Skip to content

Il ruolo dell'educatore ed il disturbo da deficit di attenzione/iperattività

Ricerche empiriche su ADHD e attaccamento

Una delle prime ricerche fra stili di attaccamento e bambini con ADHD è di Haddad e Garralda nel 1992, i quali delinearono che le relazioni di attaccamento potevano essere ostacolate in bambini con disturbo da deficit di attenzione/iperattvità, senza possedere segnali di tipo neurobiologico.
Tre anni dopo, Carlson et al. scoprirono che grazie alla presenza assidua della madre con il bambino, in 6 mesi, lei riusciva a prevedere la disattenzione e l’iperattività.
Invece, Stiefel concentrò il suo studio su alcuni bambini con ADHD che non possedevano l’attenzione della cura del caregiver, e ciò provocava loro la nascita dei sintomi propri del disturbo e creava un legame g/b primario.

Un’altra ricerca empirica fu fatta da Clarke et al. nel 2002 per osservare i modelli operativi interni riguardo l’attaccamento, sia dei bambini con ADHD che senza, utilizzando il SAT (Separation Anxiety Test), la Self Interview e Family Drawing, arrivarono alla conclusione che i bambini con il disturbo da deficit di attenzione/iperattività hanno un attaccamento insicuro. L’iperattività e l’impulsività sono comportamenti propri dei bambini con ADHD, ma in questo contesto il bambino se ne serve per ricevere maggiore attenzione da parte del caregiver, che a poca responsività nei suoi confronti.

Clarke et al. consigliano di osservare la qualità di attaccamento come componente per fare una diagnosi di ADHD ed intervenire attraverso un trattamento per migliorarla, qualora non ci sia un attaccamento sicuro (Cena, Imbasciati, Baldoni, 2012).
Carmen Pinto et al. (2006), hanno concentrato il loro studio su un gruppo di bambini che nell’infanzia aveva un attaccamento di tipo disorganizzato, poi all’età di 7 anni,
rilevarono che questi manifestavano sintomi di ADHD, come impulsività e disattenzione, ma riconosciuti solo dagli insegnanti e non dagli specialisti. I bambini con ADHD erano invece legate alle madri che soffrivano per un lutto non ancora accettato e irrisolto, in altri invece i sintomi erano provocati dalle madri che avevano un basso funzionamento psicosociale.

Altra ricerca sull’attaccamento e ADHD è stata realizzata da Green et al. (2007), in bambini di 7 anni utilizzando l’MCAST (Manchester Child Attachment Story Task), strumento di valutazione dell’attaccamento. La diagnosi del disturbo da deficit di attenzione/iperattività ha rilevato maggiormente un attaccamento di tipo disorganizzato.
Nel 2009 Kissgen et al. attraverso l’AAI (Adult Attachment Interview), ha focalizzato la sua ricerca sullo stato mentale delle madri di bambini con ADHD, per scoprire le esperienze di attaccamento nella loro infanzia, rilevando che una maggiore insicurezza nell’attaccamento aumentava con la rigorosità del disturbo.

Le rappresentazioni insicure sono maggiori nelle madri di bambini con ADHD che sono in trattamento clinico; poco più bassa nelle madri di bambini con ADHD senza nessun trattamento; ed infine è molto bassa in un gruppo di controllo di madre di bambini che non hanno il disturbo. Anche questi atteggiamenti hanno invitato i clinici ad intervenire sulla mancanza di sensibilità delle madri nei confronti dei bambini (Cena, Imbasciati, Baldoni, 2012).

La neurobiologia evolutiva ci permette di comprendere come il cervello progredisce con le esperienze di sviluppo, pianificandosi in risposta alle esperienze di affettività, senso, percezione. Un altro fattore che definisce lo sviluppo del cervello è la qualità di attaccamento, definendo la crescita di aspetti intrapsichici e interpersonali del bambino nel suo funzionamento sociale ed emotivo. Quindi l’attaccamento nella fase primaria del bambino è descritto come “capo architetto”, nella quale le disposizioni genetiche variano il loro risultato a secondo della sua esperienza.

In questo prospetto, alcuni ricercatori sottolinearono come le aree del cervello riguardo l’autoregolazione e un possibile sviluppo del disturbo da deficit di attenzione/iperattività, possano essere influenzate dalle esperienze primarie di attaccamento.
Per concludere, una madre sufficientemente buona e con attaccamento di tipo sicuro è molto incisivo su bambini che presentano dei sintomi. Moltissimi studi infatti ci definiscono come un genitore responsivo può influenzare il bambino più di altri aspetti, ad esempio quello neurobiologico. Tutto ciò, perché un caregiver con una sicurezza nello stato mentale, ha un’ampia scelta di risposta nei confronti del comportamento del bambino che possiede dei deficit (Cena, Imbasciati, Baldoni, 2012).

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il ruolo dell'educatore ed il disturbo da deficit di attenzione/iperattività

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Maria Giulia Schinoppi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2016-17
  Università: Libera Univ. degli Studi Maria SS.Assunta-(LUMSA) di Roma
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze della Formazione Primaria
  Relatore: Marco Cacioppo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 82

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

educatore
ddai
ruolo educatore
adha

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi