Skip to content

Focus, target e posizionamento d'impresa - Elon Musk sfida i tradizionali modelli di business

L’innovazione e la vision di Elon Musk: il “Big Hairy Audacious Goal”

Il successo di Tesla, come quello di tante altre società fondate da Elon Musk (ma non solo), è dovuto anche alla spiccata capacità dell’imprenditore di generare “hype” (frenetica aspettativa) presso ampie parti di pubblico, spesso anche quello generalista e vagamente interessato, almeno inizialmente, al settore in cui l’azienda in oggetto opera. Una tecnica che si rivela molto utile per l’intento è quella del “Big Hairy Audacious Goal”, un obiettivo ai limiti dell’impossibile che venga visto anche come immediato posizionamento della società e riconoscimento della sua cultura aziendale.

Un Big Hairy Audacious Goal (BHAG) è difatti un'asserzione di intento strategico simile alla vision, creata per stabilire il focus di una società su un singolo obiettivo di medio-lungo termine purché sia estremamente audace, prono quindi a creare più di un dubbio presso il pubblico esterno, ma mai verso quello interno (al contrario, i dipendenti sono i primi a dover credere senza alcun dubbio nella riuscita del BHAG). Il termine, proposto dall'autore Jim Collins nel suo libro del 1994 "Built to last: successful habits of visionary companies", vuole indicare l'incoraggiamento di un'azienda alla definizione di obiettivi sufficientemente visionari, capaci di trascinare ed emozionare tanto il pubblico quanto i propri impiegati (utilizzando quindi, come mezzo primario, il fattore psicologicoemozionale).

Molte società, infatti, stabiliscono già gli obiettivi oggettivamente perseguibili, che possano descrivere ciò che esse sperano di ottenere entro un numero stabilito di giorni, mesi o anni di tempo dalla dichiarazione degli stessi (ad esempio, le previsioni finanziarie o di vendita per il successivo quadrimestre). Tali obiettivi fungono da filo conduttore anche per i lavoratori, che collaborano e si integrano più facilmente potendo contare su un fine comune ben definito da realizzare; e spesso si tratta di asserzioni molto tattiche e circoscritte, come raggiungere una specifica percentuale di crescita in un determinato numero di mesi.

In contrasto, un BHAG è un obiettivo che va dai 10 ai 30 anni, abbastanza ardito ed in grado di richiamare alla mente una visione del settore molto diversa da quella del presente (eventualmente, realizzata il più possibile dall'azienda che lo dichiara); ciò non toglie che esso debba esser frutto di un piano ingegnoso e ben studiato, del quale ogni punto dovrà andare in porto per la buona riuscita finale (e per tale successo potrebbero occorrere anche un miracolo o due, di cui andrà necessariamente tenuto conto).

Le società possono avere più di un BHAG, potendo anche dividerlo in uno a più breve termine (comunque nell'ordine di anni), e uno di più lunga durata; ciò che deve accomunare la tecnica è tuttavia la chiarezza e l'insindacabilità fra i dipendenti, giacché servirà in primis ad unificare gli sforzi ed il punto focale, operando così da importante catalizzatore per lo spirito di squadra. Il BHAG dovrebbe sempre essere discretamente ridotto come tagline, a favore della limpidità dell'asserzione, e composto da termini diretti che non si prestino a più interpretazioni (a differenza della fattibilità dello stesso che, essendo per definizione di difficile realizzazione, è lecito attendersi possa instillare incertezze presso i non addetti ai lavori); in tal modo la società saprà anche con certezza il momento in cui lo avrà raggiunto con successo.

Naturalmente la società stessa dovrà essere conscia delle proprie possibilità, dal momento che, nel caso di fallimento, il BHAG potrebbe produrre l'effetto opposto di demotivare l'intera azienda dalla dirigenza agli operai, e di ridurre al contempo la credibilità del brand – spesso in maniera definitiva ed insanabile. Vi sono molti esempi sull'utilizzo di questa tecnica. Nel 1909 Henry Ford voleva democratizzare l'automobile, mentre negli anni '60 la Sony, con Akio Morita, voleva cambiare la concezione del "Made in Japan" da sinonimo di bassa qualità a quello di alta qualità. Nel 1961 il Presidente americano Kennedy dichiarò al Congresso che entro un decennio l'America avrebbe dovuto portare il primo uomo sulla Luna, e riportarlo sulla Terra in tutta sicurezza. Starbucks, oggi, vuole invece sostituire la Coca-Cola come primo brand mondiale nel settore beverage.

I BHAG possono rivelarsi importanti anche per la vita privata, e non soltanto per la carriera professionale; ad esempio l'attore Will Smith e sua moglie Jada Pinkett hanno stabilito un piano di 40 anni per il proprio matrimonio, che include il diventare i più grandi filantropi che l'America abbia mai conosciuto (superando anche Bill e Melinda Gates). Per quanto riguarda Elon Musk, praticamente il concetto stesso alla base delle proprie aziende è un BHAG (perlomeno relativamente al periodo storico in cui nascono); rendere una banca accessibile in qualsiasi momento ed in qualsiasi luogo, abbattere i costi esorbitanti dell'industria aerospaziale e creare razzi riutilizzabili, produrre automobili di lusso ricaricabili e che non necessitino di benzina, superare la velocità aerea nel trasporto terreno tramite un treno, collegare il cervello umano a Internet, e, ultima trovata, scavare tunnel su più livelli sotto il suolo di Los Angeles per evitarne il traffico (con “The Boring Company”, che peraltro valuta una soluzione nettamente più efficace di quella delle auto volanti proposta da molti team della Silicon Valley).

Va tuttavia specificato come gli obiettivi delle aziende siano ben delineati dall'imprenditore di volta in volta, e che quindi un disegno di fondo che possa richiedere un numero specifico di anni, viene comunque sempre fornito (non trattandosi perciò di sensazionalismi irrealistici). Ad esempio, per quanto concerne SpaceX l'attuale BHAG è quello di portare l'uomo su Marte e, successivamente, crearvi un insediamento stabile per rendere l'umanità una specie interplanetaria (al punto che lo stesso razzo in produzione che dovrebbe sostenere la missione, prende il nome di "Interplanetary Spaceship"). A causa di queste dichiarazioni, l'eccitazione del pubblico in riguardo all'esplorazione spaziale è cresciuta di molto negli ultimi anni. Potrebbe essere difficile correlare in termini numerici l'apporto di suddetto BHAG alla rinnovata passione per lo spazio, ma i dati certi sono che, dall’investimento di Musk in SpaceX, sono stati prodotti più film a tema spaziale che nei venti anni precedenti, e 200.000 persone hanno già richiesto nel 2012, nei Paesi Bassi, un viaggio di sola andata per Marte (quando sulla Luna, molto più vicina ed accessibile, non si è più tornati per molto tempo).

Persino la NASA sembra essersi ridestata dal torpore dei decenni precedenti, sia per gli sforzi dimostrati nella raccolta fondi per nuovi progetti, sia per un marketing più moderno e strizzante l'occhio al virale. La NASA ha anche garantito numerosi contratti a SpaceX, che del resto è cresciuta da 1.3 miliardi di dollari di valore nel 2012, ai 12 miliardi nel 2015. In riguardo a Tesla, invece, basti ricordare che a giugno 2016 i preordini della Model 3 (l’auto completamente elettrica da 35.000 dollari, la più economica dell’offerta Tesla) ammontavano già a 400.000 richieste, e considerando i 1.000 dollari da investire come acconto per il preordine, il totale finale ammonta a circa 400 milioni di dollari nelle casse della società (per il solo fatto di aver saputo suscitare nel pubblico le giuste emozioni durante la presentazione di un modello che, in fin dei conti, è ancora in produzione e comincerà le consegne solo a fine 2017).

Di sicuro è stato d’aiuto, durante tale presentazione, il BHAG specificato a chiare lettere da Musk di portare la produzione delle automobili a 500.000 esemplari l’anno entro il 2018, quando la stessa cifra era prevista a regime entro il 2020. Per basarsi su una prospettiva, come termine di paragone, fino al 2016 Tesla ha consegnato solo 200.000 vetture in totale (non in un anno, ma dalla sua nascita).

Lo scetticismo che permea nel settore e nel pubblico resta elevato, com’è anche giusto che sia, considerando che ad esempio Toyota ha venduto 15 milioni di auto nel 2015. Ma per una società che è nata solo nel 2003 pur affermandosi rapidamente nel segmento luxury, e che ha da poco superato Ford come valore di mercato (con un incremento per azione da circa 60 a circa 300 dollari nel corso di un singolo anno), la riuscita potrebbe essere tutt’altro che impossibile.

Il miliardario possessore di “Baron Capital”, Ron Baron, ha investito 300 milioni di dollari in azioni Tesla prevedendo che la società diverrà, nel corso di pochi anni, uno dei più grandi produttori di automobili al mondo (sempre considerando i ben diversi volumi di vendita di General Motors, Ford, Toyota e tutti gli altri competitors). La Gigafactory in costruzione in Nevada è, del resto, studiata appositamente per la produzione di batterie al litio per alimentare 500.000 auto all’anno, ed è in assoluto la fabbrica più grande al mondo per superficie coperta, completamente alimentata da pannelli solari disposti lungo tutta l’estensione del tetto.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Focus, target e posizionamento d'impresa - Elon Musk sfida i tradizionali modelli di business

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Gaetano Crimaldi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università Telematica Pegaso
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Andrea Quintiliani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 114

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

marketing
posizionamento
target
paypal
focus
tesla
startup
musk+
elon
spacex

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi