Skip to content

La politica economica a Cuba dalla rivoluzione ad oggi: la sconfitta dell’economia pianificata

La struttura sociale quale volano della rivoluzione marxista

La Rivoluzione, tra gli anni '59 e '60, produsse grandi trasformazioni, fra le quali la prima legge della Riforma Agraria e la nazionalizzazione delle grandi imprese straniere, le quali diedero inizio a quel cambiamento nella struttura sociale del paese che da lì a poco sarebbe stato il volano della politica marxista. Infatti, la società cubana a partire dalla rivoluzione del 1959 assistette ad un radicale e profondo cambiamento nei più svariati settori dello stato e della vita pubblica. La trasformazione avvenne in un ordine di grandezza che sarebbe stato praticamente impossibile, in anticipo, prefigurare nei contorni di un programma politico.

Buona parte dell’intera teoria strutturale per il rinnovamento della società cubana, fu pensata da Castro quando era imprigionato nella Moncada nel 1953, riconsiderando la dialettica sociale di Aouar Abdel Malek, quando parlava del rinnovamento sociale occorrente negli anni sessanta a partire dalla Repubblica Popolare della Cina. Un cambiamento inimmaginabile anche per lo stesso leader cubano che nel suo discorso al popolo dell’Habana del 1960 usó un’espressione eloquente: "Abbiamo fatto una rivoluzione più grande che noi stessi".
La giustizia sociale e la lotta alle disuguaglianze costituiscono da sempre uno dei pilastri fondamentali della cuba rivoluzionaria.

In effetti, alcuni importanti risultati in questo campo sono stati raggiunti, specialmente nei primi tre decenni del socialismo cubano. Nel modello cubano l’uguaglianza e la giustizia sociale sono state perseguite non solo attraverso misure convenzionali volte a incidere sulla distribuzione dei redditi, ma anche e soprattutto attraverso l’istituzione di meccanismi di fornitura pubblica e gratuita di beni e servizi fondamentali al fine di garantirne il reale accesso a tutti i cittadini.

I campi in cui ha operato il sistema socialista dell’equità sociale erano:
- l’istruzione
- la salute
- lo sport
- la sicurezza sociale
- il lavoro
- la distribuzione di alcuni beni e servizi.

Negli anni ’90, però, l’impegno nella lotta contro la disuguaglianza sociale conobbe una battuta d’arresto in conseguenza delle riforme resesi necessarie per fronteggiare una profonda crisi economica. La dissoluzione del modello sovietico e quello del blocco socialista europeo, insieme ad alcuni problemi interni, scatenarono una forte contrazione del commercio internazionale di Cuba (sia in termini di volume sia di valore), e più in generale una grave crisi dell’intera economia cubana.
Di fronte a quella disastrosa situazione economica il governo cubano implementò alcune riforme moderatamente orientate al mercato che furono parzialmente riviste o abbandonate nella decade successiva.

Il programma politico economico del cambiamento strutturale del paese implicava il superamento degli ostacoli esterni e delle restrizioni interne, creatisi con l’inizio dell’embargo e dell’isolazionismo internazionale voluto dagli americani. Per poter iniziare il lungo cambiamento bisognava partire da una massiccia mobilitazione di contadini e di massa operaia in modo tale da far desistere nella lotta le classi oligarchiche che non vedevano di buon occhi la politica di cambiamento di Castro che si andava profilando a Cuba, soprattutto con la ripartizione delle terre ai contadini e la fine del latifondo agricolo.

Il primo degli obiettivi era quello di eliminare l'analfabetismo adulto della popolazione. Infatti dal 1962 il regime adottò un sistema unico di istruzione, pubblico, laico e gratuito. Lo stesso carattere pubblico e gratuito era stato stabilito anche per il sistema sanitario nel 1965.

Inoltre nei primissimi anni 60 si produsse un incremento demografico che portò la popolazione di Cuba, da sei milioni di abitanti del 1959 a dieci milioni circa del 1970. La società cubana in questi anni era una società relativamente giovane, visto la riduzione drastica del tasso di mortalità e l’aumento della natalità, tutto grazie alla nuove e più umane condizioni di vita della popolazione.

La società cubana visse il decennio 1960-1969 attraverso un enorme aumento degli indici di alimentazione e con il quasi azzeramento della disoccupazione. Il mercato dei beni di consumo aumentò, la sanità era il fiore all’occhiello di tutta l’america latina, con l’introduzione del medico di famiglia, uno dei primissimi paesi al mondo ad aver adottato tale sistema di sanità. E da sottolineare l’aumento del consumo pro capite giornaliero di calorie e di proteine che addirittura superó i limiti imposti dall’ONU. Praticamente lo Stato era onnipresente nell'economia e nella società del paese.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La politica economica a Cuba dalla rivoluzione ad oggi: la sconfitta dell’economia pianificata

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Iony Nuzzo
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2015-16
  Università: Università Telematica Pegaso
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze Economiche, Statistiche e Sociali
  Relatore: Salvatore Della Corte
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 133

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cuba, america latina, iony nuzzo, dittatura
embargo, usa, john kennedy, fulgencio batista
fidel castro, baia dei porci, rivoluzione,
che guevara, terza internazionale, urss, russia
economia pianificata, economia socialista,
america latina, crisi dei missili a acuba
john maynard keynes,vincent de gourma
massimo salvatori, muro di berlino
pierfrancesco galgani, mercato globale
wall street, borsa di new york

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi