Skip to content

I meccanismi sottesi alle azioni condivise e la loro importanza nella socialità

I Meccanismi della Coordinazione Interpersonale in Tempo Reale

Per spiegare quali siano i meccanismi sottesi alla coordinazione interpersonale, prendiamo in esame una classe particolare di azioni condivise, le azioni ritmiche. Precisiamo per prima cosa che per azione ritmica, si intende quella il cui obiettivo necessita la produzione di schemi specifici di sincronizzazione tra i movimenti individuali di ogni attore e se questa relazione temporale richiede una precisione nell'ordine delle decine di millisecondi.

Un esempio potrebbe essere quello di un'insieme di musicisti che coordinano i loro movimenti per produrre un'armonia, nella quale ogni strumento articola un ritmo diverso ma comunque complementare agli altri. (Keller et al., 2014). Per una precisa coordinazione ritmica occorrono tre abilità cognitivo - motorie di base: adattamento, attenzione e anticipazione.

L'adattamento temporale reciproco è mantenuto da meccanismi di correzione che attivano i nostri timer interni per rimanere comunque al passo coi tempi, nonostante possibili irregolarità nella tempistica dei movimenti. Uno di questi meccanismi si chiama "phase correction" (correzione di fase), un processo automatico che ripristina l'allineamento dei tempi generati dal regolatore interno di ogni attore in relazione ad una sequenza di battiti generati dal regolatore interno in un'altra persona.

Un secondo meccanismo che può essere preso come esempio è chiamato "period correction" (correzione del periodo), che riguarda sistemazioni consce della durata degli intervalli del regolatore interno in relazione a tempistiche lunghe. L'adattamento è ciò che più di tutto tiene insieme le prestazioni individuali impegnate in azioni condivise di tipo ritmico; nei contesti musicali inoltre, contribuisce alla coesione dell'insieme migliorando la similarità degli stili delle performance di ogni individuo.

Sempre prendendo come esempio il contesto musicale, possiamo definire una forma di attenzione chiamata "prioritized integrative attending", che include un misto di attenzione selettiva verso sé stessi e verso gli altri e alla relazione tra le azioni compiute e quelle degli altri; consiste di vari livelli distribuiti in base alle priorità da dare alle azioni; le proprie avranno un'alta priorità, quelle degli altri una bassa priorità insieme alle azioni in generale di tutto il gruppo, che saranno utili per il monitoraggio del suono d'insieme. L'attenzione altresì fondamentale, perché permette l'integrazione del proprio piano di azioni con il piano degli altri attori, mantenendo sempre e comunque il controllo autonomo dei propri movimenti.

Il meccanismo dell'anticipazione, facilita la coordinazione di azioni condivise di tipo ritmico in quanto permette ad ogni attore di pianificare la tempistica delle proprie azioni in relazione alla raffigurazione che si costruiscono su quale sarà il decorso delle azioni degli altri attori. E' stato inoltre oggetto di discussione, il fatto che la coordinazione si basi su modelli interni inversi e separati che simulano le proprie e le altrui azioni in leggero anticipo rispetto alla loro effettiva produzione. In questo modo, eventuali errori di tempismo risultano anticipati e correggibili prima che si verifichino.

Analisi delle regioni cerebrali hanno dimostrato che le aree implicate in questo tipo di meccanismi sono le aree motorie cortico - cerebellari come il giro precentrale (area 4), l'area motoria supplementare (area 6) e il cervelletto; la corteccia uditiva e l'area temporale adiacente a questa (Keller et al., 2014).

Per ultimo, consideriamo la prevedibilità, un meccanismo particolare di coordinazione interpersonale usato soprattutto nelle situazioni che necessitano una precisione temporale assoluta, ma che mancano di un feedback continuo da parte degli altri attori. La prevedibilità è stata studiata attraverso molti esperimenti, e ognuno di questi ha confermato che questa è utilizzata come strategia soprattutto per raggiungere alti livelli di sincronizzazione (Vesper et al., 2011).

Questo brano è tratto dalla tesi:

I meccanismi sottesi alle azioni condivise e la loro importanza nella socialità

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Silvia Aloisi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze e tecniche psicologiche
  Relatore: Annamaria Berti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 30

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

neuroni specchio
mirror neurons
joint action
azioni condivise

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi