Skip to content

Malattia di Alzheimer e Ikebana. Studio sull'impiego dell'arte giapponese del disporre i fiori nell'attività di sostegno educativo alla persona malata.

Campi di impiego e usi terapeutici dell’Ikebana

L’ikebana per la sua peculiare delicatezza e inoffensività si è da sempre prestato ad essere una pratica adatta a tutti, tanto che in epoca Meiji viene scelto tra le arti destinate a rappresentare il Giappone nel mondo, essendo un’arte in grado di esprimere qualità caratteristiche della cultura giapponese.
L’ikebana stesso può essere visto anche come una pratica che possiede una forte componente terapeutica. Questo aspetto tuttavia non è ancora stato approfondito; la pratica ikebana ad oggi non conosce un impiego specifico in ambiti di cura e sostegno della persona.

Un possibile impiego è stato messo in pratica da Keiko Ando Mei, che ha voluto creare presso il Centro di Cultura Giapponese di Milano un corso, chiamato Ikebana Therapy, incentrato su questa caratteristica dell’ikebana: il corso è rivolto a partecipanti desiderosi di applicarsi nell’arte dei fiori principalmente per scopi di cura e conoscenza di se stessi. Vengono illustrati di seguito tre studi volti ad approfondire le potenzialità dell’ikebana: nel primo, i ricercatori canadesi hanno voluto sondare i significati e i vari aspetti della pratica; nel secondo, i ricercatori giapponesi hanno evidenziato le potenzialità dell’ikebana quale riduttore dell’ansia; nel terzo, i ricercatori, anch’essi giapponesi, hanno sperimentato l’ikebana come riduttore di sintomi patologici della sfera emotiva su due ospiti anziane di una struttura residenziale di assistenza integrata.

L’Ikebana Therapy è una pratica fortemente ispirata al kado (via dei fiori) che coniuga la composizione floreale giapponese con la meditazione zen. La Ando Mei intende promuovere una pratica che ha lo scopo di aiutare la persona a scoprire se stessa, esprimendosi attraverso le composizioni ikebana, per giungere alla piena realizzazione. Va precisato che l’inclinazione a vedere l’ikebana come un tutt’uno con il praticante è tipica della scuola Koryu di cui la Ando Mei è maestra. Il motto della scuola Koryu recita: l’ikebana è il riflesso spirituale di se stessi.

L’attività promuove un cammino interiore in cui l’ikebana diviene un momento formativo della giornata: la persona si ferma e si concentra su se stessa mentre dispone i fiori. La ricerca della calma e del silenzio si lega all’espressione di sentimenti ed emozioni.

Il primo passo che deve compiere il partecipante consiste nel saper trovare il tempo per dedicarsi all’ikebana: questo spazio può essere esiguo ma è d’importanza cruciale al fine di liberare la persona dall’oppressione della vita quotidiana che le impedisce di conoscersi veramente e pienamente. Ne segue il contatto con la natura stessa, attraverso il quale si risvegliano e si rigenerano pensieri, sensazioni, sentimenti.

La composizione floreale nell’Ikebana Therapy non si basa su canoni stilistici ed estetici, ma cerca di capovolgere la visione della bellezza da esteriore ad interiore: una bella composizione, pur appagando lo sguardo e soddisfacendo il praticante, può essere inespressiva della persona.

L’insegnamento tenuto dalla Ando Mei si svolge in gruppi che si incontrano per apprendere sia le tecniche base dell’ikebana sia gli insegnamenti del kado, compiendo un percorso volto alla conoscenza e alla crescita interiore dei partecipanti.
Un gruppo di ricerca canadese, in campo di terapia occupazionale, ha voluto approfondire quanto l’ikebana sia in grado di influire sulla vita dei praticanti in termini di benessere e coinvolgimento personale.
I soggetti partecipanti sono nove donne appartenenti a diverse scuole ikebana, di età superiore ai 19 anni. Vengono scelte persone il cui livello di esperienza varia da principiante a maestro, da qualche anno a oltre quarant’anni di pratica.

Il dato medio rilevato è di quattordici anni. I ricercatori non hanno alcuna esperienza di ikebana, e questo viene sottolineato come punto di forza in termini di imparzialità nell’analisi dei dati emersi.
La ricerca, durata 2 mesi, è basata su un approccio descrittivo fenomenologico che prevede l’impiego di interviste semistrutturate da 60 minuti. Le domande poste ricostruiscono dettagliatamente l’esperienza del praticante e i relativi significati intrinseci.

La trascrizione dell’intera esperienza del partecipante viene analizzata secondo 3 ambiti:
- l’ikebana come attività in grado di arricchire la vita del praticante;
- l’ikebana come mezzo di trasformazione interiore del praticante;
- l’ikebana come attività in grado di portare armonia nella vita del praticante.

I risultati per il punto 1. mostrano che i praticanti considerano assolutamente l’ikebana come un’attività in grado di arricchire le loro vite, in quanto consente di portare la bellezza nelle case, di entrare in contatto con la natura, di esprimere la propria personalità, di incontrare altre persone con la stessa passione, di stabilire legami storico-culturali. L’ikebana viene visto spesso come un approccio che si estende a gran parte degli aspetti del vivere quotidiano, come una forma mentis coltivata nel tempo. I praticanti più esperti riferiscono di aver utilizzato l’ikebana per speciali ricorrenze, quali matrimoni e funerali. Il rapporto con la natura, sebbene venga descritto in modo diverso da un partecipante all’altro, risulta più intenso e coinvolgente rispetto a quando la persona non praticava l’arte dei fiori. Alcuni soggetti sottolineano l’importanza dell’entrare in contatto attraverso l’ikebana con una tradizione storico-culturale prima sconosciuta.

I risultati in termini di cambiamenti interiori, punto 2., vengono analizzati secondo quattro parametri: crescita personale; capacità di superare esperienze difficili; arricchimento del senso estetico; coinvolgimento nel processo di apprendimento. I dati emersi illustrano l’ikebana come un’attività capace di sostenere e promuovere la crescita personale del praticante. In particolare i soggetti ritengono di aver ottenuto da questo: maggior controllo dello stress nelle situazioni difficili, maggior conoscenza di se stessi, maggior capacità di esprimersi in modo creativo, maggior apprezzamento per le forme e i disegni ritrovabili nella natura stessa attraverso una nuova sensibilità estetica che si estende a molti ambiti della vita quotidiana. I partecipanti riconoscono l’ikebana come un processo di apprendimento continuo che nel tempo attraverso la pratica trasforma la persona interiormente accrescendo la conoscenza di sé.

I risultati per il punto 3. evidenziano che in generale l’ikebana viene considerato dai soggetti come una pratica in grado di portare armonia nella vita. Essi ritengono che ciò sia dovuto alla particolare capacità di relazionarsi interiormente con gli altri e con il mondo circostante, capacità che il praticante ikebana acquisisce gradualmente. L’ambito di analisi è suddiviso in quattro punti: fluire dell’esperienza, compatibilità con i ritmi di vita quotidiani, promozione della salute, significati filosofico-spirituali. L’esperienza è considerata un traguardo raggiungibile attraverso la motivazione personale; il tempo necessario al raggiungimento non viene percepito dai praticanti, essendo essi estremamente coinvolti.

L’ikebana è considerato come complementare a molti aspetti della vita dei praticanti, potendosi abbinare inoltre a varie attività artistiche o passioni già presenti (ad esempio la fotografia o il giardinaggio). Viene dai soggetti considerato un mezzo per preservare la salute fisica e mentale e il benessere generale della persona, il rilassamento provato durante la pratica è il dato più frequentemente rilevato. I significati filosofico-spirituali dell’ikebana sono generalmente riscontrabili in tutti i soggetti che li ritengono facenti parte della loro vita, in quanto l’attività oggetto della ricerca non è solamente “un modo di disporre i fiori”.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Malattia di Alzheimer e Ikebana. Studio sull'impiego dell'arte giapponese del disporre i fiori nell'attività di sostegno educativo alla persona malata.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Luca Rebesan
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Verona
  Facoltà: Dip. Scienze Umane
  Corso: Scienze Pedagogiche
  Relatore: Daniele Loro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 167

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

malattia di alzheimer
ikebana
storia e stili ikebana
attività sostegno capacità residue alzheimer
studi impiego ikebana malati alzheimer
sociologia devianza e malattia alzheimer
stigma del malato alzheimer
ikebana arte e cultura
ikebana spiritualità e filosofia
storia malattia alzheimer

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi