Skip to content

L'intervento riabilitativo nell'atassia

Atassia sensitiva

L’atassia sensitiva è un disturbo di coordinazione dipendente da un’alterazione del sistema sensitivo propriocettivo, che informa sulla posizione e il movimento dei segmenti corporei. Tale forma di atassia è secondaria a disfunzioni delle fibre vettrici della sensibilità profonda, localizzate a livello dei nervi periferici, del midollo (nei cordoni posteriore, dove vi sono i fasci spinocerebellari diretti e crociati), del tronco encefalico e del sistema talamoparietale.
Nella maggior parte dei casi, l'atassia sensitiva è dovuta a mielopatia o a neuropatia. Caratteristica comune, che contraddistingue l'atassia sensitiva da quella cerebellare, è di comparire o di peggiorare alla chiusura degli occhi.

Il paziente durante la stazione eretta ad occhi aperti tende ad allargare la base d'appoggio ed ad avere qualche oscillazione del tronco; appena lo si invita a chiudere, tende a presentare oscillazioni più intense e a cadere in tutte le direzioni. Durante la marcia, il soggetto con atassia sensitiva tende caratteristicamente a guardare costantemente in basso. La deambulazione è possibile ad occhi aperti, pur con qualche sbandamento; la chiusura degli occhi peggiora nettamente la marcia e può provocare la caduta del paziente.

Inoltre, tipicamente, il paziente con atassia sensitiva ha una “marcia talloneggiante”: tende a sollevare eccessivamente il ginocchio e batte con forza il tallone a terra. L’atassia sensitiva è quindi caratterizzata dalla positività al segno di Romberg, che consente quindi di distinguere un’atassia sensitiva da un’atassia cerebellare o vestibolare. Se il paziente in posizione di Romberg tende a cadere ad occhi chiusi, il test è positivo. La positività al segno di Romberg consiste appunto nella comparsa o nel peggioramento delle oscillazioni, quando il paziente venga posto in stazione eretta a piedi uniti e a occhi chiusi. Ciò si verifica perché la perdita del senso di posizione degli arti e del tronco in caso di lesione dei cordoni posteriori viene compensata dal paziente con il senso della vista. Chiudendo quindi gli occhi e venendo meno l’informazione visiva, il paziente tende a cadere.

I disturbi atassici sensoriali, quindi, sono parzialmente corretti dal controllo visivo e peggiorano sensibilmente quando tale controllo è soppresso. Al contrario, l’atassia cerebellare non viene modificata dalla chiusura degli occhi.
Anche le prove indice-naso, indice-indice e ginocchio-tallone saranno positive, ma solo ad occhi chiusi. Il paziente quindi con atassia sensitiva tende ad essere dismetrico ad occhi chiusi, quando manca l‘informazione visiva.
Altre condizioni che ci permettono di differenziare un’atassia sensitiva da una cerebellare è l’evidenza, nei disordini cerebellari, di disturbi del movimento più palesi soprattutto nell’esecuzione di movimenti rapidi, a differenza dell’atassia sensitiva dove si nota più che altro un errore di direzione dei movimenti che si manifesta sia nei movimenti rapidi che nei movimenti lenti ed a occhi chiusi.

Il paziente con atassia sensitiva, inoltre, mostrerà altri segni associati dovuti a disfunzione della via sensitiva sia a livello periferico che a livello centrale, e segni e sintomi propri della neuropatia e della mielopatia. Vi saranno ipoestesia propriocettiva (deficit della sensibilità vibratoria e del senso di posizione), riduzione della sensibilità tattile e termico-dolorifica, e, se si tratta di un problema localizzato a livello periferico, sarà presente diminuzione dei riflessi osteotendinei (per interruzione della branca afferente sensitiva dell’arco diastaltico), ipotrofia muscolare e posture distoniche degli arti.

Questo brano è tratto dalla tesi:

L'intervento riabilitativo nell'atassia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Daniela Parente
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Fisioterapia
  Relatore: Domenico Dragone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 87

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

mobilità
neurologia
riabilitazione
atassia
semeiotica
cervelletto
neuroanatomia
sistema cerebellare
atassia di friedreich
ruolo del fisioterapista

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi