Skip to content

Il Selfie: strutture e dinamiche psico-sociali. Il paradosso comunicativo dell'immagine dell'io

Lev Manovich e la Selficittà (estesa)

Quello di cui si andrà a parlare in questo paragrafo è di una ricerca, tratta da un articolo, pubblicato su Human Media Interaction, condotta da Lev Manovich, Vera Ferrari e Nicola Bruno, i quali analizzano attraverso il database Selfiecity (versione estesa) alcuni auto-scatti valutando la rotazione della testa e la qualità dell’espressione emotiva connessa.

Quello che si vuole dimostrare è la ricorrente presenza della guancia sinistra nei Selfie, indipendentemente dalla cultura e dal sesso, coerenti con un resoconto psico-biologico (da un punto di vista psico-sociale), riguardo al pregiudizio guance sinistre negli autoritratti: cercando di spiegare la relazione tra pregiudizi laterali e lateralizzazione dell'espressione emotiva.

Ma partiamo dal principio, ovvero dall’autoritratto ed analizziamo il primo fattore, quello della composizione. Una dei primi passi da chiarire riguardo all’autoritratto è sicuramente capire se esiste un criterio di scelta per visualizzare la guancia sinistra invece che la destra. In secondo luogo le scelte che analizzeremo sono di tipo compositivo, e qui il protagonista sarà il famoso database di autoscatti, di cui abbiamo già accennato.

Ma a che scopo? Questi ricercatori alludono all’esistenza di un pregiudizio intrigante che, secondo loro, influenza le scelte di posa in self-portaits dei dipinti, cosa che in certo qual modo si pensa del Selfie (Questo pregiudizio sembra avere potenziali implicazioni per la nostra comprensione della lateralizzazione delle funzioni nel cervello umano). Ma torniamo a noi.

Il database di Selfiecity contenente 3200 selfie pubblicati su Instagram da cinque grandi città del mondo. Dato che le guance giuste nelle immagini speculari fotografate corrispondevano all'effettiva guancia sinistra dell'attuatore, ha fatto in modo che questo onnipresente effetto di interazione è esattamente ciò che ci si aspetterebbe, se ci fosse una spontanea, naturale preferenza per la visualizzazione della guancia sinistra rispetto alla destra. Ma questo non vuol dire che la ricerca, nel suo avanzare, per quanto sorprendente, non sollevò alcuni dubbi.

Ad esempio, una prima domanda ovvia riguarda le valutazioni della rotazione della testa. Per facilitare i confronti con studi precedenti, Bruno e collaboratori hanno categorizzato i Selfie chiedendo ai valutatori di assegnarne ciascuno a una delle cinque categorie: mostrando in modo inequivocabile la guancia sinistra, mostrando in modo inequivocabile la guancia destra, leggermente ruotata a sinistra, leggermente ruotata verso il diritto e frontale. Le categorie univoche sono state determinate guardando l'immagine. Se semplici osservazioni lasciavano spazio a dubbi, si usava un righello per misurare le distanze dal centro del naso al limite visibile della guancia e il Selfie era classificato come leggermente a sinistra o a destra in base a quale distanza era più grande.

Se la differenza era inferiore a 1 mm, lo stesso era classificato come frontale. Questo metodo può essere criticato in quanto lascia una certa ambiguità sulla definizione di quella che è una rotazione inequivocabile. Una seconda domanda importante riguarda la generalità: il pregiudizio vale per i Selfie da altre città (e quindi presumibilmente da altri ambienti culturali) oltre alle cinque città analizzate (New York, San Paolo, Berlino, Mosca e Bangkok).

Infine, una terza e più importante domanda era quale potrebbe essere la causa del pregiudizio. Un’ipotesi probabile era che una causa comune poteva essere identificata nella specializzazione emisferica destra per l'espressione delle emozioni, che tende a rendere la maggior parte di noi più espressivi sul lato sinistro. Ma, se era corretta, la supposizione dell'emisfero destro implicherebbe che i pregiudizi laterali dell'auto-titolazione hanno implicazioni intriganti per la nostra comprensione della lateralizzazione delle funzioni cerebrali. Non si può escludere, tuttavia, che i pregiudizi laterali possano derivare da fattori culturali, come quelli relativi alle guance destra e sinistra alla distanza in stato o sesso. Nell'attuale documento viene sfruttato il database (esteso) di Selfiecity, che include, in questa ricerca, una sesta città (Londra) per provare a risolvere questi problemi.

Ma qual è il punto? Il fulcro della ricerca vuole dimostrare queste due tesi: In primo luogo, si vogliono convalidare le conclusioni sull'esistenza di un pregiudizio guancie sinistre analizzandole con Selfiecity osservando il comportamento in posa dei soggetti, partendo dal presupposto che sia strutturato da valutazioni automatiche della rotazione della testa, con un database esteso data la presenza di sei anziché cinque città. Secondariamente, si vogliono sfruttare le valutazioni automatiche della stessa espressione emotiva che viene percepita da Selfiecity, per ricavare alcune stime sulle emozioni positive e negative e verificare se queste differiscono tra i Selfie che mostrano più la guancia sinistra o la guancia destra. Per intenderci quello di cui sto esponendo, è realmente il primo tentativo di mettere in correlazione i pregiudizi di posa nei Selfie e l'espressione emotiva lateralizzata.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Il Selfie: strutture e dinamiche psico-sociali. Il paradosso comunicativo dell'immagine dell'io

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Pensato
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
  Facoltà: Scienze della Comunicazione e dell'Economia
  Corso: Comunicazione e Marketing
  Relatore: Federico Montanari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 64

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

comunicazione
semiotica
robotica
paradosso
io
processo mediatico
selfie
millennial
siamo unici
selficity

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi