Skip to content

La libertà di stampa in America Latina: i media venezuelani tra censura e resistenza

La libertà della stampa nel mondo: la classifica RSF

Reporter senza frontiere è un’associazione non governativa indipendente formata da giornalisti provenienti da tutto il mondo che si sono posti come obiettivo la difesa della libertà di informazione. Nella dichiarazione d’intenti dell’associazione viene chiarito che se ai giornalisti si impedisce di raccontare le violazioni dei diritti umani e denunciare gli abusi di potere, non sarà mai possibile lottare per un mondo migliore e più giusto. Pertanto i membri dell’associazione ritengono che la libertà di stampa e di espressione sia di primaria importanza.

RSF ha la sede principale a Parigi ma può contare su sedi e corrispondenti in 180 paesi. I valori fondamentali che porta avanti sono: garantire il rispetto di tutte le libertà e della dignità umana, promuovere la democrazia e favorire lo sviluppo economico e sociale.

Dal 1985, anno della sua fondazione, l’associazione si impegna a diffondere notizie e comunicati sullo stato di salute dell’informazione e a pubblicare un rapporto annuale sulla libertà di stampa nel mondo. Inoltre un barometro presente sul sito riporta i dati periodicamente aggiornati sugli attacchi alla libertà di stampa: una macabra conta del numero di giornalisti, collaboratori e reporter non professionisti uccisi e di quanti invece sono stati privati della libertà a causa del proprio lavoro. Sono poi riportati in dettaglio i loro nomi e il paese dove si trovavano.

I dati aggiornati al 2017 riportano cifre allarmanti: in tutto 66 morti e 318 in prigione. Tra i paesi più pericolosi per i giornalisti spiccano il Messico, la Siria e l’Iraq, rispettivamente con 11, 12 e 8 giornalisti uccisi, ma anche la Cina, dove ben 54 giornalisti (professionisti e partecipativi) sono detenuti in carcere.

La Classifica Annuale della Libertà di Stampa, pubblicata ogni anno, rileva il grado di libertà su cui possono contare i mezzi di comunicazione di 180 paesi. Questo strumento permette all’associazione di informare sui progressi e i peggioramenti degli Stati per quello che concerne le libertà fondamentali. La metodologia utilizzata è la somministrazione di un questionario a una selezione di professionisti esperti. I dati rilevati dalle risposte, vengono confrontati con i dati riguardanti gli attacchi alla stampa che si sono verificati nelle diverse aree geografiche durante l’arco di tempo considerato.

Gli indicatori da rilevare mediante il questionario sono: pluralismo, indipendenza dei mezzi di comunicazione, ambiente di lavoro e autocensura, cornice legislativa, trasparenza, qualità delle infrastrutture e aggressioni ai danni di professionisti dell’informazione. Sia dal questionario che dal registro delle aggressioni si ricava un punteggio, entrambi i punteggi determinano la posizione dello Stato in questione nella classifica finale. Maggiore è la votazione, minore la libertà della stampa.

I paesi con un punteggio compreso tra 0 e 15 posso vantare una situazione soddisfacente della libertà di stampa e si collocano nella zona bianca dell’info-grafica, in cima alla classifica; nei paesi con un punteggio compreso tra 15,1 e 25 la situazione della libertà di stampa è abbastanza buona, questi si collocano nella zona gialla; nella zona arancione invece si situano i paesi che ottengono un punteggio compreso tra 25,1 e 35, in questi paesi i mezzi di comunicazione affrontano problemi notevoli; i paesi più pericolosi invece sono quelli che si collocano nella zona rossa e soprattutto nella zona nera; ai paesi con un punteggio compreso tra 35,01 e 55 è assegnato il colore rosso, che rappresenta una situazione difficile mentre in fondo alla classifica c’è la zona nera dove si collocano i paesi in cui la situazione è molto grave, a questi è assegnato un punteggio compreso tra 55,01 e 100.

L’edizione del 2017 mostra l’aumento del numero di paesi in cui la condizione della libertà di stampa è degenerata da grave in molto grave, per esempio in Burundi. Sul suo sito RSF afferma che la stampa non è mai stata così minacciata come è oggi, soprattutto nei paesi che si trovano in fondo alla classifica: Turkmenistan, Eritrea e Corea del Nord.

Questo brano è tratto dalla tesi:

La libertà di stampa in America Latina: i media venezuelani tra censura e resistenza

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Betty Mammucari
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Elena  Valentini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 65

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi