Skip to content

Il comportamento del consumatore nel comparto cheap fashion. Il caso Zara

Il business model di Zara: il fast fashion

Come già ampiamente descritto nei paragrafi precedenti, il modello di business di Zara è in perfetta sintonia con il modello adottato dall’intero gruppo Inditex, con alcune caratteristiche in più come la maggiore attenzione verso il cliente e il nuovo sistema logistico-distributivo.
Nei precedenti capitoli è stato nominato più volte il termine “fast fashion”, che nel caso di Zara diventa il carattere principale dell’intera strategia di mercato. Infatti il tale sistema viene definito il più innovativo e produttivo a partire dal 1990 in poi. Principalmente il fast fashion nasce in un mercato della moda che negli anni 90’ attraversava un periodo molto caotico, con una presenza elevata di competitors e quindi era chiaro che servisse una svolta, una innovazione. Il ciclo di moda classico si avvia al declino, per cui non interessa più attendere le stagioni per lanciare una nuova linea di moda, ma i tempi si restringono e vengono lanciate ogni anno molte più collezioni rispetto al passato. In definitiva la tempestività di risposta alle domande di mercato, la riduzione dei tempi di produzione, l’approvvigionamento continuo degli store, il contenimento dei prezzi, delineano la definizione di fast fashion.
Ma le vere motrici del modello sono il tempo e i costi: essere veloci abbattendo i costi di produzione. Inoltre il target di riferimento in questo sistema sono clienti che considerano il marchio, ma facendo attenzione che il prezzo sia contenuto. Il fast fashion molto spesso viene anche definito come un “sistema di impresa an-entropico”, cioè un’impresa in cui è presente la correlazione tra produzione, distribuzione e logistica. In merito a tale strategia, le caratteristiche principali sono: l’integrazione delle attività della catena del valore, lo store, il just in time e la riduzione dei costi.

La motivazione del grande successo del fast fashion è data non solo dai fattori sopra elencati: il prodotto non deve essere di bassa qualità o economico, ma deve essere in grado interessare il cliente all’acquisto coinvolgendolo psicologicamente. Per di più il fast fashion contribuisce a risolvere tre problemi che sono sempre presenti nell’impresa di moda, ovvero il rischio, la gestione dell’intera filiera e la gestione del design. Il primo dipende dal comportamento del consumatore e quindi l’imprevedibilità della domanda. Oppure alcuni dei rischi sono associati ai problemi di lettura delle informazioni raccolte dagli store, e quindi i prodotti realizzati non sono in linea con le richieste del cliente. Nella fattispecie tali errori si traducono in: rischio dell’industrializzazione, cioè un’intera progettazione o le materie prime da utilizzare vengono scartate; il rischio di distribuzione, ovverosia l’utilizzo di canali di vendita non adeguati ad un determinato target; rischio di comunicazione e quindi non essere in grado di tramettere al cliente ciò che realmente si vuole; infine il rischio del consumo che si traduce in una cattiva reazione del cliente al prodotto. Il problema seguente invece è la gestione della filiera, in cui è importante che nel sistema si trovino soluzioni efficaci che riducano i tempi che vanno dalla produzione alla distribuzione. Infine come problema sorge la gestione del sistema creativo, che apparentemente potrebbe sembrare uno dei rischi meno importanti, tuttavia non è così. Infatti con il nuovo comportamento del consumatore è molto importante comporre accessori, abiti, scarpe che trasmettano tendenza ed emozioni, ed è proprio questo il compito dei team di design dell’impresa.

Nel sistema moda quindi l’efficienza della filiera è molto rilevante. Infatti tale sistema può essere definito come l’insieme degli operatori il cui vantaggio competitivo aumenta in base alla correlazione che vi è tra di loro. Tendenzialmente si pone l’attenzione solo sul prodotto finale. Tuttavia il prodotto è il risultato di un lungo processo e di fasi interconnesse. Nello specifico per filiera si intende sia il coordinamento delle fasi di produzione, di trasformazione e di distribuzione, sia l’integrazione di esse. Nel sistema del fashion esistono due macro filiere suddivise in tessile-abbigliamento e pelle calzature-accessori. In tale contesto spicca il management che si occupa di introdurre nuovi processi innovati nel sistema di filiera.
Non a caso tutte le caratteristiche appena elencate sono alla base del modello utilizzato dal brand Zara.

Il vantaggio competitivo del brand deriva principalmente da cinque fattori come descritto in figura 13. Partendo dal focus sul cliente, è di facile intuizione che l’elemento chiave sono i bisogni del consumatore non solo attuale ma anche potenziale. Tutte le fasi aziendali operano in funzione del cliente. In un settore come quello della moda è ormai quasi un requisito base quello di avviare una relazione tra il marchio e il consumatore.
Per quanto riguarda lo store, come ampiamente descritto nel capitolo due, esso è definito come uno dei primi obiettivi dell’impresa in quanto aiuta alla costruzione della brand-image e brand-identity. Inoltre il negozio viene anche utilizzato come una banca di informazioni da utilizzare per la produzione di nuove linee di moda. Nel caso di Zara, si tratta di una comunicazione diretta, in quanto il marchio gestisce direttamente la propria catena di negozi ed è in continuo contatto con qualsiasi tipo strumento informativo di cui ha bisogno, come ad esempio le casse per comprendere il fatturato giornaliero; oppure attraverso le e-mail acquisisce i malcontenti della clientela o di cosa hanno bisogno; e attraverso il software “Cassiopea”, creato e sviluppato da Inditex, il punto vendita controlla la disponibilità di prodotti ed effettuare gli ordini dal centro logistico. Gli store di Zara sono costantemente connessi con la centrale logistica non solo per gli ordini di prodotti, ma interagiscono con essa anche per aggiornare i professionisti della moda sull’andamento delle vendite. Il negozio per Zara ha anche un altro compito: quello di presentazione del marchio attraverso la vetrina, la quale copre anche il ruolo della pubblicità.

Altri aspetti caratterizzanti della strategia di Zara sono il sistema di design, approvvigionamento e fabbricazione. Tali fattori potrebbero sembrare indipendenti, ma in realtà non lo sono. Nella fase di design si riunisce il team che si dedica alla progettazione del prodotto in base sempre alle richieste della clientela. In successione al progetto intervengono l’attività di approvvigionamento e produzione, un sistema che va a ribadire la caratteristica della flessibilità dell’intero gruppo, in modo da essere sempre pronti in caso di modifiche da attuare anche alla linea corrente. L’approvvigionamento dei tessuti avviene grazie a “Comditel”, una società residente in Spagna e controllata interamente da Inditex, la quale si preoccupa anche del 40% della lavorazione di tessuto finito. Per il 95% invece le materie prime provengono da altri stabilimenti esterni al gruppo presenti in Europa e in minima quantità da stabilimenti presenti in America e Asia.

In riferimento alla fase di produzione, la metà essa si concentra in fabbriche gestite dal brand, la parte restante invece è affidata a stabilimenti esterni che si occupano anche dell’assemblaggio. Da sottolineare che il modello utilizzato da Zara comporta in ogni caso importanti costi di gestione, ma grazie ad un alto livello di controllo e flessibilità il brand oggi rappresenta una delle maggiori figure del mercato della moda.
Infine in merito alla supply chain, essa è una rete di organizzazioni coinvolte, attraverso collegamenti a monte e a valle, in differenti processi e attività per produrre valore sotto forma di prodotti e servizi destinati a un consumatore finale. Lo scopo è quello di coordinare il mercato, la distribuzione, il processo produttivo, in modo da massimizzare l’efficienza. Inoltre il rapporto tra la supply chain e una logistica efficiente permette la formazione di un sistema integrato che possa migliorare le performance. Progettare una filiera come quella appena descritta è essenziale per le imprese che fanno uso del fast fashion, in cui appunto vige la coordinazione di tutte le fasi operative.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il comportamento del consumatore nel comparto cheap fashion. Il caso Zara

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Fiorella
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Foggia
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze dell'economia
  Relatore: Giuseppe Calabrese
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 129

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi