Skip to content

COMMUNICATION STRATEGIES WITHIN UNITED NATIONS - The case of the Office of the Special Representative of the Secretary-General for Children and Armed Conflict on child soldiers

Why And How Communication Matters For The UN

To pursue its mission the UN engages with a wide range of stakeholders. Naturally, Member States – the most influent UN stakeholders – pursue national self-interest in the hope of securing their political advantage. Despite governments’ goals may conflict, when a common objective is identified and shared by a group of States, the UN provides a useful framework for the pursuit of such objective. And, as it was discussed in the previous chapter, the issues that are taken to the UN by national governments depends, in turn, on the outcome of local, internal policy making processes.

Through this multi-layered agenda setting process (e.g. from local, to national, to international), the various political subjects within Member States – including citizens – can ultimately influence the UN’s policy making, just like the UN’s actions can influence local politics (e.g. through recommendations, public denunciation, or actual sanctions).

Every year, the General Assembly, the GA plenary and its six Main Committees are allocated agenda items to evaluate. The chief objective of each session of the General Assembly is taking action consequently – for instance adopting one or more resolutions on specific items. The Article 10 of the UN Charter – which defines the functions and powers of the General Assembly – states that:

The General Assembly may discuss any questions or any matters within the scope of the present Charter or relating to the powers and functions of any organs provided for in the present Charter, and […] may make recommendations to the Members of the United Nations or the Security Council or to both on any such questions or matters.

However, even when items on the General Assembly’s agenda result in resolutions – which is not a foregone conclusion – these are considered mere recommendations, without any legal binding power on the Member States.

The only resolutions that have the potential to be legally binding are the ones adopted by the Security Council. For this reason, General Assembly resolutions tend to be effective only when they are fully agreed by a wide majority. The states that did not vote in favor of a resolution on a particular item will be less likely to implement the actions that are recommended.

As already noted by a UN official in the early years of the organization,

It smacks of rhetoric to say that the UN is a forum for the conscience of the world. Let us state more modestly that it is a sounding board for the opinion of a great many nations in the world, and if that opinion is strong enough and united enough, it cannot fail to have its influence.”

As a result, the UN’s policy strongly depends on governments’ ability to cooperate and compromise while pursuing self-interests. Confronted with this situation, the UN is often forced to rely on the sole advocacy to influence national politics and facilitate the inclusion of dissident governments within common agreements.

While national governments can leverage on the coercive power of laws to influence attitudes, an organization like the UN that, in most cases, can only make recommendations, needs to count on advocacy to pursue its goals. For this reason, an effective communication strategy is crucial to change the institutional and social environments in which undesirable behavior takes place, particularly when the issue at stake have not risen to a level of public awareness that makes the public opinion acknowledge the existence of a problem.

Thus, advocacy is pivotal to ultimately change laws, policy, and practices were these do not comply with international standards, and it is fundamental to secure collective benefits for otherwise underrepresented groups.

The term ‘advocacy’ defines a wide variety of communication activities, including media campaigns, reporting activities, press conferences, side events, public speaking, commissioning and publishing research, or simply any dialogue in person with persuasive goals. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

COMMUNICATION STRATEGIES WITHIN UNITED NATIONS - The case of the Office of the Special Representative of the Secretary-General for Children and Armed Conflict on child soldiers

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Pietro Licini
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Bergamo
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Editoria, comunicazione multimediale e giornalismo
  Relatore: Flaminia Nicora
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 127

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

nazioni unite
comunicazione sociale
united nations
bambini soldato
child soldiers
kofi annan
leila zerrougui
antonio guterres
ban ki-moon
special representative

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi