Skip to content

The Urgency of a “Green Criminology”: A Case Study of Air Pollution, Criminal Activity and Environmental Perception in the South Durban Basin (South Africa)

Environmental Justice and Environmental Racism

Victims of environmental crimes have been always the focus of environmental justice, which “incorporates environmental issues into the broader intellectual and institutional framework of human rights and democratic accountability” (McDonald, 2002).
The notion of environmental justice emerged in the 1980s. Its aims were responding to environmental injustices and preventing them in the future through “the fair treatment and meaningful involvement of all people regardless of race, color, national origin, or income, with respect to the development, implementation, and enforcement of environmental laws, regulations, and policies” (EPA).

For the purpose of this study, I consider environmental justice from a South African point of view. My research is based on one of the greatest example of environmental injustice, which took place in South Africa. It involved the forcible removal of poor black and colored communities from their ancestral lands to toxic waste sites.
The environmental justice movement in South Africa started in the 1990s in response to discriminatory laws, a history of racism, and racial conflicts which characterized the Apartheid period. These conditions continue unfortunately in a more hidden shade.

The Apartheid Era, from 1948 to 1989, created “a period of extreme politicization of environmental conservation, passing body of laws which further disempowered blacks and rendered them even more vulnerable to discriminatory action” (Horrell, 1978 as cited in McDonald, 2002). This was the beginning of environmental racism, which “confined Africans to small rural areas, where overpopulation, poverty, and a lack of basic services inevitably led to a relentless alienation of blacks from the environmental sphere and to widespread environmental degradation” (Timberlake, 1986 as cited in McDonald, 2002).

From a more global picture, the term environmental racism was coined by Rev. Ben Chavis in the 1960s, according to whom it means “the racial discrimination in environmental policymaking and the enforcement of regulations and laws, the deliberate targeting of people of colored communities for toxic waste facilities, the official sanctioning of the life-threatening presence of poisons and pollutants in our communities, and a history of excluding people of color from leadership in the environmental movement” (di Chiro, 1995 as cited in McDonald, 2002).

It was not until 1994, with the first South African democratic election that the concept of environmental justice started to be considered within the new government’s agenda, leading to the creation of Section 24 of the South African Constitution concern-ing the environment. The first part of the Section states “everyone has the right to an environment that is not harmful to their health or well-being”.
Therefore, from an environmental justice point of view, the goal is not only countering environmental crimes and guaranteeing justice to their victims, but also ending racial oppression and discrimination.

Questo brano è tratto dalla tesi:

The Urgency of a “Green Criminology”: A Case Study of Air Pollution, Criminal Activity and Environmental Perception in the South Durban Basin (South Africa)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Ludovica Serafini
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze criminologiche per l'investigazione e la sicurezza
  Relatore: Roberta Bisi
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 114

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

durban (sud africa)
green criminology
inquinamento dell’aria e comportamento criminale
contaminazione ambientale ed esperienze di vita

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi