Skip to content

L'educazione sessuale degli adolescenti. Modelli, politiche e culture a confronto

Programmi di educazione sessuale per la prevenzione dell’abuso e per le vittime di molestie o violenze sessuali (Pellai, 2004; Pace e Veglia 2004)

L’abuso è un fenomeno largamente diffuso, per molto tempo misconosciuto e sottostimato. Ha concorso in questo nascondimento la difficoltà di una definizione condivisa, la carenza di modelli di intervento e l’assenza di formazione specifica. In Italia c’è un ritardo nello sviluppo dei modelli di prevenzione e di attenzione politica e culturale. Eppure secondo studi di revisione epidemiologici (Finkelhor, 1994) si tratta di un fenomeno che può colpire almeno una donna su quindici. L’abuso sessuale su minori viene perpetrato da familiari o persone vicine al nucleo familiare, comporta per la maggior parte atti di libidine e registra il suo picco nella fascia 9-12 anni.

Accanto all’abuso la violenza sessuale, soprattutto sulle donne, non cessa di sparire. Nonostante le vicissitudini culturali del dopoguerra con l’affermazione di diritti storici per la donna e la rivoluzione sessuale degli anni 60-70 gli episodi di violenza, spesso domestica, non sono diminuiti e, sovente, sono rimasti coperti per decenni.

Silvia Bonino (Bonino, 2015) ci descrive come la violenza sessuale perpetrata dall’uomo verso la donna abbia una radice arcaica nel cervello (rettiliano) e trovi nell’influenza culturale ambientale dei rinforzi. Ma la mente di ognuno di noi emerge dall’attività del cervello con caratteristiche di autoconsapevolezza e autoriflessione, per cui ogni individuo ha uno spazio di azione e di evoluzione personale. Questa lettura supporta non solo la necessità di un compito educativo ma anche la sua fondatezza e speranza, essendo basata sulla biologia umana.

È pertanto evidente la necessità che informazioni specifiche relative all’abuso sessuale debbano entrare a far parte di programmi di intervento a diversi livelli e fasce di età.
Sicuramente l’adolescenza è il momento decisivo per operare dei cambiamenti significativi (e preventivi) nella vita degli esseri umani. Accanto allo sviluppo puberale vi è anche lo sviluppo della neocorteccia, per cui “…diventano possibili il pensiero formale (considerare le varie possibilità fare ipotesi astratte e dedurne gli esiti), le funzioni esecutive (progettare, determinare le priorità, valutare le conseguenze) e l’autoconsapevolezza (Bonino, 2015, pag. 127).” L’accesso a una sessualità inconsapevole e immatura aumenta i rischi, soprattutto per le adolescenti femmine di inserirsi in un arcaico modello di dominanza-sottomissione con il mondo maschile.

La programmazione di tali interventi deve tenere conto della significatività sociale e quella personale dei destinatari, in modo che “ciò che viene insegnato abbia qualche relazione con i problemi […] e allo stesso tempo sia autoricompensante per qualche criterio esistenziale” (Bruner, 1971, p.34).
Nella significatività personale possiamo inscrivere la componente storico-narrativa: ogni bambino rappresenta una storia individuale che non può esistere, se non nella relazione interpersonale con chi condivide e condividerà il suo mondo e la sua vita adulta futura.

I modelli teorici che hanno guidato questa implementazione si possono sintetizzare in:

• Modello di protezione del bambino

È il modello dell’operatore sociale, dove tutti i bambini hanno necessità di protezione da parte degli adulti, e se chi esercita la patria potestà non è grado, lo Stato deve intervenire

• Modello di pubblica sicurezza

Si tratta dell’azione delle Forze dell’Ordine tramite tutti i suoi dispositivi di controllare e tutelare la collettività

• Modello votato all’empowerment

Modello di derivazione femminista incentrato sull’emancipazione dei diritti delle donne a vivere in una comunità sicura

• Modello medico di prevenzione

È il modello della salute pubblica basato sui tre livelli di prevenzione:

o Primaria: prevenire l’abuso prima che avvenga

o Secondaria: riconoscere tempestivamente i casi di abuso

o Terziaria: sostegno terapeutico per limitare i danni

• Modello comportamentali ecologico

I comportamenti degli individui secondo questo approccio sono da inserire in una cornice ampia dove avvengono interazioni tra i riferimenti culturali, legislativi del contesto, le sue agenzie, i comportamenti di autoprotezione dell’individuo e le pressioni sociali e dei pari

• Modello centrato sulla comunità che promuove la salute

Al centro c’è la comunità che deve tutelare un ambiente sicuro agendo su diversi fronti: sull’abusante, sulla vittima e sul contesto.
L’intervento educativo che emerge soprattutto dall’ultimo modello individua la collettività come responsabile della logica preventiva degli interventi, per costruire un clima dove la tutela di una crescita armonica per i minori sia sempre più possibile per tutti.
Pace e Veglia (2004) individuano tre caratteristiche per far incontrare educazione e sessualità con un approccio:

- Interattivo: la comunicazione è bidirezionale con una grande attenzione a far emergere i contenuti dagli allievi e limitare la trasmissione di paure e angosce da parte degli adulti
- Integrato: “la sessualità, come tutte le esperienze, prevede l’attivarsi dei sistemi cognitivo, emozionale e comportamentale, ma con particolare incidenza degli aspetti somatici ed emozionali” (Veglia,1996, p.590)
- Trasformativo: non si tratta di una trasmissione di informazioni, ma di una rivoluzione culturale con al centro la scuola come polo aggregante tra minori, genitori docente territorio

Fenelli e Lorenzini (1998, p.210) riferendosi a un concetto generale di educazione prevedono quattro tappe imprescindibili per la stesura di un piano educativo che possiamo riportare anche per la prevenzione all’abuso:
• Conoscenza degli utenti
• La determinazione degli obiettivi
• La valutazione delle risorse
• La programmazione

Data la peculiarità del tema dell’abuso e della violenza sessuale la conoscenza del target minori riferito a questo ambito deve essere precisa, anche perché spesso gli adulti sono imbarazzati e depotenziati nel riconoscere la problematicità di alcuni comportamenti.
Ryan (2000) e Johnson/Frien (1995) riportano una classificazione per i comportamenti in età scolare e prescolare sui diversi livelli di attenzione e/o intervento da parte degli adulti (Tab.9).
[...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'educazione sessuale degli adolescenti. Modelli, politiche e culture a confronto

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Carlo Tognola
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia dello Sviluppo e dell'Educazione
  Relatore: Tatiana Begotti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 130

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi