Skip to content

Automazione e imprese: Il paradigma dell'occupazione nello scenario attuale

I giovani e le macchine

Il primo elemento di analisi per comprendere quali effetti causano le automazioni in azienda sull’occupazione è il tasso di disoccupazione; certo è che tale tasso non è solo influenzato dalla presenza delle macchine in azienda, ma si può individuare in tale fenomeno una possibile causa di variazione nei prossimi anni quando la tecnologia raggiungerà livelli molto più alti degli attuali. Come abbiamo già visto in precedenza, secondo le stime ISTAT riferite all’ultimo trimestre del 2016, il tasso di disoccupazione attuale in Italia si trova sotto al 30%, ma quello giovanile è sempre in aumento al 41%, e pensare che quattro giovani su dieci dai 25 ai 34 anni non lavorano è molto preoccupante in ottica futura dove sempre più generazioni entreranno nella corsa al posto di lavoro (ISTAT, 2017). Si tratta dunque di un dato allarmante, da tenere sempre in considerazione e cercare di arginare se si vuole creare un futuro per l’intero paese.

Nel ricercare le cause di questa disoccupazione cronica del settore giovanile si possono aprire diverse strade che portano a risultati tutti diversi tra di loro, poiché tali cause sono molteplici e complesse. Una prima importante causa analizzabile si riferisce ad un ambito ancora precedente a quello lavorativo, ovvero quello scolastico: in un periodo in cui si parla sempre con più insistenza del collegamento tra scuola e lavoro, l’attenzione della ricerca si basa sulle competenze maturate dagli studenti di tutte le età.

Secondo delle recenti rilevazioni dell’Organisation for Economic Co-operation and Development (OECD) uno dei problemi principali del nostro Paese è il fatto che i giovani italiani svolgono per una buona parte un “lavoro di routine” (31%), ovvero un lavoro che non necessita di particolari competenze specifiche, cosa che li spinge sempre più frequentemente ad abbandonare gli studi precocemente in un’ottica di occupazione “passiva” (OECD, 2015, p. 117-132).

Oltre a questo fenomeno si affianca un secondo caso che prende il nome di “mismatching lavorativo”, ovvero il fatto che le persone, in questo caso giovani, non ricoprono il ruolo lavorativo adatto alle loro competenze formative: nell’area Ocse la percentuale di queste persone raggiunge il 62%, con particolare attenzione alle persone che ricoprono ruoli superiori alle loro competenze (26%) e quelli che vedono non sfruttate le proprie conoscenze formative ed indirizzati a ruoli lavorativi inferiori (6%) (OECD, 2015). Un’altra cosa molto strana e allo stesso tempo importante è il fatto che molti giovani hanno delle competenze formative molto basse per l’epoca in cui viviamo e le capacità richieste dalle aziende: in Italia il 54% dei giovani non ha esperienze di uso del computer sul luogo di lavoro, il 27% ha scarse capacità di lettura ed il 26% ha scarse abilità matematiche in età lavorativa.

Tale fenomeno riguarda in primo luogo gli studenti universitari che con sempre più frequenza abbandonano il nostro Paese per cercare fortuna all’estero, concetto definito “fuga di cervelli”. Malgrado le università italiane vengano considerate tra le migliori in Europa e spesso ditte e realtà straniere vengano a cercare studenti italiani, il fenomeno dell’overeducation e dell’overskilling in Italia è molto frequente: mentre il primo fenomeno riguarda il fatto che per acquisire un posto di lavoro non è stato necessario il titolo di studio maturato (8% dei casi in Italia), il secondo riguarda il fatto che le competenze maturate nel percorso scolastico non sono state necessarie per ottenere il posto lavorativo (11,4% dei casi).

Benché la differenza sostanziale tra questi due fenomeni sia il titolo di studio, è altresì vero che tra i due vi è una connessione che si manifesta con la presenza di competenze superiori a quelle richieste, causa principale della fuga di giovani all’estero che cercano delle posizioni lavorative adatte alle loro capacità. Questo fenomeno, che si manifesta in modi più o meno forti come illustrato nella Figura 5, provoca evidentemente dei disagi e degli svantaggi a capo degli studenti che si trovano in una situazione di overeducation o overskilling:
• Lo stipendio si pone tra il 15% ed il 25% in meno rispetto ai colleghi laureati;
• Le competenze teoriche sono molto più deboli di quelle pratiche, cosa che suggerirebbe un’attenzione maggiore alla formazione post-lauream;
• Il capitale umano nazionale viene sottovalutato. [...]

Questo brano è tratto dalla tesi:

Automazione e imprese: Il paradigma dell'occupazione nello scenario attuale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Davide Righele
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2015-16
  Università: Università degli Studi di Verona
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Serena Cubico
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 52

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

lavoro
economia
disoccupazione
automazione
robot
occupazione
imprese
uomo macchina
disoccupazione giovanile
sostituzione dell'uomo a lavoro

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi