Skip to content

Il ruolo dell'European Ombudsman nell'Ordinamento dell'Unione Europea

La responsabilità extracontrattuale

Una questione che merita particolare attenzione è rappresentata dalla possibilità che l'attività dell'Ombudsman, così come descritta dall'articolo 228 TFUE, possa costituire la premessa per l'azionabilità del rimedio previsto dall'articolo 340(2) TFUE, ossia del ricorso per responsabilità extracontrattuale dell'Unione. Per evidenziare i profili problematici di questo frangente, appare opportuno prendere le mosse dai fatti alla base della sentenza T-209/00 (Frank Lamberts c. Mediatore europeo e Parlamento europeo) e dalle conclusioni che la Corte ha tratto tanto da essa, quanto dalla sua impugnazione (sentenza C-234/02 P, Mediatore europeo c. Frank Lamberts).

Il signor Lamberts aveva preso parte ad un concorso presso la Commissione e, dopo aver superato la prova scritta, aveva ottenuto un punteggio lievemente inferiore al minimo nella prova orale. Il candidato aveva presentato reclamo presso l'amministrazione, attribuendo tale fallimento ad un'intensa cura a cui si era sottoposto in quei giorni e che avrebbe diminuito la sua capacità di concentrazione, affermando anche che non avrebbe richiesto un rinvio del test, poiché la lettera di convocazione avrebbe contenuto una clausola in base alla quale “[l]'organizzazione delle prove non [avrebbe consentito] di modificare l'orario”.

Nel momento in cui il reclamo veniva rigettato, il cittadino sporgeva denuncia all'Ombudsman, il quale non rinveniva alcuna discriminazione nel trattamento riservatogli, poiché la Commissione risultava pronta a prendere ogni misura necessaria per consentire al ricorrente di sostenere la prova in un'altra data, qualora eccezionali circostanze gli avessero impedito di presentarsi nel giorno stabilito.

Per prevenire casi simili, il Mediatore aveva comunque formulato un'osservazione critica con la quale aveva invitato l'amministrazione a rendere palese tale possibilità di rinvio.

L'esito della procedura lasciava particolarmente insoddisfatto il ricorrente, il quale esperiva domanda per risarcimento di danni morali e materiali nei confronti del Parlamento europeo e del Mediatore, affermando che quest'ultimo (i) non avrebbe fornito adeguate indicazioni circa la possibilità di agire direttamente presso la Corte, (ii) non avrebbe considerato la denuncia in un'ottica obiettiva ed imparziale, (iii) non avrebbe rispettato il termine di un anno per la conclusione della procedura, (iv) non avrebbe posto il suo massimo impegno nella ricerca di una conciliazione amichevole con l'amministrazione ed infine (v) non avrebbe agito in conformità con quanto sancito nell'articolo 3(6) dello Statuto e nell'articolo 6(3) delle Disposizioni di Attuazione.

A ciò l'Ombudsman aveva risposto affermando che (i) il ricorso doveva essere considerato inammissibile, poiché il controllo sul suo operato costituiva una prerogativa del Parlamento europeo; (ii) che il signor Lamberts avrebbe formulato la domanda di risarcimento del danno extracontrattuale al fine di eludere i termini, ormai scaduti, dell'azione di annullamento contro l'atto dell'amministrazione; (iii) che la discrezionalità e la mancanza di poteri coercitivi diretti che contraddistinguono i provvedimenti a sua disposizione avrebbero escluso qualunque forma di revisione da parte della Corte.

Il ricorso veniva dichiarato manifestamente irricevibile nei confronti del Parlamento e soltanto infondato nei confronti del Mediatore, sollevando quindi due ordini di questioni: l'ammissibilità di una domanda di risarcimento extracontrattuale nei confronti dell'Ombudsman e l'intensità del controllo giudiziale sulla sua gestione della procedura ex articolo 228 TFUE. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il ruolo dell'European Ombudsman nell'Ordinamento dell'Unione Europea

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Federico Mirabella
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Pasquale Pirrone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 169

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

mediatore europeo
diamandouros
amministrazione europea
o'reilly
ombudsman europeo
art 228 tfue
maladministration
ombudsnorms
söderman
codice buona condotta amministrativa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi