Skip to content

Strategie dei concorrenti ed evoluzioni del mercato Smartphone

Boom mondiale dei produttori cinesi

Lo smartphone è oramai l'oggetto tecnologico a cui meno si rinuncia e proprio in quest'ultimo anno si è registrato un boom di dispositivi, soprattutto low cost. L'abbondanza di dispositivi economici sotto la soglia dei cento dollari, unita alla crescente domanda nei Paesi emergenti, spinge il mercato mondiale degli smartphone verso una direzione precisa. Nel 2014 infatti i brand più conosciuti e apprezzati sul mercato occidentale (Motorola, LG, Samsung, Apple) non crescono più, oppure crescono marginalmente, sono stati pubblicati interessanti dettagli relativi al mercato degli smartphone che rispecchiano quello che è un po' la percezione di noi appassionati. In tre mesi, da aprile a giugno, si registrano vendite per 295,3 milioni di unità, con una crescita del 23,1% su base annua di cui si avvantaggiano soprattutto i marchi cinesi.

I dati raccolti indicano chiaramente che in Europa e Nord America la fase di boom è passata: siamo in una fase di ristagno/saturazione, dove i nuovi modelli migliorano i precedenti solo marginalmente e la maggior parte dei consumatori non sente più l'impulso di cambiare dispositivo così frequentemente come in passato.
Le ragioni sono due: primo, i produttori cinesi costruiscono device sempre più allettanti, con caratteristiche tecniche sempre più vicine a quelle dei big occidentali, e un prezzo nettamente più vantaggioso. Secondo, il marketing dei produttori occidentali riesce sempre meno nell'intento di giustificare al consumatore medio (per capirci, chi non ha idea della differenza tra QHD e FHD) le differenze di prezzo con i prodotti cinesi. Succede quindi che i consumatori occidentali guardano con sempre più interesse ai prodotti orientali che son ben altro che cloni mal riusciti come accadeva fino a poco tempo prima.

Andiamo a vedere nello specifico la situazione del mercato cinese e la sua composizione nel Primo trimestre del 2014: secondo l’analisi di Counterpoint Research riguardante il mercato smartphone cinese evidenzia infatti la presenza di un consistente numero di “Altri” produttori, comprendente i dispositivi prodotti da piccoli marchi, che al di là della Muraglia la fanno ancora da padrone, detenendo il 19 % del mercato.

Ecco quindi gli smartphone made in Cina che vanno alla conquista del mercato e costruttori cinesi di device mobili che guadagnano con rapidità fette di mercato fino a poco tempo fa inimmaginabili. Huawei e ZTE hanno solo aperto la strada, ma anche Oppo, Meizu e Xiaomi (che in Cina è il produttore numero uno in assoluto) stanno arrivando, e le premesse per un grande successo ci sono tutte. Insomma, i produttori che hanno guadagnato i favori del mercato occidentale dovranno essere ben preparati: la lotta sarà senza quartiere. La neo arrivata OnePlus ha cercato con il suo OnePlus One di ideare una strategia di marketing improntata sull’attesa e sul desiderio per poter nascondere l’impossibilità di produrre un numero massiccio di unità come le altre aziende sopracitate.

Quello che salta subito all’occhio è la percentuale incredibile di nuove imprese “other” che si affacciano al mondo della telefonia mobile. Il 50% dei device venduti in Asia provengono da piccole nuove imprese, un dato che ci fa comprendere come l’espansione in questo paese sia appena cominciata.
Come dicevamo il buon andamento del settore non premia tutti i protagonisti. Samsung resta in testa alla classifica con il 25,2% del mercato, a fronte del 32,3% del secondo trimestre 2013. Al secondo posto si conferma Apple con 35,1 milioni di iPhone venduti, 3,9 milioni in più del pari periodo 2013, e una market share in calo dal 13 all'11,9%. Eppure, se consideriamo l'intero mercato globale, il settore degli smartphone è ancora in forte crescita, anche se minore rispetto agli anni precedenti. Rispetto allo scorso anno, sono stati venduti il 27% in più di device. A trainare verso l'alto le vendite sono i due mercati cinese e indiano, in pieno boom; in cui, però, i nomi più apprezzati in Europa e America faticano a sfondare.

Il fattore che ha influenzato maggiormente e in modo positivo l’espansione di queste aziende è senza dubbio il costo di vendita davvero contenuto, che ha permesso a quasi tutti gli utenti di trovare un prodotto adatto alle proprie esigenze. Sia ben chiaro però, il fatto che costino meno non vuol dire che la qualità sia scadente, anzi. In molti casi infatti ho avuto modo di provare smartphone e dispositivi davvero performanti e belli dal punto di vista estetico, nonostante il prezzo potesse far pensare altro.
Il primo produttore in classifica è Samsung, in vetta con il 18%, seguito a distanza da Lenovo, che si ferma al 12%. La ricerca sottolinea, tuttavia, in particolare la continua e consistente crescita di Xiaomi in patria: il produttore cinese sale infatti al terzo posto con una quota di mercato dell’11%, superando anche Apple (appaiata a Coolpad al 10%); previsioni persino migliori per il trimestre in corso che rappresenterà uno snodo cruciale per l’azienda, come conferma Neil Shah, ricercatore Counterpoint:
“Durante questo trimestre, Xiaomi è uscita dalla Cina, arrivando su mercati come Singapore, in cui ha lanciato i suoi dispositivi con tutti i tre maggiori operatori. Il secondo trimestre 2014 potrebbe essere molto importante per Xiaomi, qualora riuscisse a mantenere i propri numeri in patria in un momento in cui si concentra sui mercati internazionali.”
Piano piano quindi tutti i tasselli andranno al loro posto, e sono sicuro che già dall’anno prossimo una grande fetta del mercato verrà totalmente invasa da questi produttori e dai loro gioiellini, che non sono più semplici copie o tentativi di imitazione, ma delle certezze vere e proprie con una loro identità ben precisa. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Strategie dei concorrenti ed evoluzioni del mercato Smartphone

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marco Roccisano
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università Telematica Internazionale Uninettuno
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Gestione delle Imprese
  Relatore: Massimiliano Celli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 79

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi