Skip to content

Interazione sociale e costruzione del sé

Gli schemi del sé

Il sé può essere considerato come un punto di cerniera, e in questo punto si verifica l'incrocio di dati sociali con quelli intrapsichici. Torna nuovamente l'importanza dell'esperienza sociale, grazie alla quale è possibile ricavare molte informazioni su noi stessi. È proprio dall'esperienza sociale che derivano molte informazioni su noi stessi.

Tali informazioni rivestono un'importanza fondamentale poiché queste vengono organizzate ed elaborate attraverso dei processi di elaborazione interna e dopodichè vengono organizzate in strutture di conoscenza.
Quest'ultime costituiscono lo schema del sé. Lo schema del sé è un concetto essenziale, per comprendere ampiamente la natura dello stesso sé. Le persone interpretano ed elaborano informazioni, ma come queste vengono interpretate ed elaborate e come queste vengono selezionate dipende solo dallo schema del sé. È importante sottolineare che gli uomini sono portati a fornire delle risposte che siano coerenti con il proprio schema di sé, tralasciando l'accuratezza di quest'ultime. Le persone sono consapevoli di sé stessi, molto spesso sentiamo questa affermazione, ma in effetti di che cosa lo sono? Cosa è che le persone sanno di loro stesse?

Possiamo iniziare con l'affermare che per quanto riguarda l'uomo, la conoscenza di sé viene costruita in maniera simile e attraverso molti processi con cui noi costruiamo le rappresentazioni sociali delle altre persone.
Utilizzando determinati schemi l'individuo apprende informazioni intorno al sé, in modo simile a quanto fa per altre persone.
Il concetto di schema del sé, è stato affrontato da Markus. Secondo la Markus (1977) il concetto di sé è costituito da un insieme di schemi, i quali corrispondono a dimensioni in riferimento alle quali noi conosciamo noi stessi. Uno schema comprende tutte le informazioni note sul sé in un settore particolare della condotta dell'individuo. Gli schemi del sé possono essere considerati come se fossero dei magazzini nei quali vengono inserite le conoscenze riguardo se stessi. La funzione fondamentale che viene svolta dagli schemi del sé riguarda la loro funzione nel processo di codifica e di elaborazione delle informazioni riguardo la propria persona.

Essi hanno un ruolo attivo poiché selezionano e interpretano i diversi eventi sulla base di quanto l'individuo già sa di sé stesso. Secondo la Markus, il sé non è qualcosa di rigido o statico e né tantomeno un'entità singolare. Il sé è un concetto molto complesso avente differenti sfaccettature e che presenta un ampio numero di schemi diversi del sé.
Ma vediamo cosa si intende precisamente con schema del sé.

Le persone hanno in linea di massima idee chiare su chi siano e su sé stesse, con questo hanno appunto schemi di sé. Le idee chiare che però possiedono, sono solo in merito ad alcune situazioni e ad alcune dimensioni ma non su tante altre. Gli schemi che possiedono gli individui sono in riferimento a dimensioni che per essi sono importanti e di cui sono altamente convinti che il contrario di tali dimensioni non può avere valore.
Lo schema è stato anche definito da Bartlett come: un principio di organizzazione di un’esperienza passata attraverso cui l’individuo è in grado di comprendere le situazioni nelle quali si trova immerso. È stato anche visto di come la maggior parte degli schemi si acquisiscono grazie alle esperienze ed è per questo che è importante far sì che il bambino sin da subito possa relazionarsi con il maggior numero di esperienze possibili, proprio perché queste favoriscono lo sviluppo degli schemi.

Per fornire un esempio: se si ha la convinzione di essere sofisticati e per la persona ciò è importante, allora su questo aspetto l'individuo sarà particolarmente schematico perché questo fa parte del suo concetto di sé.
Se al contrario, la persona non si considera affatto sofisticata, allora l'essere sofisticati perde importanza e perciò non rientra nel suo schema di sé.

«Non mettete tutte le vostre uova e non solo Cesto cognitivo», Con questa espressione Patricia Linville (1985), esprime in maniera precisa ciò che l'uomo fa in maniera abituale. Gli uomini tendono a utilizzare i propri schemi di sé in maniera strategica. Risulta fondamentale possedere una molteplicità di schemi del sé, perché è attraverso questi che ci si può proteggere dalle avversità della vita e comprendere le situazioni nelle quali ci troviamo. Ripercorrendo l'espressione precedente, si potrebbe sempre tirar fuori qualche schema di sé da altri cesti in modo da recuperare qualche soddisfazione.

Secondo Showers,gli schemi di sé suddivisi in modo molto rigido possono presentare e apportare vari vantaggi. Infatti, se alcuni schemi di sé risultano essere molto negativi e altri al contrario risultano essere positivi, gli eventi possono portare cambiamenti estremi di stato d'animo in base a sé viene attivato uno schema positivo o al contrario negativo. In generale, sono preferibili più schemi associati di sé.

Del sistema degli schemi del sé che fanno parte due categorie:
• Concetto di sé operativo (working self-concept)
• I Sé possibili

Con il concetto di sé operativo o working self-concept, si intende l'esistenza di diverse componenti del concetto del sé e queste sono specifiche a seconda dei contesti in cui è inserito l'individuo. Possiamo indicarlo anche come quella parte del concetto di sé che viene attivata dal soggetto in una determinata situazione oppure come la dimensione del sé, alla quale si ha accesso solo in riferimento ad una situazione particolare.
Con il concetto di sé possibili invece, si intendono le idee che un individuo ha rispetto ciò che potrebbe essere in futuro ma anche rispetto ciò che teme di diventare in futuro. Questi hanno la funzione di motivare ed incentivare per le future condotte e donano un ordine interpretativo e valutativo cerca la visione che una persona ha di sé stesso.

Questo brano è tratto dalla tesi:

Interazione sociale e costruzione del sé

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Ylenia Troiani
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Scienze dell'Educazione
  Corso: Scienze dell'educazione e della formazione
  Relatore: Giuseppe  Carrus
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 92

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi