Skip to content

La nuova governance digitale. Come cambiano le politiche territoriali nell'era del web 2.0.

Il nuovo cittadino digitale: il Regolamento eIDAS, la Carta della Cittadinanza Digitale

Per concludere questa parte si andranno a descrivere le direttive dell’UE in materia di cittadinanza digitale e le Piattaforme abilitanti elaborate dall’AgID come conseguente adeguamento alla normativa e ai cambiamenti che stanno caratterizzando la società e le esigenze dei nuovi cittadini digitali.

Il processo di definizione normativa tramite cui si è consentito il rafforzamento del concetto di cittadinanza digitale europea trova sostanza nel Regolamento eIDAS (electronic IDentification Authentication and Signature) n° 910/2014 emanato in data 23 Luglio 2014 ed entrato in vigore l’1 Luglio 2016 con: ”(…) l’obiettivo di rafforzare la fiducia nelle transazioni nell’Unione Europea, fornendo una base normativa comune per interazioni elettroniche sicure fra cittadini, imprese e pubbliche amministrazioni”.

All’interno del documento si identificano due particolari categorie di servizi: i servizi di identificazione elettronica e i servizi fiduciari, per i quali la direttiva lascia agli stati membri dell’Unione Europea il compito di dotarsi delle infrastrutture più conformi e sicure per le transazioni, pur stabilendo i criteri di sicurezza comuni da dover applicare in fase di progettazione.

Con riferimento a queste specifiche categorie di servizi, l’Italia si è adoperata al fine di aggiungere alla normativa vigente nuove disposizioni circa la costruzione della piattaforma elettronica SPID (o Sistema Pubblico di Identità Digitale) come dispositivo attraverso il quale i cittadini acquisiscono la possibilità di accedere, tramite un’unica identità, ai servizi online offerti dalla Pubblica Amministrazione.

Per ottenere SPID è necessario presentare la richiesta ad un identity provider (quindi un gestore di identità digitali) che sia stato accreditato da AgID e inserire le proprie credenziali. Questo sistema prevede 3 livelli di sicurezza che variano a seconda del tipo di credenziali impiegate per l’accesso: solo user ID e password; oppure user ID, password e “one time password”; o user ID, password e supporto fisico (es. Smart card).

Tale dispositivo va ad integrarsi ai servizi fiduciari definiti nel regolamento eIDAS fino a determinare quello che può essere identificato come nuovo cittadino digitale il quale, oltre ad acquisire una nuova e unica identità, potrà richiedere il proprio domicilio digitale che corrisponde a un indirizzo PEC da dichiarare alla Pubblica Amministrazione affinché venga inserito nella nuova Anagrafe Nazionale online (ANPR) e una firma digitale che garantisca l’autenticità e l’integrità di documenti informatici.

Appare dunque evidente come il concetto di cittadinanza assume in questo modo una connotazione molto più ampia, estendendosi alla rete Internet e diventando cittadinanza digitale alla quale vengono associati nuovi diritti e doveri, così come indicato dalla Carta della Cittadinanza Digitale, nella quale si garantisce a tutti i cittadini: “(…) il diritto di accedere a tutti i dati, i documenti e i servizi di loro interesse in modalità digitale, nonché al fine di garantire la semplificazione nell'accesso ai servizi alla persona, riducendo la necessità dell'accesso fisico agli uffici pubblici (…)”.

Attraverso queste pratiche quelli che sono i confini della casa del cittadino vanno ampliandosi, così come l’opportunità di quest’ultimo di acquisire un maggiore controllo e rilevanza sul territorio, non soltanto in via teorica ma effettiva.

Per concludere, all’interno del presente capitolo si è descritto come, e sulla base di quali principi ispiratori, l’Unione Europea abbia deciso di affrontare i profondi mutamenti che stanno caratterizzando la società in questi anni, quindi la massiccia informatizzazione degli strumenti e delle pratiche di vita quotidiane. Si è inoltre analizzata la condizione dell’Italia in termini di digitalizzazione della società e di come, recependo gli stimoli provenienti dall’UE, essa stia affrontando un processo di rinnovamento dell’intero impianto di base fondante il rapporto fra Pubbliche amministrazioni e cittadini.

Le conseguenze pratiche più rilevanti che emergono da queste riforme sono rappresentate da una maggiore interconnessione tra i sistemi informatici pubblici dei paesi aderenti all’Unione e dalla conversione di pratiche e strumenti, fino ad oggi analogici, in modalità digitale.
Va però evidenziato come queste trasformazioni, per quanto necessarie, potranno raggiungere una piena efficacia solo abbinando agli interventi sul lato tecnico e legislativo un altrettanto importante intervento di coinvolgimento degli attori sociali, garantendo un sufficiente livello di accesso, di conoscenza, di interazione (o in questo caso di interoperabilità) tra gli attori sociali coinvolti nella definizione di questi nuovi strumenti di e-Government.

Nel capitolo che segue sarà invece analizzato un caso specifico, e di notevole significatività, relativo alla messa in pratica di questi principi e di queste regole nelle attività di governance ed e-Governance del territorio: la Rete civica Iperbole dell’amministrazione comunale di Bologna.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La nuova governance digitale. Come cambiano le politiche territoriali nell'era del web 2.0.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Lovato
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Lecce
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Sociologia
  Relatore: Sarah Siciliano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 123

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi