Skip to content

Impatto dei parametri strutturali e chimici sulle proprietà capacitive di nanotubi di carbonio

Modificazioni di CNT per elettrodi per supercapacitori e strategie per il miglioramento delle loro performance capacitive e di potenza

Sebbene molto lavoro sia stato fatto per accrescere le performances di EDLC basati su CNT in termini di densità di energia e di potenza utilizzando vari elettroliti [1], l’effetto della chimica superficiale su tali performances non è stato ancora completamente investigato.
E’ presumibile che la chimica superficiale dei CNT dovrebbe giocare un ruolo molto importante nelle loro performances e comportamento elettrochimici. Trattamenti ossidativi [2], che introducono funzionalità contenenti ossigeno sulle superfici idrofobiche e inerti dei CNT, costituiscono uno stadio di purificazione inevitabile di campioni di CNT e sono stati ampiamente utilizzati per aumentare la loro (i) disperdibilità in solventi polari [3], (ii) la miscibilità con matrici polimeriche [4] e l’adesione su opportuni substrati [5], (iii) la capacità specifica dei capacitori con elettrodi basati su di essi [6], per esercitare un controllo (i) della porosità e della conduttività dei loro assemblamenti [7, 8], (ii) del “mass loading” di nanoparticelle di ossidi metallici [9, 10], riconducibile all’adsorbimento chimico attraverso la formazione di legami ester-like tra i gruppi acidi carbossilici introdotti sui CNT e i gruppi ossidrilici superficiali sulle nanoparticelle di ossido [11] (il “mass loading” può essere accresciuto anche dai difetti che inevitabilmente si formano durante la crescita dei CNT [12] e che possono essere introdotti per etching chimico [13], ultrasonicazione [14] e irraggiamento con electron beam [15]), (iii) della loro processabilità. L’introduzione di gruppi funzionali contenenti ossigeno è solitamente accompagnata (i) dalla creazione di difetti strutturali sui CNT [16], (ii) dal loro accorciamento e assottigliamento [17, 18, 19], (iii) dall’accumulo di residui carboniosi ossigenati [20, 21], (iv) dalla scomparsa di nanotubi di piccolo diametro [22, 23, 24], (v) dalla completa perdita di materiale [20, 25].

Tali degradazioni strutturali sono molto comuni negli SWCNT e sono state anche osservate negli MWCNT dopo prolungati riscaldamenti sotto riflusso con acidi [26, 27]. Gruppi funzionali superficiali contenenti ossigeno (OCFG, Oxygen-Containing-Functional-Groups [28]) (Fig. 4.1(a)) possono fornire reazioni redox faradiche reversibili con notevole incremento della pseudocapacità (Fig. 4.1(d), (e), (f), (g), (h)) tali funzionalità elettrochimicamente attive vengono tradizionalmen•te suddivise in due famiglie a seconda del loro carattere acido o basico in soluzioni acquose (Fig. 4.1(b)), le funzionalità acide come gruppi carbossilici (anche nella forma di gruppi anidridici), lattonici, fenolici e lattolici sono le meno stabili, mentre le funzionalità basiche come gruppi chetonici o chinonici, gruppi pironici (o meglio gruppi e/o strutture tipo pirone) Fig. 4.1(h)) sono le più stabili, è stato riportato che la sequenza per la stabilità termica per i vari gruppi funzionali contenenti ossigeno sulla superficie dei materiali in C, i corrispondenti gas sviluppati e temperature di decomposizione è [30, 31, 32]: carbonilici/chinonici (CO, 800-1000 °C) > lattonici ed etere (CO2 e (h)CO rispettivamente, 600-800 °C) > fenolici (CO, 400-600 °C) > anidridici (CO e CO2, 400-600 °C) > carbossilici (CO2, 150-400°C), nel range di temperature 150-400 °C si verifica anche la disidratazione intermolecolare, con abbondante rilascio di H2O (“chemical water”), tra gruppi carbossilici adiacenti, tra gruppi ossidrilici adiacenti e gruppi carbossilici adiacenti a gruppi ossidrilici a generare rispettivamente anidridi, eteri e lattoni più stabili termicamente [31], nel range di temperature 30-150 °C evapora l’acqua fisicamente adsorbita e l’acqua intercalata (“physical water”).

Tuttavia l’acidità e la basicità dei diversi gruppi funzionali dipende (a) dalla forma e dalle dimensioni dei substrati grafenici, (b) dalla presenza e posizione di altri sostituenti sui substrati grafenici e (c) dalla carica di gruppi vicini dissociati, comunque le differenze di acidità/basicità dei vari tipi di gruppi funzionali sembrano essere sufficientemente grandi da consentire una loro differenziazione attraverso il semplice metodo di titolazione [33].

E’ necessario sottolineare che sfortunatamente nel caso di materiali in carbonio porosi è estremamente difficile separare gli effetti di porosità e di chimica superficiale sulle performances capacitive in virtù del fatto che è difficile ottenere materiali in C porosi completamente liberi da gruppi funzionali a causa della forte suscettibilità della loro superficie a subire ossidazione se esposti all’aria in condizioni ambiente dopo sintesi, a sua volta modificazioni post-sintesi (ad es. purificazione/attivazione di CNT, doping con N) comportano variazioni della porosità, pertanto gli effetti della chimica superficiale sulla capacità di materiali in C dovrebbero essere indagati a parità di porosità. I gruppi funzionali acidi sui CNT forniranno un contributo pseudocapacitivo maggiore in elettroliti acquosi alcalini, più elevati pH della soluzione sembrano infatti promuovere processi redox reversibili a carico dei gruppi carbossilici e fenolici sui CNT, tali gruppi possono inoltre aumentare in modo notevole la bagnabilità dei CNT in mezzi polari protici massimizzando l’accesso dell’elettrolita alla superficie dell’elettrodo; quando elettrodi basati su CNT che possiedono una più grande concentrazione superficiale di gruppi carbossilici e fenolici anzichè essere utilizzati ad esempio in H2SO4 1 M (mezzo polare protico), dove esibiscono una soddisfacente capacità attribuibile alle superiori proprietà di bagnamento vengono utilizzati in Et3MeNBF4 (1 M)/PC (mezzo polare aprotico) l’abilità di bagnamento decresce; inoltre in elettro-liti organici, in virtù della più elevata resistenza del solvente organico, l’eventuale processo redox associato con i gruppi funzionali contenenti ossigeno superficiali viene drasticamente ridotto, con conseguente netto decremento della pseudocapacità, ne risulterà una più bassa capacità specifica gravimetrica complessiva.

I gruppi fenolici e carbossilici sono solitamente termicamente instabili e possono essere mantenuti sui CNT solo a basse temperature di annealing sotto vuoto (≌ 250 °C) e quando la temperatura di annealing viene accresciuta essi potranno o essere eliminati o trasformati in gruppi funzionali basici che in elettroliti acquosi alcalini non dovrebbero fornire reazioni pseudocapacitive, è bene comunque ribadire che i gruppi carbossilici vengono rimossi termicamente più facilmente dei gruppi fenolici, quindi è possibile eliminare i gruppi carbossilici mantenendo i gruppi fenolici e preservando il relativo contributo capacitivo [28]. Nel caso di elettroliti acquosi i gruppi carbossilici sono stati trovati essere più efficaci nell’accrescere la capacità, specie attraverso un contributo pseudocapacitivo, ciò suggerisce che i gruppi carbossilici hanno una forte polarità (essi sono fortemente polari perchè hanno due gruppi polari, ossidrilico e carbonilico) che causa una “leakage current” dovuta ad un effetto catalitico (Fig. 4.1(c)), la corrente faradica che causa la pseudocapacità accresce la capacità [34], sebbene con i gruppi carbossilici altri fattori giocano un ruolo nel controllare la capacità, infatti i gruppi carbossilici producono ingombro sterico a causa della loro struttura molecolare [28]; i gruppi fenolici, che hanno una polarità più debole di quella dei gruppi carbossilici, possono produrre una carica di polarizzazione, ma senza un effetto catalitico, e quindi aumentando la formazione del doppio strato elettrico (EDL), conformemente alla seguente equazione [28]: [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Impatto dei parametri strutturali e chimici sulle proprietà capacitive di nanotubi di carbonio

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giovanni Zuccari
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Chimica
  Relatore: Maria Letizia Terranova
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 532

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

nanotubi di carbonio
supercapacitori

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi