Skip to content

Uno sguardo oltre le sbarre: l'infermiere e la gestione della tossicodipendenza

L'infermiere in carcere

In generale, l'infermiere è l'unica figura professionale che, occupandosi di assistenza, quotidianamente entra in contatto con il detenuto; ciò comporta la perdita della multidisciplinarietà necessaria per la valutazione dell'assistito a 360°. A questo va aggiunto che l'infermiere viene sempre accompagnato da un agente della polizia penitenziaria, di conseguenza si viene a perdere la riservatezza che normalmente è la base per costruire una relazione d'aiuto.

Non meno importante è il rischio che corre tutti i giorni l'infermiere nello svolgimento del loro lavoro; non sempre l'assistito è una persona tranquilla con il quale è possibile effettuare un percorso assistenziale senza problemi: spesso l'infermiere è minacciato dal detenuto con lo scopo di ricevere farmaci non prescritti; la somministrazione stessa è una procedura che richiede molta più attenzione rispetto agli altri ambienti lavorativi dal momento che gli aghi possono rappresentare un'arma.

È fondamentale avere una preparazione adeguata nell'affrontare un contesto lavorativo come quello che vi è all'interno dei penitenziari, per salvaguardare se stessi e soprattutto, cosa più difficile, per erogare un'assistenza sanitaria, e in particolare infermieristica, adeguata. Da questo punto di vista sono insufficienti gli strumenti per realizzare una formazione adatta.

La letteratura riguardo il lavoro dell'infermiere in carcere è davvero scarsa e risale soprattutto ai periodi in cui sono entrate in vigore delle riforme in ambito penitenziario, che hanno suscitato l'interesse e le polemiche. La maggior parte di queste informazioni riguardano le difficoltà tecniche incontrate e le problematiche relative all'impiego, niente a che vedere con l'assistenza infermieristica di per sé.

Svariati testi parlano dell'opportunità lavorativa che rappresentano i penitenziari, delle differenze che vi sono con gli altri ambiti e degli ostacoli che gli infermieri incontrano in questo contesto. Sono rari, se non inesistenti, gli studi che si propongono di ricercare le criticità dell'assistenza negli istituti di pena e di stilare degli obiettivi da raggiungere per il miglioramento non solo dell'assistenza, ma anche della salute della popolazione detenuta.

La figura dell'infermiere ha l'importantissimo compito di creare un rapporto con il soggetto privato della libertà, il quale non sempre si mostra fiducioso e disponibile. Infatti si è visto come nello studio condotto nel penitenziario di Vicenza, le informazioni fornite, le attività di counseling e in generale l'educazione sanitaria siano state importanti per il raggiungimento di un'alta quota di partecipazione al progetto.

Infatti, non è una novità che una buona relazione e comunicazione stiano alla base della terapia e che addirittura rappresentino una prima fase della stessa. Si è parlato tanto anche di studi e di ricerche i cui risultati evidenziavano come un buon approccio con il paziente e quindi un coinvolgimento attivo di questo nel processo di cura portava a risultati terapeutici migliori.

Le caratteristiche dell'assistenza infermieristica sono invariate a prescindere dal contesto lavorativo; tuttavia possiamo immaginare la formazione infermieristica come una torta a due piani: al primo piano abbiamo una base identica per tutte le occasioni, mentre al secondo piano ci sono delle differenze sostanziali che si distinguono in base al contesto. Ecco il secondo piano della nostra torta non è altro che l'assistenza specializzata, sorretta da quella di base; infatti, quest'ultima da sola non è in grado di rispondere ai bisogni in maniera completa ed esaustiva, ma necessita di ulteriori conoscenze, diverse in base al contesto lavorativo. È per questa ragione che per un professionista la formazione è continua e non si ferma alle prime tappe. La stessa cosa dovrebbe avvenire per lavorare in un contesto come questo, anche se così non è.

In campo penitenziario, l'educazione del paziente circa la sua patologia, il trattamento e le complicanze, è fondamentale come in qualsiasi altro contesto. In particolare, il detenuto si dimostra più reticente verso qualsiasi tipo di trattamento, quindi la conoscenza del suo stato di salute è il primo passo per promuovere quest'ultima. Con l'apprendimento, non si fa altro che motivare il detenuto al cambiamento, optando per stili di vita più sani, o nel caso della tossicodipendenza, a intraprendere un percorso di disintossicazione. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Uno sguardo oltre le sbarre: l'infermiere e la gestione della tossicodipendenza

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Maria Immacolata Spanò
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi di Catanzaro Magna Grecia
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Infermieristica
  Relatore: Giuseppe Casile
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 75

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

tossicodipendenza
droga
carcere
ser.t
dipendenze
droghe
penitenziari
tossici
infermiere in carcere
salute in carcere

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi