Skip to content

Identità cultuale della chiesa Maria SS. Assunta a Ravanusa. Regesto storico, Progetto di Restauro e Adeguamento Liturgico

Letter-writing History: Classical Models and Renaissance Appropriation

The four quotations above are definitions of the literary genre of the epistle and, though from different authors, they share the same opinion: it is seen as a means of communicating which succeeds in bringing two distant persons as close as possible. The first comes from Desiderius Erasmus (1466 – 1536), the Dutch humanist regarded as a major figure in the subjects of religion and literature: the second is voiced by Juan Luis Vives (1493 – 1540), a Spanish scholar, whereas the third is penned by Angel Day (1546? - unknown), an Elizabethan rhetorician.

The fourth is given by Donne, who in one of his Verse Epistles addressed to his friend Henry Wotton expands on the idea that writing a letter can get two friends together. Since the ancient times the kiss has been held as the moment when the two parties' souls become one, yet Donne's Verse Epistle to Sir Henry Wotton claims that letters blend the friends' souls better than kisses: when a letter is written to a friend, the sender's soul permeates the letter, and when the receiver reads the letter his soul and that of the sender fuse together, enabling their dialogue through 36 the physical letter, indeed "the site for mixing souls". This is just one example of Donne's peculiar use of the Verse Epistle, that is why it is necessary to situate such literary genre within a longstanding tradition reaching back to the Antiquity so as to understand its value and complexity. The history of the Verse Epistle is closely linked to that of the letter-writing manuals because the need to write to someone entails having a clear idea of what to write and how to address the receiver.

Nevertheless, it would be wrong to imagine an ancient letter-writing manual as a book on its own devoted to letter-writing alone. The first major letter-writing manual is Demetrius of Phalerum's De elocutione, a treatise on style, including instructions on letter-writing. According to the Athenian orator the style of a letter should resemble that of a conversation: epistles must be written neither too plainly, lest they become too 'oral', nor too formally, otherwise they would turn into orations. Letters are not monologues but "conversations halved", because they contain the sender's spirit, which finds his other half in the receiver's reply: such affectionate mode is not to be used only amongst friends, but also amongst members of aristocracy, who may not know each other personally, and yet share the same upbringing.

Ps.-Demetrius' Typoi Epistolikoi (Letter Types) is instead primarily conceived for the profession of secretary. He must know letter-writing rules and conventions as well as the differences among styles, which here are twenty-one: "friendly, commendatory, blaming, reproachful, consoling, censorius, admonishing, threatening, vituperative, praising, advisory, supplicatory, inquiring, responding, allegorical, accounting, accusing, apologetic, congratulatory, ironic, thankful".

The author, anyway, mostly focuses on the first type, because it sums all the others up: the friendly type also gives the possibility to mellow orders and commands by means of persuasion. Persuasion, declares Aristotle (384 BC – 322 BC), is the device around which rhetoric is built: it is exploited in the deliberative genre of rhetoric by the orator, whose goal is to cause a reaction or influence the opinion of an audience about a specific course of action: in order to do so, the orator will discuss only the arguments which are more likely to win the audience, whether the course of action is or is not to be taken.

In the field of letter-writing, however, persuasion serves another purpose: backed up by argument, ethos and pathos, it may be used in order to give orders and commands, and it is not only justified by the bond of friendship between the sender and the receiver, but is also instrumental to the existence of the bond itself. The friendly style entails a frequent correspondence, in which what is said between the sender and the receiver is less important than the act of writing which sustains such a friendship (p. 27): in this case Donne's ideas about letter-writing may be considered traditional, in that, as he writes to Bridget White,

[...] it may be so many of my letters are lost already that it is time that one should come, like Job's servant, to bring word that the rest were lost. [...]. It comes to you like a bashful servant, who, though he have an extreme desire to put himself in your presence, yet hath not much to say when he is come. (July, 1610, p. 236).

Poster traces two more seminal works in the antiquity, the first is Ps.-Libanius's Epistolimaioi Kharactêres (Epistolary Types, 4th century): Ps.-Libanius emphasizes that a letter must be of whatever length is appropriate to the subject, and in this this manual differs from the two earlier Greek ones. The style on which Ps.-Libanius mostly insists is very simple, deprived of figures of speech: the letter models present in this treatise are very brief and vague in order to be copied and applied to any situation, as in the following example:

The letter of denial. I have done none of those terrible things, most noble sir, which you listen to and accuse me of. So, do not think badly of me. For it is not right to believe a false accusation and an idle rumour that contains nothing sound. For false accusation is the mother of war. (p. 32)

The second seminal work is that of Philostratus of Lemnus (3rd century), which does not exist in its entirety, but is cited by his uncle, Flavius Philostratus (170 – 247), Gregory of Nazianzus (329-389) and Ps.-Libanius. Philostratus of Lemnos (190 -?) is a Greek sophist of the Roman imperial period who aspires to the office of the imperial ab epistulis grecae, coveted by many philosophers and orators: Philostratus, nevertheless, is appointed precisely because of his skill in letter-writing. The treatise underlines the difference between epistolary and oratorial arts: the former is considered more suitable for letters than the latter because letter-writing is characterised by clarity, brevity, a certain elegance in style, and must be devoid of literay allusions, ornate language, exempla and periods, which would otherwise transform it into an oration. […]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Identità cultuale della chiesa Maria SS. Assunta a Ravanusa. Regesto storico, Progetto di Restauro e Adeguamento Liturgico

Altri brani estratti dalla tesi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Angelo Di Natali
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Architettura
  Corso: Architettura
  Relatore: Gaspare Massimo Ventimiglia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 105

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

chiesa
convento
restauro
beni culturali
conservazione
diagnostica
diocesi
agrigento
adeguamento liturgico
ravanusa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi