Skip to content

Lessico della vergogna nell' "Aiace" di Sofocle

Ἄτιμος

Com’è stato rilevato nei capitoli precedenti, l’Aiace di Sofocle appare una tragedia incentrata sull’interesse di Aiace a ripristinare la propria τιμή, agli occhi di se stesso e delle persone che egli rispetta, i suoi φίλοι149. La convinzione, in base alla quale bisogna accordare a ciascuno la τιμή che merita è omerica, ma Aiace è molto più eccessivo nella sua ricerca di τιμή di chiunque altri in Omero150. In seguito all’atto sacrilego di cui si è macchiato, l’eroe appare dunque ἄτιμος; tale aggettivo ricorre due volte nell’Aiace.

La prima occorrenza si colloca nei versi 418-26:
ὧ Σκαμάνδριοι
γείτονες ῥοαὶ
κακόφρονες Ἀργείοις,
οὐκέτ’ ἄνδρα μὴ
τόνδ’ ἴδητ’—ἔπος
ἐξερὦ μέγα—
οἸον οὔτινα
Τρωία στρατοῦ
δέρχθη χθονὸς μολόντ’ὰπὸ
Ἑλλανίδος· τανῦν δ’ἄτι-
μος Ὠδε πρόκειμαι.

O correnti vicine
dello Scamandro,
malevole con gli Argivi,
non vedreste più quest’uomo, dirò
una grande parola,
quale Troia non vide
giungere nessuno dell’esercito
dalla terra Greca: adesso giace così
disonorato.

Con tali parole di commiato, Aiace si rivolge alle correnti dello Scamandro, premeditando il suicidio. L’eroe si definisce ἄτιμος, cioè “disonorato”, dalla mancata assegnazione delle armi e dalla strage degli animali. Il concetto di ἄτιμος è tipico dell’etica omerica e comporta ignominia.

Come il termine αἰσχύνη, anche il termine ἄτιμος viene sottolineato dalla collocazione nella parte corale.

Il tema della τιμή è qui centrale ed è legato al valore militare: Aiace, secondo solo ad Achille, trama l’agguato agli Achei perché si sente da essi “disonorato” per la mancata assegnazione delle armi; per volere di Atena è invece il suo “glorioso” massacro di animali a disonorarlo. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Lessico della vergogna nell' "Aiace" di Sofocle

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Sabrina Mancuso
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Filologia, Letteratura e Linguistica
  Corso: Filologia e Storia dell'Antichità
  Relatore: Mauro Tulli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 124

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

omero
lessico
sofocle
vergogna
aiace

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi