Skip to content

Appunti per un'analisi dell'ambientazione in Werner Herzog

L'ambientazione in Werner Herzog

Nei lavori di Werner Herzog si può riscontrare una certa vicinanza ad alcuni temi appena trattati e una lontananza nei confronti di altri.
Il regista, indubbiamente, predilige una ricerca per uno sguardo particolare: uno sguardo primo sulle cose.

Ho spesso parlato di quello che chiamo l'immaginario inadeguato della civiltà odierna. Ho l'impressione che le immagini che ci circondano al giorno d'oggi siano logore, abusate, inutili ed esauste. Si trascinano zoppicando dietro al resto della nostra evoluzione culturale. […] La tv ammazza la nostra immaginazione e alla fine ci restano solo immagini logore perché troppe persone sono incapaci di cercarne di fresche.

L'inscindibilità tra fiction e documentario, accennata nel primo capitolo, è significativa per ciò che riguarda l'idea di confine. Realtà ed immaginazione in Herzog non sono solo inscindibili ma anche comunicanti. Nei suoi lungometraggi non si trovano segnali come quello di Tarkovskij ne Lo specchio, o almeno non se ne trovano di così chiari. Per fare un esempio, Fata Morgana si apre con una serie di inquadrature di atterraggi di aeroplani. Il regista così, fa entrare lo spettatore nella dimensione immaginifica ed onirica. I velivoli, mano a mano che atterrano, generano calore sulla pista che si aggiunge al caldo del luogo di ripresa. Il calore intenso nell'aria rende i contorni degli aeroplani sempre più difficili da distinguere. Otto atterraggi sempre meno definiti che servono allo spettatore per calarsi nell'immaginario ed accettare che le immagini di stampo decisamente documentaristiche seguono, non sono espressione della realtà ma, sono il veicolo di una verità altra, a metà tra documentario e finzione. Il concetto di confine viene dunque rimaneggiato, l'attraversamento non è sempre effettuato dai personaggi di celluloide. Il regista propone un superamento del limite allo spettatore che quindi accetta un contratto differente da quello che stipula solitamente alla visione di un documentario o di un film di finzione.

Il rapporto uomo-natura è certamente fondamentale in film come Aguirre, furore di Dio o Fitzcarraldo. L'ambiente, nei due lungometraggi, agisce nei confronti dell'eroe in modo differente. Nel primo film Aguirre sfida la natura. Dunque, la natura risponde attaccandolo, e portandolo al fallimento. Dal momento in cui la spedizione si sposta sul fiume, l'uomo non può più fare nulla. Nel secondo, invece la natura non è più "matrigna" ma diventa mentore e guardiano. Il fiume aiuta Brian Sweeny Fitzgerald a realizzare il suo sogno. I suoi sforzi portano ad un "mezzo-fallimento". Egli, infatti, non riesce nel suo intento di portare l'opera nella giungla ma con il ricavato ottenuto dalla vendita della nave ingaggia l'orchestra che si esibisce ad Iquitos nel finale. La natura offre aiuto e anche dopo essere stata violata per far salire la barca sulla montagna sembra non punire il protagonista, ma piuttosto, metterlo alla prova e offrire un insegnamento, ricordandogli la potenza della natura espressa dalle rapide del Pongo das Mortes. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Appunti per un'analisi dell'ambientazione in Werner Herzog

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giovanni Sabatini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo
  Corso: Dams - Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo
  Relatore: Loretta Guerrini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 58

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi