Skip to content

Cina: nascita e affermazione di una potenza economica

La riforma del Sistema Istituzionale Cinese

«La decisione “storica” del Partito comunista cinese di aprire il Paese alle riforme e ai mercati internazionali data 18-22 dicembre 1978. Essa fu adottata dal Terzo Plenum dell’XI Congresso del Partito e costituiva il primo e unico caso in cui questo poneva da parte, volontariamente e pragmaticamente, l’ideologia per introdurre un sistema di mercato e la proprietà privata.

Un sistema tuttavia, con caratteristiche “cinesi”, a differenza di quello a suo tempo concepito dai governi dei paesi comunisti dell'Europa orientale intesi a realizzare un’economia di mercato sul modello occidentale in funzione di un successivo accesso alla UE. La lotta di classe cessava di essere il punto cruciale della politica cinese e la Rivoluzione culturale (1966-1976) veniva definitivamente archiviata. Veniva avviata una serie di riforme che comprendevano il cambiamento radicale dei precedenti assetti politico-amministrativi nei settori-chiave dell’agricoltura, dell’industria, della tecnologia, dell’istruzione in un’ottica di integrazione dell’economia con altre a livello mondiale, principalmente dei paesi industrializzati.

Alla base delle riforme vi fu un cambiamento delle priorità economiche contemplate nei piani di sviluppo. Quello più incisivo riguardava il nuovo ruolo attribuito all’industria pesante – fino ad allora il settore trainante dell'economia – cui sarebbero stati ora destinati solo i fondi necessari per modernizzarsi allo scopo di servire le esigenze dell’agricoltura e dell’industria leggera, identificati come i settori prominenti del nuovo corso». Vista l’importanza che veniva data a tale industria in epoca maoista, viene subito evidenziato come fosse vitale il suo ridimensionamento, visti i risultati economici del Grande Balzo che aveva portato alla sua costituzione.

«I programmi erano volti inizialmente a una serie di riforme economiche sistematiche che miravano a una revisione delle relazioni economiche con l’estero secondo l’ottica di “un Paese, due sistemi” (Deng Xiaoping si riferirà spesso all’economia della Cina come a una “economia socialista di mercato”) e a una rivalutazione dell’intero sistema agricolo delle zone rurali. Pochi mesi dopo l’avvio del programma di modernizzazione economica sancito dal Comitato centrale eletto dall’ XI Congresso del PCC nel dicembre 1978, Deng Xiaoping decideva di visitare gli Stati Uniti.

L'innovazione e ristrutturazione del sistema produttivo richiedevano capitali ingenti e solide conoscenze manageriali di cui gli americani disponevano in abbondanza. Si venne così a creare una situazione simile a quella che aveva visto la Cina avvicinarsi alla Russia nel 1950, con la necessità però di dover adeguare l’ideologia del Partito alla nuova situazione cioè “l’amicizia” con il vecchio nemico e la condivisione con questi di un modello di sviluppo che, seppur non coincidente, presentava ampie similarità nei suoi fondamenti teorico-economici.

Il supporto fornito dagli USA trovava immediata contropartita nell’istituzione delle ZES di Shenzhen, Zhuhai, Shantou e Xiamen, dove veniva aperta a società straniere la possibilità di operare, sia pur con limitazioni destinate a essere progressivamente ridotte e poi eliminate. Nello stesso anno veniva approvata la prima legge sulle joint venture a capitale misto (Samarani, 2004)».
Tale riforma del sistema istituzionale vuole sottolineare un netto cambio sia sotto l’aspetto politico-economico sia sotto quello propriamente ideologico.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Cina: nascita e affermazione di una potenza economica

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Angelo Migliore
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: UniCusano - Università degli Studi Niccolò Cusano
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Luca Vitali
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 76

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

comunismo
pil
cina
mao
deng
porta aperta
1978
zone economiche speciali
istruzione cina
debito americano

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi