Skip to content

Le donne nella rete di ''Cosa Nostra''.

Le Donne in lotta per la legalità: le testimoni e le “pentite” (o collaboratrici di giustizia)

Preliminarmente, occorre individuare le differenze che concernono rispettivamente i profili dei pentiti e dei testimoni nelle indagini di giustizia.
«I pentiti sono quelle persone che, interni all’associazione mafiosa, hanno commesso numerosi reati ma, una volta in processati ed incarcerati, decidono di collaborare con le forze armate e, pertanto, si definiscono anche collaboratori di giustizia».
Viceversa, un testimone, di norma, non ha commesso alcun tipo di reato ed è estraneo all’organizzazione mafiosa: eppure, decide di mettere a disposizioni degli inquirenti informazioni preziose, in merito a fatti accaduti e dei quali può diventare un testimone chiave per far luce su indagini di carattere mafioso.

Molteplici possono essere le ragioni che si celano dietro a confessioni e/o rivelazioni di pentiti e testimoni: talvolta, i pentiti hanno subìto la perdita uno o più familiari, per cui sperano di ottenere giustizia attraverso le vie giudiziarie.
Più di frequente, il pentito, dopo un periodo di isolamento in carceri di massima sicurezza, intende patteggiare la propria condanna definitiva, collaborando con la Polizia e coadiuvando le indagini di Stato. Di norma, la scelta di cooperare con la giustizia è alquanto travagliata, piena di ansie e tormenti, soprattutto quando sussistono legami parentali che s’intrecciano a “doppio filo” con altrettanti vincoli mafiosi.

Tuttavia, di frequente, durante i processi per mafia, numerose sono le deposizioni di teste “donne” che mettono in atto i seguenti modelli motivazionali:

1) modello vendicativo: si tratta di una scelta che si colloca in continuità con il contesto di provenienza delle donne e consiste nell’applicare il codice d’onore dei mafiosi, attuando la vendetta dei propri cari attraverso le vie della giustizia pubblica;

2) modello difensivo: in questo caso, le donne prendono la decisione di collaborare con la giustizia al fine di proteggere i propri figli da eventuali rivendicazioni mafiose di altri gruppi criminali.

Tuttavia, questi modelli non sono in grado di mettere in ordine la complessità di episodi di donne collaboratrici di giustizia: in realtà, sono molto più numerose le motivazioni che spingono le donne in tale direzione.
Nondimeno, Siebert ha rilevato come le donne testimoni preferiscano optare «per la scelta della vita piuttosto che piegarsi ai dettami della mafia-morte».

Negli ultimi decenni, attraverso le testimonianze di tante collaboratrici di giustizia, è stato possibile ricostruire le strutture gerarchizzate di Cosa Nostra e ciò ha consentito agli inquirenti di scoprire gli obiettivi dei malavitosi, di smascherarne le strategie, di risalire ai mandanti in circostanze segnate da delitti irrisolti: in sostanza, queste donne hanno permesso l’arresto di boss mafiosi e il sequestro e la confisca di patrimoni immensi, accumulati illecitamente.
Di norma, un pentito, che decide di intraprendere la sua cooperazione con lo Stato, viola una regola fondamentale di Cosa Nostra, ovvero, infrange la barriera dell’omertà, garanzia della sopravvivenza stessa dell’organizzazione mafiosa.
Tali collaboratori di giustizia si macchiano di “infamia”, agli occhi del mondo mafioso, e sono colpiti frequentemente da vendette trasversali e spietati attentati.

Di conseguenza, lo Stato assicura la tutela di coloro che decidono di cooperare con la giustizia: di fatto, i collaboratori vengono inseriti in specifici programmi di protezione che, introdotti in Italia con la legge del 15 Marzo 1991 n. 82., garantiscono loro un possibile reinserimento nel contesto sociale e lavorativo, attraverso l’assegnazione di una nuova identità ed il trasferimento in località ignote.
In seguito agli attentati dei giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, lo Stato italiano ha varato nuove leggi per innalzare il livello di protezione dei collaboratori, come la legge 13 Febbraio 2001 n. 45: quest’ultima, inoltre, ha stabilito innanzitutto una formale e netta distinzione tra collaboratori e testimoni di giustizia.

«Da un po’ di anni è cresciuto il ruolo delle donne tanto dentro l’organizzazione mafiosa che nella lotta contro la mafia, perché è cresciuto il loro ruolo nella società».
Pertanto, le donne rivestono un ruolo di primo piano nella lotta contro la mafia: un esempio lampante è il ruolo attivo di Anna Puglisi nella società civile palermitana.

Questo impegno viene portato avanti anche durante i processi di mafia durante i quali, la presenza di donne come Anna Puglisi, costituiva un punto di riferimento per tutte coloro che volevano infrangere il muro dell’omertà.
Pertanto, la mafia cerca di eliminare quelle donne che tentano di diventare collaboratrici di giustizia o le costringe in certi casi, ad indietreggiare nella loro scelta, attraverso pressioni psicologiche o intimidatorie: talvolta, le collaboratrici di giustizia decidono di ritrattare le proprie confessioni o di smentire eventuali accuse rivolte nei confronti di personaggi legati a Cosa Nostra.
Le donne, invece, che decidono di collaborare con la giustizia, oltre al programma di protezione dello Stato, ricevono solidarietà dalle associazioni antimafia.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Le donne nella rete di ''Cosa Nostra''.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Eleonora Svezia
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Storia e scienze dell'Amministrazione
  Relatore: Rosario Mangiameli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 54

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

mafia
cosa nostra
rita atria
le donne
organizzazioni mafiose

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi