Skip to content

Notre-Dame de Paris: oltre il musical

Lo sviluppo del Musical in America

Il termine “Età d’Oro” indica il periodo di tempo durante il quale il musical americano ha raggiunto il suo culmine per poi iniziare il suo presunto declino. Il termine è – infatti – usato in modo generico: per alcuni studiosi l’Età d’Oro ebbe inizio con Show Boat (1927) di Kern e Hammerstein e si concluse con Oklahoma! (1943) di Rodgers e Hammerstein; altri la collocano invece tra la metà degli anni Cinquanta e la fine degli anni Settanta. L’utilizzo del termine è dunque piuttosto vago e applicabile ad un’eterogenea produzione.

Quando – l’11 novembre del 1918 – venne firmato l’armistizio, l’America si svegliò con il cuore carico di ottimismo, sperando di riuscire finalmente a fruire di quel benessere sociale ed economico che fino a quel momento la guerra aveva vanificato. Fra i cocktail, il charleston e i nightclub, improvvisamente comparve tutto un mondo fatto di business. L’America stava infatti vivendo un periodo talmente glorioso, da produrre effetti positivi in ogni campo dello spettacolo: mentre Wall Street divenne la Borsa più attendibile del mondo, Broadway si preannunciava l’investimento economico per eccellenza su cui puntare.

E quando proprio Wall Street crollò - il 24 ottobre 1929 – il luogo della rinascita fu la ventottesima strada, nel cuore di Manhattan: un vicolo ribattezzato “Tin Pan Alley”, dove già verso la fine del XIX secolo si era insediata l’industria musicale dello spettacolo americano. Luoghi d’incontro, editorie musicali, studi di registrazione, stazioni radio e strumenti sgangherati riempivano infatti l’atmosfera della strada, rendendola l’epicentro dell’industria della canzone e di tutti i suoi protagonisti più celebri.

Victor Herbert e George M. Cohan
Victor Herbert e George M. Cohan sono le due figure più importanti della prima fase del musical americano: il primo decennio del XX secolo. Entrambi irlandesi ed entrambi rivoluzionari, hanno innovato il genere in due modi completamente diversi. Mentre Herbert ha inaugurato un nuovo tipo di operetta pur rifacendosi alla tradizione viennese, Cohan – che non sapeva suonare nessuno strumento musicale – ha cercato di rompere con tutto ciò che aveva a che fare con la vecchia scuola; per Herbert, Broadway era situato un gradino sotto il maestoso mondo dell’Opera, mentre per Cohan si trattava dell’esatto contrario; Herbert credeva fermamente che musica e orchestra fossero gli elementi più importanti ma per Cohan gli ingredienti fondamentali di un musical erano le coreografie e l’idea del continuo movimento; se Herbert era la tipica figura vittoriana, Cohan era figlio del suo tempo, un personaggio frenetico e schietto.

Victor Herbert (1° febbraio 1859 – 26 maggio 1924) nacque a Dublino, fu educato in Francia, suonò in varie orchestre sinfoniche in giro per l’Europa e non giunse negli Stati Uniti prima dei suoi ventisette anni. Oltretutto il suo arrivo non aveva nulla a che fare con le commedie musicali: giunse in America per suonare il violoncello nell’orchestra del Metropolitan di New York. Accettò anche un incarico come direttore d’orchestra della ventiduesima New York National Guard Band ma – nonostante l’amore per questo lavoro – Herbert sapeva che solo le commedie musicali avrebbero potuto dare libero sfogo al suo talento come compositore.

La sua prima operetta – Prince Ananias (1894) – era interessante dal punto di vista della partitura ma il libretto risultava incredibilmente noioso e inusuale.
Dopo essersi dedicato per tre anni quasi esclusivamente all’orchestra sinfonica di Pittsburg, tornò a Broadway nel 1903 per lavorare al sequel di The Wizard of Oz, commissionatogli dagli stessi produttori dell’apprezzatissimo musical, Fred Hamlin e Julian Mitchel. Nacque così Babes in Toyland, adattato poi nel 1934 con il film Nel Paese delle Meraviglie, di Stan Laurel e Oliver Hardy (conosciuti in Italia come Stanlio e Ollio). Grazie alla splendida musica, Babes in Toyland possedeva una poeticità che alla produzione precedente mancava. La brillante carriera che ne seguì ebbe un’impatto notevole nel mondo del musical americano dei decenni a venire.

George M. Cohan (3 luglio 1878 – 5 novembre 1942) è stato un personaggio singolare: grande organizzatore, si esibì per la prima volta davanti ad un pubblico quando era ancora in fasce. Suo padre Jeremiah, infatti, aveva dedicato l’intera vita al vaudeville e con sua moglie Helen e i suoi figli George e Josie aveva formato il gruppo dei Quattro Cohan, che passarono di successo in successo. Nonostante le sue scarse attitudini agli strumenti musicali, George si rivelò fin da giovanissimo il factotum della famiglia operando come compositore, librettista, produttore, regista e attore. Il suo primo lavoro indipendente fu The Governor’s Son (1901) basato su un suo vecchio sketch.

Nonostante il debutto tutt’altro che brillante, lo show fu la prima manifestazione di una costruzione secondo gli schemi che gli autori successivi perfezioneranno poi sempre di più. Il giovane Cohan proseguì con opere di successo come Little Jonny Jones – che coglieva lo spirito di una nazione che aveva appena iniziato ad emergere come potenza mondiale –, Five Minutes from Broadway (1906, una settimana dopo Mille Modiste di Victor Herbert), The Yankee Prince (1908) e The Little Millionaire (1910) – che vedevano George e la sua famiglia riuniti sul palcoscenico ancora una volta – e molti altri. Nonostante il grande successo dei suoi show, ironicamente la fama di Cohan fu legata, durante tutta la sua carriera, soprattutto al suo talento come attore. Si ricorda – in particolar modo – la sua performance come il Presidente Franklin D. Roosvelt in I’d Rather Be Right (1937), l’unica apparizione in show scritti e diretti da altri.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Notre-Dame de Paris: oltre il musical

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Donatella Boschetti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Accademia Costume & Moda
  Facoltà: Design e Arti
  Corso: Costume e Moda
  Relatore: Lina Vito
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 142

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

teatro
cinema
broadway
musical
hollywood
costume
il gobbo di notre dame
victor hugo
notre dame de paris
riccardo cocciante

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi