata da un'insufficiente preparazione e capacità che un soggetto in realtà dovrebbe avere. È una sorta di incapacità professionale.
L’imprudenza è caratterizzata da un comportamento avventato di un soggetto che, nonostante il pericolo o un'alta probabilità che il suo atteggiamento produca un evento dannoso, agisca lo stesso.

Questo brano è tratto dalla tesi:

L’evoluzione della professione sanitario/infermieristica con particolare attenzione alla colpa d'equipe

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Elvana Fortuzi
  Tipo: Tesi di Master
Master in Master Universitario di I° livello in Infermieristica e Ostetricia Legale e Forense
Anno: 2015
Docente/Relatore: Peccianti Letizia
Istituito da: Università degli Studi di Siena
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 32

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi