Skip to content

Disorganizzazione del pensiero e funzionamento sociale: una indagine sui processi cognitivi in un campione di soggetti schizofrenici

Disturbi formali del pensiero e funzionamento

Il disturbo schizofrenico è caratterizzato da gravi disfunzioni cognitive, con ripercussioni nell'ambito clinico e funzionale del paziente. Questi deficit sono stati associati con la disorganizzazione e i sintomi negativi (Cohen et al, 1999; Green et al, 2000; Kerns and Berenbaum, 2002) e con lo scarso funzionamento sociale (Green, 1996, 1998; Weinberger and Gallhofer, 1997). Le aree cognitive danneggiate sono collegate alle funzioni svolte nei lobi frontali e temporali, includendo l'attenzione, il processing speed, le funzioni esecutive, la fluenza verbale, la memoria e l'apprendimento. (Censits et al, 1997; Hoff et al, 1992;Mohamed et al, 1999; Riley et al, 2000; Saykin et al, 1994; Schuepbach et al, 2002; Townsend et al, 2001).

Tali disfunzioni sono state correlate con i sintomi negativi e della disorganizzazione, compresi i disturbi formali del pensiero. (Addington and Addington, 1999, 2000; Bilder et al, 2000; Breier et al, 1991; Cohen et al, 1999; Dibben et al, 2009; Dickerson et al, 1996; Goldman et al, 1993; Greenwood et al, 2008; Heslegrave et al, 1997; Kerns and Berenbaum, 2002; Lenior et al, 2001; MacDonald et al, 2005; McGurk and Meltzer, 2000a; McGurk et al, 2000b; Moriarty et al, 2001; Perlstein et al, 2001; Velligan et al, 1997; Yoon et al, 2008a).

I disturbi formali del pensiero (FTD), o discorso disorganizzato, è una delle caratteristiche principali nella schizofrenia. Tali disturbi riguardano la disorganizzazione del pensiero presente nelle anomalie della comunicazione. I segni della disorganizzazione sono stati identificati come predittori dello scarso funzionamento. (Bowie and Harvey, 2008). Il cosiddetto discorso disorganizzato è spesso classificato come disturbo del pensiero “positivo” o “negativo”. Rispettivamente, il primo è caratterizzato da un discorso disorganizzato o sconnesso, come ad esempio libere associazioni tra i concetti, soprattutto evidente quando avviene un cambiamento di tematiche in maniera sconnessa, con risposte tangenziali, parole senza senso o modi circostanziali di conversare. I secondi invece comprendono la riduzione nella quantità di elaborazione o della produzione verbale. (Andreasen, 1979a; Harvey et al., 1992).

Tale classificazione è associata al comportamento e alle competenze nel funzionamento sociale. (Bowie et al., 2011). La fluidità verbale è utilizzata per comprendere la presenza di disordini del pensiero e della cognizione nella schizofrenia. Difatti una disfunzione di tale facoltà sembra essere presente nel corso della vita di pazienti affetti da schizofrenia. (Rajji, Ismail, and Mulsant, 2009). Deficit della fluidità verbale risultano le alterazioni cognitive più durature (Szoke et al., 2008), e possono fungere da predittori delle abilità quotidiane di problem solving sia durante le simulazioni (Keefe et al., 2006; Revheim et al., 2006) sia nella vita reale (Rempfer et al., 2003).

Un recente studio ha evidenziato la relazione tra FTD e difficoltà a livello delle funzioni esecutive e dell'elaborazione delle informazioni semantiche (Kerns JG1, Berenbaum H. J Abnorm Psychol. 2002 May;111(2):211-24). Tuttavia i processi cognitivi associati ai FTD risultano ancora poco chiari.

Sono presenti molte evidenze che mostrano la presenza di un legame tra funzioni cognitive e funzionamento, ma la letteratura scientifica non è ancora in grado di stabilire di che natura esso sia. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Disorganizzazione del pensiero e funzionamento sociale: una indagine sui processi cognitivi in un campione di soggetti schizofrenici

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Claudia Didio
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Tecnica della Riabilitazione Psichiatrica
  Relatore: Antonella Conestà
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 47

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

deficit cognitivi
schizofrenia
disorganizzazione del pensiero
funzionamento sociale
disturbi formali del pensiero

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi