Skip to content

Islamic Banking

Futuro dell'Islamic banking in Gran Bretagna: post Brexit

Con il termine Brexit si indica l'uscita della Gran Bretagna dall'Unione Europea. La Brexit è il risultato della vittoria del “Leave” con il 51,9%, sancita attraverso il referendum che si è svolto nell'Isola lo scorso 23 giugno 2016. Questo risultato ha definito la totale chiusura della Gran Bretagna verso l'Europa e, euro o non euro, ha comunque sempre rappresentato una nazione piuttosto importante per quest'ultima in termini di economia e geopolitica.

Un aspetto che bisogna osservare è l'impatto che la Brexit ha avuto sulla fiorente finanza islamica, che si è affermata nella city di Londra.
Come già sappiamo Londra e il Regno Unito nell'ultimo decennio si sono affermati come sede europee più importante per la finanza Islamica e ad oggi ospitano 20 banche internazionali, più di 60 istituzioni che offrono prodotti e servizi Shariah-compliant e circa 22 Università con programmi di laurea specializzati in Finanza Islamica.

Questa apertura e propensione del governo Inglese per la finanza Islamica ha incoraggiato molti investitori musulmani abbienti a intraprendere nuovi affari nel Regno Unito e far individuare loro l'Inghilterra la via migliore per accedere al mercato europeo. Infatti banche, imprese di investimento, gestori patrimoniali, assicurazioni, intermediari assicurativi potevano godere della direttiva “Passaporto”, ovvero l'esercizio del diritto di una società iscritta nello Spazio economico Europeo di fare affari in qualsiasi altro stato senza la necessità di nuove autorizzazioni, ed esportare” prodotti e servizi finanziari sharia-compliant nei Paesi dell'Unione Europea. Cosa che si stava già avvenendo per alcune istituzioni, come l'importante banca Islamica Al-Rayan Bank, che stava guardando con interesse le numerose comunità islamiche presenti in Francia e in Germania.

Ma tutto ciò potrebbe non essere più realizzabile se nei prossimi mesi l’Inghilterra deciderà di attuare l’art. 50 del Trattato di Lisbona, che prevede un meccanismo di recesso volontario e unilaterale di un paese dall'Unione europea. Di conseguenza i più importanti operatori internazionali perderanno il passaporto e dovranno valutate se trasferire le proprie sedi operative da Londra in Ue.

Altro aspetto importante che abbiamo sottolineato è che gran parte del patrimonio immobiliare della “City” appartiene a investitori arabi e del sud est asiatico, molti dei quali sono compliant con la finanza islamica e in caso di Brexit, quindi, gli esperti hanno forti preoccupazioni sulla possibile risposta del mercato immobiliare londinese.

Per concludere ad oggi gli esiti del Brexit sono ancora incerti, poiché tutto dipenderà dalle negoziazioni che devono ancora essere avviate tra Londra e Bruxelles. C'è sicuramente la convenzione che la Brexit avrà un forte impatto sull'ambizione Londinese di diventare il centro europeo, anche perché le filiali di grandi banche islamiche come Qatar islamic Bank, Alburaq Bank, ABu Dhabi Islamic, e grandi banche convenzionali come Jp Morgan, Goldman Sachs, Bank of America e Morgan Stanley stanno ipotizzando di delocalizzare le loro sedi in altre città europee. Ciò che frena però questi processi è che l'Ue ha un mercato troppo articolato e non omogeneo per quanto riguarda la finanza islamica.

Anche se vi sono paesi non islamici occidentali, come il Lussemburgo, con un alto numero di fondi di investimento islamici, questi non hanno comunque i tipi di vantaggi di proprietà aziendale e reali del Regno Unito. Ciò che rende forte, e per il momento difficile togliere lo scettro alla Gran Bretagna, è l'esistenza di un sistema legale ben consolidato per trattare con contratti finanziari siano essi per la finanza islamica o convenzionale e un contesto fiscale e legale altamente favorevole per le caratteristiche uniche della finanza islamica. Resta in questo clima di totale incertezza il fatto di attendere i negoziati tra l'Unione europea e Londra e vedere come evolverà.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Islamic Banking

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Lorenzo Ricci
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi della Tuscia
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Chiara Oldani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 66

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi