Skip to content

CANCRO ED EMOZIONI. Implicazioni psicologiche e socio-relazionali nella sindrome psiconeoplastica

Le emozioni nel paziente oncologico

Abbiamo già visto nei capitoli precedenti come la malattia oncologica sia associata a significati condivisi di sofferenza non solo fisica, ma anche psicologica in cui prevalgono l’idea di morte, la rabbia e talvolta colpa e vergogna.

Abbiamo visto come la malattia, nonostante i progressi scientifici nel campo medico, sia ancora una minaccia e, soprattutto, come tale sia sempre vissuta, dal paziente e dalle persone che fanno parte della sua vita.

Il cancro non può più, per tale ragione, essere guardato da un punto di vista strettamente medico e organico, ma deve essere presa in considerazione, nella valutazione e nella cura, anche la sfera psichica.

Abbiamo, altresì, visto che non tutte le persone malate di cancro reagiscono allo stesso modo. Sono facilmente riscontrabili situazioni di stress emotivo e disagio psichico, ansia e depressione e numerosi studi hanno evidenziato una stretta correlazione tra le emozioni provate e il decorso della malattia.

I soggetti provano imbarazzo, soprattutto quando devono descrivere i sintomi, nei contatti con il medico e nelle fasi di screening (Consedine et al., 2007); alla scarsa percezione di salute è stata associata la tristezza (Chipperfid, Perry, Weiner, 2003); tra le emozioni, una di quelle che ha più incidenza sulla salute, è la rabbia che può tuttavia avere effetti benefici poiché è associata al desiderio di rimuovere con aggressività gli ostacoli e può pertanto facilitare la motivazione ad assicurarsi un buono stato di salute (McKeen et al., 2004).

La paura emerge quando si ha la percezione di minaccia alla propria salute fisica, mentre l’ansia quando la minaccia è immediata (Mosowitz, 2003).

Rabbia, paura, senso di colpa possono assumere la forma di sintomi ansiosi (agitazione, difficoltà di concentrazione, insonnia) e/o di sintomi depressivi (tono dell’umore flesso, inappetenza, apatia, idee suicidiarie).

Ma quando al dolore non si dà voce?

Numerosi autori (Taylor, Bagby, Parker, 2000) si sono occupati delle connessioni possibili tra un funzionamento mentale alessitimico e la predisposizione alla malattia neoplastica. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

CANCRO ED EMOZIONI. Implicazioni psicologiche e socio-relazionali nella sindrome psiconeoplastica

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Annarita Masieri
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: Università Telematica Guglielmo Marconi
  Facoltà: Scienze Cognitive, Psicologiche, Pedagogiche e degli Studi Culturali
  Corso: Psicologia
  Relatore: Benedetta Rinaldi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 152

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi