Skip to content

Approcci educativi per il bambini con disturbi dell'udito

Disturbi dell'udito: approcci nel periodo neonatale

"La cecità allontana le persone dalle cose; la sordità allontana le persone dalle persone". (Helen Keller)

La sordità o ipoacusia è una disfunzione dell'organo dell'udito, uno degli organi di senso più importanti nello sviluppo del bambino. Alfred Tomatis, ricercatore, patologo e psicolinguista italo-francese affermava che l'organo dell'udito è il primo a svilupparsi già nel grembo materno e consente, attraverso l'ascolto, il contatto con il mondo esterno.

Questa disfunzione, in particolare, va a ritardare lo sviluppo cognitivo, del linguaggio e in alcuni casi quello motorio.

Il problema che maggiormente interessa lo sviluppo del bambino sordo, è legato all'acquisizione del linguaggio, tema che preoccupa molto le famiglie e che crea il primo blocco comunicativo tra la persona non udente ed il resto del mondo.

"Il linguaggio consiste nella competenza ad associare suoni e significati mediante regole grammaticali, che variano con il mutare delle lingue specifiche […] Apprendere a parlare è una delle imprese più complicate che la specie umana riesca a compiere".

Per quanto riguarda gli studi fatti sull'acquisizione del linguaggio, le teorie sono moltissime e fin dall'antica Grecia i grandi filosofi hanno cercato di comprendere la funzione del linguaggio.

Per il nostro studio verranno analizzate tre delle maggiori teorie psicoanalitiche del ‘900, in particolare: "la teoria dell'apprendimento per rinforzo" di Skinner, "la teoria generativa" di Chomsky e "la teoria interazionista" di Bruner.

Skinner, nella teoria dell'apprendimento per rinforzo sostiene che ai primi balbettii di suoni e fonemi è seguito un rinforzo dovuto all'atteggiamento degli adulti che cercheranno di far capire al bambino le sequenze di suoni più vicini a quelli emessi di senso compiuto.

Un ulteriore rinforzo è dato dal soddisfacimento di un bisogno seguito alla parola emessa dal bambino (esempio dando il biberon in seguito alla pronuncia della parola "pappa").

Chomsky, con la teoria Generativa, afferma che il linguaggio è qualcosa di innato che viene appreso per esposizione.

Secondo l'autore il linguaggio si sviluppa seguendo la base biologica che è strutturata secondo una grammatica universale cioè "il sistema di principi, condizioni e regole che sono elementi e proprietà di tutte le lingue".

Il linguaggio viene scoperto dal bambino attraverso un insieme di regole, partendo dalle più semplici fino ad arrivare alle più complesse ed articolate.

Chomsky va in contrasto con la teoria di Skinner (che vede l'acquisizione del linguaggio come imitazione del linguaggio degli adulti), sostenendo che il bambino utilizza il linguaggio in modo creativo, creando e producendo parole del tutto nuove, mai sentite prima.

L'autore statunitense è stato ampiamente criticato nella sua teoria poiché considera il linguaggio indipendente dall'intelligenza e dalla capacità comunicativa; perché sostiene che il bambino si esprime possedendo regole grammaticali e di comunicazione prima di sapere come utilizzarle ed in ultimo perché non considera l'influenza dei suoni provenienti dall'ambiente in cui cresce il bambino come elemento di indagine. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Approcci educativi per il bambini con disturbi dell'udito

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Matilde Tropea
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: COORDINATORE DEI SERVIZI EDUCATIVI E SOCIALI
  Relatore: Maura  Camerucci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 201

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

disabilità
scuola
riabilitazione
bambino
crescita
sordità
lis
intervento pedagogico
ipoacusia
impianto cocleare

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi